Skip to content

Il Made in Italy e il settore alimentare: l'eccellenza italiana nel mondo attraverso il caso ''Barilla''

I dilemmi dell'industria alimentare

In un periodo storico in cui i consumatori sono impegnati nella difficile mediazione tra qualità di ciò che si acquista e la riduzione della capacità di spesa, l'industria alimentare si trova di fronte alla difficoltà di basare la sua previsione su criteri sufficientemente fondati. Tutto ciò accade in un contesto in cui le materie prime del settore alimentare hanno iniziato a salire di prezzo, dopo quasi cento anni di prezzi bassi. A questa inversione di rotta contribuiscono sicuramente le economie emergenti: i consumatori di questi paesi sono abbastanza ricchi da potersi permettere di mangiare come gli Occidentali, e quindi l'aumento della domanda incide sicuramente con l'aumento del prezzo. La questione dei costi ha a che fare anche con il prezzo del petrolio, poiché le moderne tecniche e macchine agricole richiedono un notevole dispendio energetico.
Intanto, in tutto il mondo, è in atto una vistosa riduzione della disponibilità economica per i consumi. Quelli dell'industria alimentare, però, sono sostanzialmente stabili anche a fronte della crisi, ma la riduzione delle risorse economiche ha portato ad un consistente aumento della marca commerciale.
Il peso contrattuale assunto dalla distribuzione rispetto alle imprese industriali rappresenta un forte elemento critico per queste ultime: gli investimenti in ricerca tendono a ridursi proprio quando l'innovazione del prodotto acquista un'importanza ancora maggiore che in passato.
La competizione globale, poi, complica ulteriormente gli scenari. Ogni anno entrano sul mercato nuovi prodotti che per lo più non reggono oltre due o tre anni, ma hanno l'effetto di accentuare la concorrenza tra imprese.
Mentre la sfida per le imprese è di inventare nuovi prodotti in grado di rispondere alle nuove situazioni del cibo, sempre meno circoscritto al pasto e sempre più mobile e frammentato, dal versante degli individui la mole e la velocità di ingresso sul mercato di nuovi prodotti produce un certo disorientamento negli acquisti.
La crisi economica, poi, ha aumentato l'infedeltà alla marca. Oggi, infatti, le vendite vengono realizzate principalmente attraverso le promozioni: chi consuma pratica una politica delle scorte minime in attesa di offerte più convenienti. Anche nei momenti di difficoltà economica, tuttavia, vi sono beni che acquistano più valore e a quelli non si rinuncia. Basti pensare alla spesa quotidiana per cappuccini, alle risorse investite nel mangiare fuori o in beni che producono piacere come gli snack e la cioccolata. Così, l'atteggiamento verso i prezzi è segnato da questo valore soggettivo
attribuito ai beni. È considerato intollerabile, per esempio, l'aumento del prezzo della pasta, anche se questo non incide in modo sostanziale sul budget per la spesa.
Sempre nell'ottica del risparmio è esploso da qualche anno il fenomeno della marca commerciale. È anche vero, però, che l'individuo disposto a lasciare sullo scaffale il pacco di biscotti di un brand storico per acquistarne un altro con il nome del supermercato non è solo un individuo attento al risparmio, ma poco attento alla pubblicità, informato, che sa che talvolta è la stessa azienda nota a fornire prodotti con il marchio della distribuzione. L'orientamento al risparmio non si verifica in generi che hanno un forte contenuto emozionale, come i prodotti per la bellezza, ma investe invece, in modo crescente il cibo.
La politica di marca commerciale può essere considerata una chiara dimostrazione del potere contrattuale della distribuzione nei confronti dell'industria. Al contrario delle prime esperienze di marca commerciale, caratterizzate dallo scopo di aumentare il margine delle vendite o colmare i vuoti degli assortimenti, le forme più evolute presentano veri e propri risvolti strategici, avendo come scopo la fedeltà al punto vendita e soprattutto la differenziazione rispetto ai concorrenti. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Made in Italy e il settore alimentare: l'eccellenza italiana nel mondo attraverso il caso ''Barilla''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Lombardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Relazioni Pubbliche e comunicazione di impresa
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Mauro Guglielmo  Ferraresi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi