Skip to content

Dal pioniere Nicolò Carosio ai canali tematici: com'è cambiato il modo di raccontare il calcio

Quelli che il calcio: il linguaggio esilarante della cronaca

Il 26 Settembre del 1993 nasce su Rai Tre Quelli che il calcio, programma condotto da Fabio Fazio che propone un modo nuovo e molto originale di trattare il racconto della domenica calcistica. All'interno dello studio vengono proposti commenti e collegamenti dagli stadi italiani con continui aggiornamenti ad opera dei radiocronisti di Tutto il calcio minuto per minuto. Il pretesto di informare gli spettatori sulle partite del campionato di Serie A, viene usato per creare uno show la cui finalità sarà ridere delle passioni umane. Questo nuovo format porta Quelli che il calcio ad essere ben presto un programma seguitissimo e amatissimo da tanti tifosi di calcio e non solo. Le caratteristiche del programma portano lo stesso a essere seguito con attenzione anche da un pubblico di non calciofili. La bravura di Fabio Fazio durante la sua conduzione (dal 1993 al 2001) fu quella di dare importanza non solo al calcio nella sua unicità, ma di creare uno show di esilarante comicità proprio attorno al racconto cronachistico delle partite di calcio. Il programma infatti con questo particolare linguaggio televisivo riuscì e riesce tutt'oggi a mettere in risalto la grandissima capacità di uno sport come il calcio di coinvolgere emotivamente i telespettatori. La trasmissione diventa subito un successo lanciando e riportando alla ribalta personaggi vecchi e nuovi della televisione italiana come il grande Teo Teocoli che con la sua irresistibile comicità allieta per due edizioni la domenica calcistica italiana. Oltre a Teo Teocoli sono da citare personaggi storici come Tonino Carino, Suor Paola, Takahide Sano e Idris che con le loro irruzioni scatenarono le risate degli ospiti in studio e di quelli davanti al piccolo schermo. La passione e la rottura degli schemi che impongono questi personaggi vengono sicuramente favoriti dalla contemporaneità del racconto delle partite, riuscendo a comporre un mix di satira e cronaca davvero irripetibile. Nel 2001 ci fu il cambio di conduzione e a Fabio Fazio subentrò Simona Ventura, che già si era resa famosa a Mai dire Goal, stando al gioco irriverente della Gialappa's Band. Ci fu un grande rinnovamento con la nuova conduzione ma il seguito fu comunque enorme grazie alla presenza di molto giornalisti, ex calciatori, ospiti vip e la novità delle vallette in studio. La Ventura tuttavia, pur avendo portato numerose innovazioni alla trasmissione, si può dire che abbia sfruttato il bacino domenicale per sponsorizzare altri suoi programmi di successo in onda sulle stesse reti Rai, effettuando collegamenti con i concorrenti degli stessi. Con il cambio di conduzione sicuramente Quelli che il calcio lascia sempre più ai margini il calcio con la conseguente perdita di rilievo dell'evento domenicale. Il programma diventa così un grande contenitore di intrattenimento con un sostanziale abbassamento dell'originalità e della passione che ha contraddistinto e reso Quelli che il calcio un programma di enorme successo. Ad oggi la trasmissione è affidata alla conduzione di Victoria Cabello. Nonostante il ritorno al commento tecnico di un personaggio di spicco come Bruno Pizzul e del tifoso juventino Idris, Quelli che il calcio ha cambiato il proprio format diventando sempre più varietà ed intrattenimento e sempre meno cronaca calcistica ed il nuovo titolo "Quelli che" con la perdita de "il calcio" ne è solo la conferma. Probabilmente il nuovo format del programma è la conseguenza più lampante della perdita dei diritti televisivi per i collegamenti dai campi di calcio di Serie A da parte delle reti Rai.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dal pioniere Nicolò Carosio ai canali tematici: com'è cambiato il modo di raccontare il calcio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Capriglia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Linguaggi Dei Media
  Relatore: Giorgio Simonelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calcio
informazione
radio
tv
sky
canali tematici
telecronaca
domenica sportiva
novantesimo minuto
nicolò carosio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi