Skip to content

Gli immigrati di seconda generazione nel territorio calatino

L'intercultura a scuola tra accoglienza e barriere mentali

L'idea di prevenire i conflitti e valorizzare la diversità, oltre ad essere chiaramente esplicitata in diverse norme nazionali ed internazionali, è stata sottolineata in occasione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e del Piano d'azione del Terzo Vertice del 16 e 17 Maggio 2005 del Consiglio d'Europa a Varsavia.
Probabilmente, la sfida più ardua è tradurre in una progettualità consapevole ed efficace quanto contenuto in dichiarazioni ed approcci teorici.
La paura del 'diverso', infatti, offusca ed ostacola la curiosità e la voglia di conoscenza, lasciando spazio a idee che svalutano, costruiscono confini mentali, mettono limiti alla capacità di riconoscere e di rispettare culture diverse dalla propria.
In tal senso, la scuola potrebbe rappresentare un ambiente privilegiato per concretizzare l'obiettivo dell'interculturalità. Si tratta, infatti, di un luogo di fondamentale importanza per la formazione, per l'acquisizione di conoscenze e di competenze, ma anche per la definizione della propria identità, personale e sociale. Ciò vale sia per gli adulti che per bambini ed adolescenti.
In altri termini, bisognerebbe pensare ad una formazione che abbia come oggetto la triade 'Sapere', 'Saper fare', 'Saper essere' e che consenta di sviluppare competenze relazionali (empatia, capacità di ascolto, apertura mentale ecc.) funzionali non solo a favorire il decentramento cognitivo e psicologico, ma anche ad evitare i rischi dell'identificazione e, per questa via, del distress (ovvero stati di angoscia e di turbamento particolarmente spiacevoli).
Il 'Saper fare', infatti, è la capacità di interpretare adeguatamente il ruolo in relazione al 'Sapere', cioè alle conoscenze specifiche, ed al 'Saper essere', ovvero alla consapevolezza delle personali modalità di affrontare le situazioni problematiche (o, comunque, vissute come tali) sul piano interpersonale, gruppale organizzativo/istituzionale.
Gelpi afferma che 'i nuovi paradigmi si costruiscono attraverso una partecipazione attiva e creativa dell'individuo all'avventura educativa e culturale'; l'ambiente scolastico, in questo senso, rappresenta un terreno da coltivare e seminare secondo i principi dell'accoglienza e della cooperazione. In termini lewiniani, un ambiente psicologico in cui e attraverso cui ciascun individuo costruisce la propria immagine di sé, nonché il proprio futuro.
Certamente, in alcuni casi ci sono delle difficoltà oggettive da dover affrontare, come l'insegnamento e l'apprendimento della lingua italiana, la cui conoscenza rappresenta un fondamentale strumento di comunicazione e il fondamento per la costruzione di relazioni più 'intime'. Si tratta, comunque, di una questione che riguarda una piccola fetta di giovani di seconda generazione dal momento che la maggior parte di essi è nata in Italia o vi è giunta in età prescolare.
Inoltre, quando si parla di attività di tipo interculturale si fa riferimento ad iniziative che si rivolgono a tutti i soggetti coinvolti nel percorso formativo e non solamente agli alunni di origine straniera.
In tal senso, in molte scuole italiane sono state proposte: sperimentazione di alcune modalità espressive di altre culture come danze, giochi, cucina, feste; gemellaggi, adozioni a distanza, scambi di lettere con scuole di altri Paesi; narrazioni di racconti e fiabe tipiche di altri sistemi sociali, come occasione di confronto delle differenze e delle somiglianze; studio di popoli e culture, ponendo attenzione alle culture di provenienza prevalenti all'interno della scuola; approfondimenti di alcune tematiche inerenti le migrazioni e analisi di alcuni dinamiche specifiche connesse a pregiudizio, razzismo, intolleranza.
Altre iniziative, come quelle realizzate in alcune scuole di Catania, si fondano sulla metodologia della ricerca-intervento e su un contatto che riproponga le condizioni definite da Allport.
Nel caso specifico di questa ricerca condotta da Licciardello e Damigella, ci si propone di realizzare attività di tipo interculturale (laboratori di cucina mediterranea condotti da chef tunisini), fondate sulla similarità e sulla differenza e svolte in modo da coinvolgere i destinatari, per operare un cambiamento (in termini di minor uso di pregiudizi e stereotipi) nella rappresentazione della 'diversità'. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli immigrati di seconda generazione nel territorio calatino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Flavia La Gona
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Orazio Licciardello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sicilia
immigrati
intercultura
immigrati siciliani
seconde generazion
territorio calatino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi