Skip to content

Zero Waste: dalla gestione dei rifiuti alla gestione delle risorse

Le opposizioni locali: i fenomeni LULU, NIMBY, NOPE, NIABY

[...] La politica locale per quanto riguarda la pianificazione di vari interventi da realizzare su un dato territorio, va ad includere nuovi soggetti portatori d'interesse, i quali, dinanzi a impianti o infrastrutture sgradite su un territorio, portano avanti diverse modalità di opposizione con diversa intensità, a seconda del rischio che un'opera può arrecare alle comunità locali.
In letteratura, fenomeni di contrasto ad opere non volute su un territorio, sono stati spesso classificati come fenomeni "Lulu" (Locally Unwanted Land Uses), definizione con la quale si indica che certi usi del suolo locale non sono desiderati dalla comunità.
Tuttavia, molto più di frequente questi fenomeni sono stati letti in chiave negativa, accusando le comunità locali, e le loro rivendicazioni, di eccessivo particolarismo ed egoismo, una sorta di miopia che impediva il cambiamento sociale e rallentava lo sviluppo economico.
Per queste ragioni, molte proteste locali sono state interpretate come un chiaro esempio di sindrome Nimby (acronimo che sta per Not In My Back Yard, "non nel mio giardino") che, come spiega Bobbio, "è un'etichetta malevole che riflette il punto di vista dei portatori degli interessi generali; lascia infatti intendere che le opposizioni siano mosse dal cieco egoismo di chi non vuole un certo impianto a casa propria, ma non muoverebbe un dito se esso fosse proposto a casa d'altri. E non è un caso: all'inizio le opposizioni locali sono sempre accompagnate da un pregiudizio sfavorevole in quanto dotate di un orizzonte particolaristico e meschino".
Talvolta però può anche accadere che una protesta si verifichi quando su di un territorio siano state già stati costruiti impianti ad elevato impatto ambientale e, per questo, l'ipotesi di un'altra installazione scatena forti proteste da parte della popolazione.
In questo caso, i cittadini accusano di essersi già immolati in nome di un interesse generale, rinunciando ai propri e sacrificando la propria salute e quella del territorio: questa opposizione viene definita come "Abbiamo Già Dato" o come alcuni comitati si sono auto assegnati, parafrasando il famoso "Non nel mio giardino", "We haven't got gardens" (Non abbiamo più giardini). In tutti i modi, le accuse che vengono mosse nei confronti di queste "sindromi", spesso, propendono a mettere in un unico calderone interpretazioni contrapposte di egoismo, connotazione ideologica o insensati timori.
Questo tipo di interpretazioni dipingono inesorabilmente gli oppositori locali come negativi, irragionevoli e trascurabili, discreditando le loro rivendicazioni nei confronti delle istituzioni.
Il pericolo che si corre, bollando superficialmente e come negative queste rivendicazioni, è quello di snobbare delle motivazioni che invece hanno basi molto più strutturate e che riguardano problematiche molto più ampie.
Bobbio analizza che, gli attori che danno luogo a questi conflitti sono di solito gruppi di cittadini che si riuniscono in comitati e attivano differenti forme di opposizione, per tentare di gestire collettivamente i timori sulle sorti di un determinato territorio: "i principali promotori delle mobilitazioni contro grandi infrastrutture, i comitati di cittadini, per l'appunto, sono stati definiti come la specifica forma organizzativa che si accompagna alla sindrome Nimby e ritenuti caratterizzati dalla portata limitata delle loro richieste e rivendicazioni", tuttavia, secondo il sociologo, è proprio questa volontà di partecipazione dei cittadini, che si attivano in risposta ad un reale o presunto pericolo, ad essere uno degli elementi più rilevanti all'interno dei processi di pianificazione sulla localizzazione degli impianti, in quanto emergono gli elementi salienti della democrazia contemporanea: "Non è un caso che i paesi democratici siano afflitti dalla sindrome NIMBY. Essa è figlia diretta della democrazia, delle sue promesse di cittadinanza e di autogoverno. E nello stesso tempo costituisce una sfida per la democrazia dal momento che apre un solco, difficilmente colmabile, tra il generale e il particolare, tra il nazionale e il locale, tra il benessere dei più e il sacrificio dei meno. Mette impietosamente in luce il logoramento dei tradizionali strumenti di articolazione e aggregazione degli interessi e sollecita una ricerca, notevolmente incerta, di strumenti alternativi".
Egli interpreta la volontà da parte di cittadini di prendere parte ai processi partecipativi come una pratica sminuita del sistema democratico, e che necessiterebbe di una revisione metodologica.
Alcune azioni di protesta restituiscono ai cittadini una sorta di potere decisionale e, tal volta, questo gli consente di iniziare ad ampliare gli orizzonti del conflitto e delle rivendicazioni. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Zero Waste: dalla gestione dei rifiuti alla gestione delle risorse

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carla Martire
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Comunicazione d'Impresa e Pubblica
  Relatore: Shane Niall O'Higgins
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sviluppo sostenibile
impatto ambientale
governance
società del rischio
zero waste e collaborative planning
gestione rifiuti risorse
strategia rifiuti zero
inceneritori, discariche, modello capannori
pianificazione ambientale e territoriale
fenomeni “nimby”, “lulu”,

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi