Skip to content

Il ciclo politico-economico in Italia (1960-2008)

Il ciclo politico-economico nella letteratura

Il ciclo politicoeconomico è un fenomeno ancillare della democrazia, nel senso che accompagna la vita democratica quanto più questa si inoltra nell'era del controllo politico dell'economia, delle comunicazioni di massa e della competizione elettorale; sia nel senso di prestare un servizio non richiesto, corruttore del concetto di rappresentanza politica, sia nel senso di rendere economicamente più onerose le procedure democratiche. Si è in presenza, quindi, di costi politici e di costi economici.
Particolarmente attinenti al tema del controllo politico dell'economia sono la nascita della società pluralista, con il conseguente predominio dei gruppi, delle grandi organizzazioni e dei sindacati sui cittadini non organizzati e la rivincita degli interessi, che in una società tecnologica, burocratizzata e conflittuale trovano più ampio spazio per condizionare il comportamento dei rappresentanti in parlamento, al contrario della rappresentanza politica della nazione e del mandato libero, non revocabile, che sono conseguenza e fondamento della sovranità popolare.
È un fenomeno che corrompe la rappresentanza politica in quanto dà espressione a una volontà, quella del ceto politico, che non è quella degli elettori, né della nazione. Sovrappone le preferenze private dei politici a quelle dei cittadini attraverso un meccanismo che, partendo dalla manipolazione dell'economia, induce erroneamente gli elettori a premiare i politici di professione per condizioni economiche generali artificialmente create e quindi instabili e temporanee. Il ciclo politicoeconomico impedisce, inoltre, la formazione di un giudizio corretto sulle responsabilità, alterando se pur temporaneamente i dati di fatto.
Esso rappresenta un fallimento della rappresentanza politica e sarà sempre più rilevante quanto più la democrazia si affermerà come forma di governo. I fenomeni degenerativi che lo caratterizzano sono tanto più incisivi ed evidenti quanto più la democrazia è stabile e i conflitti sociali sono deideologizzati. Quando invece prevalgono le contrapposizioni ideo
logiche, le passioni, l'emergenza istituzionale e la debolezza del potere esecutivo, la manipolazione economico-elettorale resta sullo sfondo. Il consenso politico si cerca su altri piani, non per questo meno lesivi del principio di rappresentanza, e la situazione di crisi offre minori spazi di manovra ai grandi gruppi d'interesse per la realizzazione di rendite elettorali. I cicli elettorali sono una patologia della democrazia non solo per i costi politici, ma soprattutto per quelli economici, riassumibili in tre categorie.

1. Quelli derivanti dal controllo elettorale dell'economia che spingerebbe artificialmente i sistemi verso un tasso d'inflazione troppo elevato e un tasso di disoccupazione troppo basso rispetto alla norma. A cui si aggiungono la rilassatezza delle politiche monetarie e l'espansione sistematica della spesa pubblica a fine legislatura.

2. I costi collegati al processo di adattamento ad una fase ciclica ben realizzata. Gli agenti economici prenderanno, così, decisioni sulla base di aspettative che si riveleranno sorprendentemente false. Cosicché dopo le elezioni si dovranno fare i conti con nuove realtà.

3. I costi contrattuali addizionali impliciti nel ciclo politico degli interessi.

L'intensità dei costi della democrazia e la loro sistematicità dipendono in gran parte dal contesto storico e culturale in cui si attuano le procedure elettorali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ciclo politico-economico in Italia (1960-2008)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Massimini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Cosimo Magazzino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
debito pubblico
spesa pubblica
deficit
partisan theory
sistema politico
sistema economico
indicatori economici
tasso di occupazione
ciclo politico-economico
tasso di inflazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi