Skip to content

Vantaggi Competitivi e Responsabilità Sociale d'Impresa

Catena del valore e vantaggio competitivo

Nell'esaminare le fonti del vantaggio competitivo bisogna analizzare la catena del valore intesa come insieme di attività strategicamente rilevanti. Le differenze tra imprese nello svolgere le attività facenti parte della catena del valore misura le differenze di valore creato per i clienti, inteso quest'ultimo come la somma che i compratori sono disposti a pagare per ciò che le imprese forniscono loro. La catena del valore comprende due elementi: le attività generatrici di valore e il margine. Le prime sono le attività fisicamente e tecnologicamente distinte che un'azienda svolge, il margine è la differenza tra il valore totale e il costo complessivo per eseguire le attività generatrici di valore. Le attività generatrici di valore utilizzano input acquistati dall'impresa, risorse umane, una tecnologia e delle informazioni (e creano altre informazioni). Esse si dividono in attività primarie e attività di supporto. Le attività primarie, ognune delle quali divisibile in un certo numero di attività distinte sono: la logistica in entrata (attività relative alla gestione e ricevimento degli input), le attività operative (trasformazione degli input), la logistica in uscita (raccolta, immagazzinamento e trasporto prodotti finiti), il marketing e le vendite (attività orientate a procurare i mezzi mediante i quali i compratori possono acquistare il prodotto e sono indotti a farlo), i servizi (attività orientate a fornire il prodotto di servizi aggiuntivi per aumentarne il valore). Le attività di supporto sono anch'esse divisibili in attività distinte e sono: l'approvvigionamento (funzione di acquisto degli input usati nella catena del valore), lo sviluppo della tecnologia (l'insieme di know how, procedure e tecnologie utilizzate nei processi aziendali), la gestione delle risorse umane (l'insieme delle attività che riguardano la ricerca, l'assunzione, l'addestramento, lo sviluppo e la mobilità del personale) e le attività infrastrutturali dell'impresa (attività di sostegno dell'intera catena come la direzione generale, la finanza, il legale, gli affari con gli enti pubblici e la gestione della qualità). Le varie attività della catena del valore non sono tra loro indipendenti, anzi il vantaggio competitivo deriva oltre che dalle attività stesse anche dai vari collegamenti fra di esse. I collegamenti portano ottimizzazione e coordinamento tra le attività e la loro individuazione consiste nel cercare i modi con cui un'attività influisce su un'altra o viceversa. Alla stessa maniera possono essere creati dei collegamenti tra le attività dell'impresa e le attività della catena del valore dei fornitori o dei canali (collegamenti verticali), in modo da creare vantaggi dall'ottimizzazione congiunta o dal coordinamento delle stesse.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Vantaggi Competitivi e Responsabilità Sociale d'Impresa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Di Carlo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Mauro Romano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi