Skip to content

I settori economici industriali negli anni della grande trasformazione (1950-1970)

I motivi dell’esodo calabrese

Il quadro economico – sociale della Calabria nel secondo dopoguerra era di profonda depressione: la popolazione inattiva toccava il 65% e disoccupazione e, ancor più, sottoccupazione presentavano indici allarmanti. Vi era una notevole precocità al lavoro in quanto i ragazzi e i bambini venivano impiegati nell’attività produttiva.
La sottoccupazione era tanto alta che l’impiego medio annuo per unità lavorative non andava oltre le 100 giornate nelle zone ad agricoltura promiscua e le 199 giornate nelle zone ad agricoltura intensiva. La disoccupazione interessava 71.000 unità lavorative. Su 477.000 famiglie in Calabria il 38% risultavano disagiate.
La spinta per una nuova Calabria nasceva da questi dati negativi, tra cui quello del reddito, che si presentava come il più basso di tutta la penisola.

Molte furono le discussioni sul problema della regione Calabria a livello nazionale : si calcolarono i miliardi di lire spesi per colonizzare la Libia e l’Abissinia, ma meglio avrebbe fatto Mussolini a "colonizzare" Calabria e Sicilia.

Il divario tra le regioni settentrionali e quelle meridionali nell’Italia unita cresceva anno per anno. Si registrarono molte sperequazioni: basti pensare che la Calabria, con l’Abruzzo, pagava l’energia più che in talune regioni settentrionali e possedeva una rete distributiva tra le più arretrate del Paese.

Gli aiuti ERP avevano finanziato, per lo più, gli acquisti di attrezzature industriali del Nord; il piano "case – Fanfani" aveva concesso alla Calabria solo le briciole.
Inoltre, cominciavano a pesare gli effetti del nuovo corso economico, poi detto "miracolo", che lavorava in negativo le risorse calabresi. La Cassa del Mezzogiorno, nei suoi primi esercizi, non aveva potuto mostrare la sua reale utilità. Gli interventi effettuati risultavano essere disomogenei con la politica economica nazionale.

In Parlamento diversi furono i contrasti, tra le sinistre ed i democristiani, su come affrontare la questione calabrese. I diversi ostacoli vennero superati sia attribuendo alla Cassa del Mezzogiorno il compito di progettazione e di direzione sia definendo l’area di intervento con un piano organico. In dodici anni si previde un intervento di 204 miliardi di Lire destinati più della metà in opere pubbliche e di bonifica montana e valliva (opera di valorizzazione della Sila 1950-1970).

Si calcolava che nel quarto di secolo tra il 1950 e il 1975 la "Cassa" investì sul territorio calabrese circa 620 miliardi.

Nonostante i diversi interventi effettuati, il miracolo economico finì per alimentare il divario Nord-Sud, in quanto il preminente obiettivo delle riforme era quello di aumentare prima le potenzialità del Nord e solo dopo trasferire quote del nuovo reddito alle regioni meridionali. Difatti, nonostante gli interventi effettuati al Sud, le popolazioni meridionali emigrarono in cerca di maggior fortuna verso le regioni settentrionali.

La Calabria in primo luogo fu trasformata nella sua struttura demografica, in quanto dal 1871 al 1951 aveva registrato un’emigrazione netta di 782.000 unità. Nel ventennio successivo essa ne registrò ben 690.000, provocando così una conseguente diminuzione della popolazione. Oltre quindi alla bassa percentuale di natalità e la stazionarietà del tasso di mortalità, la causa principale del mancato sviluppo demografico è dovuto in gran parte all’esodo dei calabresi che invertirono la rotta verso il Nord, rotta che, di solito, li vedeva più vicini a città come New York e Buenos Aires.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I settori economici industriali negli anni della grande trasformazione (1950-1970)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Cristiano
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Catanzaro Magna Grecia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Antonio Carvello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

miracolo economico
cassa del mezzogiorno
motorizzazione di massa
storia della calabria
grande trasformazione
modernizzazione difficile in calabria
tesi storia dell'industria
tesi storia calabria
tesi miracolo economico
i settori economici industriali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi