Skip to content

Medicina Interculturale. L'Assistente Sociale cosmopolita in ambito sanitario

Il contributo dell'antropologia medica: i corpi nel mondo e il mondo nei corpi

Dal punto di vista antropologico il corpo è un prodotto storico/ culturale che varia a seconda dei contesti e per questo penso che sia più corretto dire "siamo corpi" e non "abbiamo un corpo".
L'esperienza dell'essere corpi corrisponde ai vissuti individuali, mentre l'avere dei corpi, a mio parere, rappresenta la concezione oggettiva dell'idea di corpo umano come costrutto fisico, visibile e tangibile.
Infatti, il corpo non è solamente un insieme di entità biologiche, ma è anche un'abbondanza di simboli, sensazioni e cambiamenti. Immagino sia per questo che grassezza, magrezza, stanchezza, tosse, vertigini e malesseri in genere significhino cose diverse a seconda delle culture e delle epoche storiche.
La letteratura, e in particolare Marcel Mauss, ci ha lasciato in eredità il concetto di "tecniche del corpo", indicando così i modi in cui gli uomini, nelle diverse società, si servono del loro corpo. I modi di camminare, correre, ridere, gesticolare, mangiare, fare l'amore, partorire, lavarsi ecc.. ci sembrano comportamenti spontanei, naturali, ma sarebbe più opportuno definirli comportamenti naturalizzati poiché sono il frutto di un graduale processo di apprendimento che vede il nostro corpo esposto all'ambiente sociale esterno.
Specifici organi possono avere, poi, un particolare significato per un gruppo di persone e non per altri: le popolazioni indiane, ad esempio, soffrono di "fegato irato" (come ci ricorda la storia del malese malato di hati); gli inglesi e i tedeschi sono ossessionati dalla salute del loro intestino, tanto che Allan Dundes considera questa fissazione come "elemento implicito nel carattere nazionale tedesco": in Brasile, addirittura, manca un termine specifico per indicare "il corpo" che viene definito " la carne di qualcuno".

E' chiaro come l'idea del sé unitario e universale sia una concezione del tutto etnocentrica e occidentale che molte ricerche etnografiche hanno messo in discussione mostrando come "altre culture umane lontane dalla nostra abbiano prodotto costruzioni diverse da quella dell'individualità, considerando l'essere umano
come un divido. La nozione di dividualità indica un'identità trans-individuale fondata su una concezione intersoggettiva delle persone. Le persone non sono concettualmente distinte dalle relazioni che le uniscono, sono persone relazionali, cioè persone dividuali".

Torniamo a parlare della nostra cultura occidentale, sempre più salutista, che mette il corpo-oggetto sempre più al centro e sempre più sotto esame. Questa nostra cultura ci impone che il corpo "sano" e "corretto" è quello, magro, forte, proporzionato, in forma. La salute è passata da uno stato di fatto ad una condizione
da conquistare e ci sia aspetta che ogni individuo si impegni per diventare "sano". Al contrario, è facile intuire come una condizione di malattia o una salute precaria o cagionevole sia percepita come l'incapacità dell'individuo di vivere in modo corretto, di nutrirsi bene o di tenersi in esercizio.
Le rappresentazioni culturali del corpo non sono semplici categorie ma esse modellano la corporeità come esperienza sociale. Con questo non voglio delegittimare ciò che l'anatomia, la fisiologia e le scienze biomediche hanno prodotto, ma vorrei sottolineare come queste vadano integrate con una visione anche culturale e sociale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Medicina Interculturale. L'Assistente Sociale cosmopolita in ambito sanitario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Vittoria De Stefano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Programmazione e Gestione dei Servizi Sociali
  Relatore: Mario Ricca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mediazione culturale
medicina interculturale
assistente sociale ospedaliero multiculuta
intercultura ospedaliera
mediazione culturale in ospedale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi