Skip to content

Danno da prodotto e responsabilità dell'impresa

Tutela degli interessi superindividuali o diffusi

Nella prospettiva della giustiziabilità dell'interesse protetto, la dottrina ha altresì elaborato una ulteriore posizione degli interessi dei consumatori.
Tale tentativo si colloca in un processo, ricco di interventi, che tende a collegare strettamente gli strumenti giurisdizionali alle posizioni soggettive tutelate.
S'intende cioè far riferimento alla distinzione tra interessi individuali e super individuali o diffusi che é stata oggetto di un ricco dibattito tra gli studiosi dei problemi del consumo.
Pur non essendo quella giusta, assicurare una efficace tutela al cittadino consumatore-utente, bisogna segnalare come questa via sia stata coinvolta dalla precisa richiesta di dare spazio, non solo alla azionabilità di singoli diritti o interessi, ma anche a posizioni soggettive o plurisoggettive variamente aggregate.
"La tutela individuale è elemento essenziale, e tuttavia necessario ma non sufficiente, per una effettiva protezione dei consumatori".
È da questa fondamentale constatazione che muove l'attenzione di una "consumer production" non paga del ricorso a singole norme di responsabilità contrattuale o aquiliana dell'impresa od altre (norme) "chiusa nel cerchio della microeconomia dei rapporti di consumo".
L'inadeguatezza di una strategia di tutela su scala individuale, la ricerca di una "consumer policy" davvero vincente, hanno messo in luce la necessità di ricercare ed attivare "strumenti di intervento istituzionale realmente commisurati alla dimensione collettiva (e macroeconomica) dei fenomeni di consumo socialmente diffusi".
In una fase storica di "mass production" e di "mass distribution", le garanzie di protezione individuale dei consumatori devono infatti integrarsi con forme di tutela del proprio interesse di massa ad una razionale organizzazione dell'apparato distributivo e dei diversi rami dell'industria.
È un interesse collettivo dei consumatori in quanto parte sociale, e più precisamente controparte sociale dell'impresa. L'intera economia di mercato ne é coinvolta.
Assicurare tutela a questo interesse collettivo significa infatti promuovere una politica del diritto intesa a trasformare le strutture (e a governare in modo nuovo la stessa dinamica) di ogni settore del mercato.
L'individuazione di un interesse collettivo a cui ancorare la tutela giurisdizionale di istanze non esclusive di un soggetto, é parsa una via non solo astrattamente configurabile, ma anche percorribile. Una tutela collettiva potenzierebbe, intanto, l'effettivo ricorso pratico alle azioni di tutela individuale, in concreto poco utilizzate a causa del loro costo.
Così, l'interesse diffuso, super individuale dei consumatori verrebbe a porsi quale "espressione riassuntiva di tutti gli interessi individuali; non un nuovo interesse, ma lo stesso interesse individuale" esaminato in una prospettiva che dal singolo trascorre al gruppo, alla collettività (...), una "fictio iuris", che ha lo scopo di rendere rilevanti tutti quegli interessi individuali che non sarebbero azionati e quindi non sarebbero oggetto di protezione per l'inerzia, per l'indifferenza o le remore del singolo".
La figura giuridica dell'interesse diffuso, seppure ancora oggetto di dibattute opinioni, pare consentire una tutela anche di quegli interessi generici, a livello individuale, e quindi non protetti, ma collettivamente qualificanti e rilevanti, fatti valere in sede giurisdizionale da enti intermedi esponenziali e rappresentativi.
Certo, come taluno ha avvertito, siamo in presenza di categorie concettuali che intelligentemente evocano una terza dimensione dell'interesse giuridicamente rilevante, una nuova serie di valori e di interessi diversi sia dall'interesse pubblico (e generale in senso tecnico), sia dall'interesse (individuale) privato" (...). "La natura e i caratteri di questa terza dimensione dell'interesse giuridicamente rilevante, ancora attendono una sistemazione dogmatica davvero esauriente", ma per questo non è impossibile scorgere, fino ad ora, le potenzialità del riconoscimento giuridico di un tale interesse nella prospettiva del processo amministrativo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Danno da prodotto e responsabilità dell'impresa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ivan Ruggieri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 1993-94
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Angela De Sanctis Ricciardone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tutela del consumatore
prodotti difettosi
caso saiwa
farmaci difettosi
autoveicoli difettosi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi