Skip to content

La tutela collettiva dei consumatori. Profili processuali della nuova azione collettiva risarcitoria

Ordinamento processuale e tutela collettiva

I costi e la lentezza della giustizia, spesso costituiscono un deterrente per chi vuole tutelare i propri diritti, specialmente quando il valore della controversia è di modesta entità e la controparte ha una posizione economica predominante.
Le azioni collettive, sotto questo profilo, rappresentano un utile strumento giurisdizionale per far cessare quei comportamenti che sono dannosi per una generalità d'individui o per eliminarne gli effetti negativi.
L'articolo 24 della Costituzione statuisce che tutti possono agire in giudizio per tutelare i propri diritti e interessi legittimi, quindi non esiste limitazione sul piano operativo, se non quello di proporre l'azione al giudice competente, secondo quanto chiarisce l'articolo 99 del c.p.c., sul principio della domanda.
I presupposti dell'azione collettiva devono trovare il loro ambito di applicazione all'interno dell'ordinamento processuale, rispettando quei requisiti essenziali, richiesti per provocare l'esercizio della funzione giurisdizionale. Partendo da quelli che sono i presupposti processuali, cioè ammissibilità e procedibilità della domanda, occorre in primis che la domanda sia formalmente e sostanzialmente valida e sia presentata a chi ha potestà di giurisdizione, anche se dovesse poi risultare che il giudice adito non ha competenza in materia. A tal proposito serve perciò distinguere quando l'azione riveste caratteri di stampo civilistico, da potersi rivolgere al giudice ordinario dal caso in cui, invece ci si trova nell'ambito della giurisdizione amministrativa.
La fase di ammissione della domanda, solo nell'azione di classe risarcitoria, ai sensi del comma 3 dell'art. 140 bis, ha previsto una prima udienza in cui il tribunale, sentite le parti, emette un'ordinanza. La valutazione sull'utilità dell'azione tende a tutelare non solo l'interesse sostanziale di una pluralità di soggetti, ma anche la non spregiudicatezza dell'azione stessa, che potrebbe recare un danno ingiusto all'impresa convenuta.
Questa fase di filtro ha la funzione di valutare preventivamente se sussistono i requisiti di fondatezza della domanda, identità dei diritti individuali omogenei e tutelabili secondo il disposto del punto 2 dell'art. 140 bis ed infine che il proponente dimostri di essere in grado di curare adeguatamente gli interessi della classe.
Questa prima udienza preliminare ha teoricamente le stesse caratteristiche di quella descritta nell'art. 183 del c.p.c., ma se ne discosta per alcuni aspetti. Le indicazioni procedurali del punto 6 dell'art. 140-bis, risultano di fatto incomplete, come ad esempio l'aver sottinteso se sia necessaria una comparizione personale delle parti e per essere caratterizzata dal fatto che l'accesso alla successiva trattazione del merito è condizionata da una valutazione preventiva, mentre nel processo di cognizione è prevista già nella prima udienza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La tutela collettiva dei consumatori. Profili processuali della nuova azione collettiva risarcitoria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Parrillo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Eugenio dalmotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 214

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

consumatore
azione di classe
azione collettiva risarcitoria
tutela collettiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi