Skip to content

La paremiologia nella letteratura spagnola del ''Siglo de Oro''

La ''Lozana'' e il suo autore

Il romanzo, il cui titolo completo è Retrato de la Lozana Andaluza, fu composto a Roma e pubblicato anonimo a Venezia nel 1528.
L’opera mette in scena, con prepotente vigore teatrale, la grande selva romana delle cortigiane, dei truffatori, delle mezzane, dei gonzi e dei lenoni. In una serie di episodi ricchi di personaggi – si arriva a centoventicinque – però sempre centrati sulla figura della Lozana, cortigiana andalusa arrivata Roma in cerca di fortuna, si orchestra a poco a poco il ritratto di una Roma corrotta. La Lozana Andaluza scomparve ben presto dalla storia letteraria senza lasciar traccia. Prima che questo eccezionale documento della Roma di Leone X potesse essere recuperato dalla cultura europea dovettero passare più di tre secoli: fu soltanto nel 1845, infatti, che l’ispanista tedesco Ferdinand Wolf ne parlò per la prima volta, avendone trovato una copia, rimasta a tutt’oggi unica, nella Biblioteca Imperiale di Vienna.
Singolare sotto molti aspetti, come opera d’arte, come testimonianza storica, come documento linguistico, la Lozana è ormai entrata a far parte dei classici della letteratura spagnola e ha avuto numerose edizioni. Il suo ignoto autore fu identificato nel 1857, dal bibliofilo Pascual de Gayangos, nel prete spagnolo Francisco Delicado. Poche notizie si hanno di questo grande scrittore e umanista del primo Cinquecento.
Nacque intorno al 1480, era membro di un’importante famiglia ebraica di Córdoba, espulsa dal paese in seguito alle misure anti-giudaiche emesse dai Re Cattolici dopo la reconquista di Granada. Prima di abbandonare il paese natale, però Francisco fu quasi certamente allievo di Antonio de Nebrija, da cui imparò l’amore per i classici greci e latini.
I Delicado dovettero rifugiarsi nel ghetto di Venezia, ospiti di alcuni parenti, qui Francisco si mise in luce per le sue ottime qualità letterarie, traducendo brani dal latino all’italiano per la facoltosa nobiltà della Serenissima.
Rientrato a Venezia, dopo un breve soggiorno a Roma, Francisco ottenne comunque la protezione del coltissimo ambasciatore Andrea Navagero, che sponsorizzò i suoi scritti nei raffinati circoli culturali della città lagunare, assicurandogli una discreta tranquillità sociale ed economica. Morì probabilmente nel 1535, perché da tale data non si trovano più riferimenti diretti alla sua persona nella documentazione pubblica dell’epoca.
El Retrato de la Lozana andaluza è composto da varie parti tra loro disomogenee. Le avventure della protagonista a Roma occupano solo la parte centrale dell’opera che è divisa in mamotretos, cioè un insieme di fogli, irregolarmente assemblati. Il racconto verte sulle memorie agrodolci di una bellissima cortigiana che ha fatto fortuna negli sfarzosi postriboli della Roma papalina, frequentati continuamente da folle di preti e cardinali lussuriosi.
Il tono è ferocemente anticlericale, e trova efficace espressione in un linguaggio crudo e vivace, ricchissimo di italianismi e inflessioni dialettali romane. Ma riemergono sempre elementi tipici della tradizione popolare spagnola, compreso un genuino interesse per personaggi grotteschi e surreali già impostato da Fernando de Rojas nella Celestina. Inoltre, il sordido ambiente della prostituzione cinquecentesca viene descritto con notevole realismo, in virtù probabilmente delle esperienze dirette dell’autore, che risedette proprio nei quartieri più poveri della capitale pontificia. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La paremiologia nella letteratura spagnola del ''Siglo de Oro''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Ottavo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Studi Letterari, Linguistici e Comparati
  Corso: Letterature e Culture Comparate
  Relatore: Roberto  Mondola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fernando de rojas
proverbi spagnoli
la celestina
cervantes
lingua spagnola
don quijote
don quijote de la mancha
la lozana
refranes
frases proverbiales

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi