Skip to content

Il reato commissivo mediante omissione - Il reato omissivo improprio

La configurabilità del dolo nelle fattispecie commissive mediante omissione

Confutata l'ammissibilità della conversione dell'illecito colposo mediante azione nel corrispondente illecito commissivo mediante omissione, occorre rilevare che quest'ultima fattispecie suscita non poche difficoltà con riguardo alla ricostruzione del dolo: è possibile, in breve, configurare un illecito commissivo mediante omissione nella forma dolosa? In ordine a questo problema vengono in rilievo più orientamenti, tra loro contrastanti, talora estremistici, talaltra moderati.
Una posizione estremistica è assunta da Kaufmann, il quale giunge a sostenere l'impossibile configurabilità di un dolo omissivo in forza di un duplice presupposto: per un verso, da un punto di vista ontologico, al mancato compimento di un.azione risulterebbe del tutto estranea la volontà intesa come "volontà in quanto realizzazione"; per altro verso, sotto il profilo politico-criminale, se si ammettesse la possibile riconducibilità al dolo omissivo della decisione di non compiere l'azione doverosa, si addiverrebbe a premiare soggetti che, per insensibilità o indifferenza, non si rendono conto della possibilità di intervenire a difesa dei beni minacciati. Un forte impulso a questo orientamento promana dalla teoria finalistica dell'azione, che ravvisa la condotta penalmente rilevante nell'esercizio di un.attività orientata al perseguimento di un fine: i fautori di questa teoria hanno sostenuto la quasi dolosità dei reati omissivi. Si pone dunque il problema di verificare a quali condizioni un delitto possa considerarsi quasi doloso. Secondo questo orientamento, nei delitti omissivi dolosi, pur configurandosi compiutamente l'elemento rappresentativo, difetterebbe, nella sua compiutezza, l'elemento volitivo.
Tale dottrina, che conduce evidentemente ad un radicale capovolgimento della struttura del dolo di omissione, è stata criticata dal Grünwald, il quale rileva che, ai fini ella configurabilità del dolo omissivo, è necessaria tanto la consapevolezza della situazione tipica, quanto della possibilità di intervenire a presidio del bene giuridico minacciato, ragione per la quale il dolo non può che ricomprendere la coscienza dell'azione non compiuta. Non può, infatti, sfuggire la circostanza, messa adeguatamente in rilievo anche dagli orientamenti più radicali, che l'omissione, accompagnata dalla consapevolezza di non agire, ha il significato di una "risoluzione" a favore della verificazione del fatto tipico.
Occorre dunque chiarire cosa si intenda per consapevolezza della possibilità di agire, e precisamente, serve verificare se questa espressione attenga alla necessità che l'omettente abbia una consapevolezza piena in ordine alle specifiche modalità di realizzazione dell'azione comandata, o se, piuttosto, sia sufficiente una consapevolezza generica.
Accedere alla prima soluzione significherebbe accertare, ai fini di un giudizio di condanna, che l'omittente abbia scrupolosamente vagliato siffatta possibilità, con la conseguenza che risulterebbe esente da responsabilità colui che omette senza riflettere sulla consapevolezza della possibilità di agire. Per evitare l'inconveniente rilevato, Kaufmann propone di estromettere dal dolo la coscienza della possibilità di agire; ancora una volta, tuttavia, appare risolutivo il correttivo proposto dal Grünwald, il quale osserva che "l'uomo può essere considerato cosciente di una circostanza … alla quale non ha rivolto la sua attenzione, se la circostanza medesima fa parte di un complesso di circostanze a lui note": ai fini dell'integrazione del dolo omissivo, pertanto, si ritiene bastevole la consapevolezza generica della possibilità di agire.
Con riguardo al dolo, in ultima analisi, non rimane che accertare se esso abbracci anche la conoscenza dell'obbligo di impedire l'evento tipico. La dottrina tedesca distingue la conoscenza della posizione di garanzia, da quella dell'obbligo di garanzia: la prima ricomprende elementi del fatto tipico, la cui mancanza comporta un errore sul fatto idoneo ad escludere il dolo; l'errore che viene in rilievo nel secondo caso, diversamente, sarebbe privo di efficacia scusante. La dottrina italiana ritiene, per altro, che il dolo dovrebbe estendersi anche alla conoscenza dell'obbligo giuridico extrapenale di impedire l'evento, obbligo che costituirebbe un elemento normativo di fattispecie, l'erronea conoscenza del quale escluderebbe il dolo ai sensi dell'ultimo comma dell'art 47.
Il rilievo messo in evidenza da questa dottrina appare compatibile con le osservazioni della dottrina tedesca, ove si consideri che la conoscenza dell'obbligo extrapenale di agire (derivante ad es. da un contratto) può costituire "una premessa indispensabile", perché il soggetto si renda conto di rivestire una posizione di garanzia"; l'errore sull'obbligo extrapenale si convertirebbe, dunque, "in un errore su alcuni presupposti di fatto, acquistando così efficacia scusante". La mancata conoscenza del diverso obbligo di garanzia – osserva infine questa dottrina - non può avere alcun rilievo, stante il limite di cui all'art' 5 del c.p.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il reato commissivo mediante omissione - Il reato omissivo improprio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Umberto Santoro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Magistrale
  Relatore: Lucia Risicato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 287

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

posizione di garanzia
reato omissivo improprio
reato omissivo
reato commissivo mediante omissione
reato improprio
clausole generali di incriminazione suppletiva
sgubbi, fiandaca
causalità normativa
causalità ipotetica
nesso di causalità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi