Skip to content

La controcultura editoriale in Italia tra anni '60 e anni '70

La rivoluzione Dylan: tutto inizia con un cantautore

Nel dicembre del 1964 moriva, in una camera del motel Hacienda di San Francisco, Sam Cooke, compositore e discografico, considerato il fondatore della soul music; ma la sua morte è solo l'inizio di una fusione tra rock e soul che influenzerà musicisti come i The Animals, Simon and Garfunkel, Van Morrison, James Taylor, i Beatles (in particolare John Lennon), John Mayer ma soprattutto Bob Dylan.

Robert Allen Zimmerman, nato da famiglia ucraina, non è un innovatore nel senso stretto del termine, nemmeno uno sconvolgente profeta musicale, ma, cioè che fa la rivoluzione Dylan, è essere in straordinaria sintonia con i tempi e in simbiosi con la necessità di cambiamento del suo tempo.
Dylan, trasferitosi da giovane a New York, diventa presto il folksinger preferito del Village scalando, a poco a poco, la notorietà dell'ambiente esibendosi nelle caffetterie per poi, dalle caffetterie stesse, diventare il simbolo di una generazione. Canzoni come Blowing in the wind, Masters of war, With God on our side e The times they are a-changing' diventano, nel 1964, gli inni per i movimenti pacifisti e i dei diritti civili; una voce che rappresenterà una generazione in un periodo tumultuoso per l'America, affrontando problemi sociali in modo serio e unendo la gente attorno alle sue canzoni e alla musica pop, trasformando la cultura di tutto il mondo.

Is worth savin' / Then you better start swimmin'
Or you'll sink like a stone / For the times they are a-changin' ….
There is a battle outside / and it is ragin'
It'll soon shake your windows / and rattle your walls
For the times they are a-changin' ..,
The order is / Rapidly fad in
And the first one now / will later be last
For the times they are a-changin'.

(Bob Dylan- The Times they are a-changing')

Bob Dylan è l'uomo della rottura con il classico, colui che per primo ha trasformato il folk in elettrico facendosi cacciare dal palco del festival di Newport, nel 1965, per "aver osato elettrificare l'aria con una chitarra e una band rendendo così stravolgibili tutti i "dogmi" musicali fino ad allora imposti."
"Il beat, arrivato in quell'anno al momento più stazionario della sua storia, venne definitivamente accantonato ad opera di tre brani miliari che scatenarono la moda folk-rock: Mister Tambourine Man dei Byrds, Like a Rolling Stone di Dylan e Go and Say Goodbye dei Buffalo Springfield."
"Il folk-rock diventa così la prima vera sintesi della nuova epoca americana" e da qui si sviluppò tutto il resto.
In Gran Bretagna la scena musicale non si identificava con il rock&roll, non apprezzava quelle sue attitudini "ribelli", non si divertiva ai suoi ritmi frenetici, ma dai blues club in su, la rivoluzione era cominciata anche in terra inglese. Diversamente dalla controparte rock, che era costruita attorno a meri imitatori, il cosiddetto British blues contava su veri innovatori che plasmarono la materia blues fino a farla diventare qualcosa di diverso: si vide una metamorfosi che trasformò il blues in musica "bianca" dove si enfatizzavano i ritornelli epici, si velocizzavano le chitarre ritmiche, le parti cantate venivano smorzate perché il suono fosse più operatico, si flettevano i cori, si aumentavano gli arrangiamenti organistici e si aggiungevano armonie vocali. In pochi anni, i musicisti di british blues si trovavano a suonare qualcosa di profondamente sentito, come era il blues americano, ma con una potenza mediatica che nessun altro aveva sulla Terra. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La controcultura editoriale in Italia tra anni '60 e anni '70

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Debora Fugazzi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Mario Bottaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rock
anni sessanta
bob dylan
woodstock
underground
controcultura
rolling stone
re nudo
summer of love
editoria anni sessanta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi