Skip to content

L'impianto di trattamento degli inerti del Consorzio Cave Bologna: aspetti tecnici ed ambientali

Sostenibilità ambientale nella gestione ordinaria

Nei suoi primi turbolenti anni di vita, il Consorzio pensò principalmente a sopravvivere e a creare le basi per il futuro.
Fu solo raggiunta la stabilità economico – societaria che cominciò ad avere un'idea ecologica del suo lavoro, in modo da incrementare la qualità del prodotto ed avere così, come azienda neonata, armi per competere sul mercato con aziende più potenti e radicate.
Il primo passo fu quello di riutilizzare i fanghi argillosi di lavorazione come materia prima per ritombare cave limitrofe esaurite.
Un'azione pioneristica, perchè all'epoca (anni '70) i fanghi di lavorazione erano sversati direttamente in ambiente, con il rischio di interrare gli alvei fluviali o di impermeabilizzare terreni fertili, e le cave esaurite erano abbandonate come ferite aperte sul territorio ed utilizzate come discariche per qualsiasi tipo di rifiuto.
I danni ambientali e i disagi sociali, derivanti da ciò, erano inconcepibili a causa dell'alto numero di cave presenti nel territorio nazionale.
L'idea di base è quella che considera l'ambiente (naturale e sociale) come una risorsa che se distrutta non si rigenera, arrecando disagi sia nel futuro prossimo che in quello remoto.
L'attività di estrazione e lavorazione di materiali provenienti da cava è basilare per mettere a disposizione dell'uomo le risorse naturali che gli servono per vivere (il ferro per fabbricare le posate, gli inerti per creare il calcestruzzo con cui costruire le case, ...), ma è anche molto impattante sull'ambiente, in relazione alle tecniche di coltivazione adottate e ai tempi necessari per lo sfruttamento dei giacimenti.
I fattori negativi della coltivazione di cave sono principalmente: l'emissione di polveri, gli impatti acustici, quelli visivi e le problematiche legate ai trasporti... .
L'unico modo per azzerare completamente i disagi, che questa attività arreca, sarebbe quello di chiudere completamente il settore commerciale, cosa impossibile, si può solo tentare di mitigarne gli effetti.
Per attenuare l'impatto visivo, se dopo l'attività estrattiva non si può ripristinare il territorio con le stesse caratteristiche che possedeva prima, almeno si tenta di riqualificarlo in modo che risulti socialmente utile alle popolazioni che lo abitano e che si raccordi armonicamente con l'ambiente circostante, proponendo progetti che altrimenti sarebbero realizzati altrove.
Ad esempio, una cava situata in una zona urbana può essere riconvertita come parco pubblico, se si trova in prossimità di un fiume può diventare una bacino di espansione dello stesso, mentre se si trova in campagna può essere adibita ad uso industriale, artigianale o agricolo.
Quest'idea, professata inizialmente dal filosofo ed ingegnere anglo – danese Ove Arup, si rivelò così efficace da spingere le autorità competenti a modificare la legge vigente: se si voleva ottenere in concessione un terreno per adibirlo a cava, bisognava presentare, insieme al progetto di coltivazione, anche quello per il suo recupero.
Il progetto di recupero è influenzato dalle condizioni dell'area da recuperare e dell'ambiente circostante, è pertanto necessario acquisire di entrambi: topografia, caratteristiche climatiche, storia ed evoluzione socio - ambientale, flora e fauna, presenza di antropizzazione, inquinamento, ... .
L'obiettivo di questo lavoro è quello di creare una nuova area che si raccordi armonicamente con l'ambiente preesistente, in modo da non creare “fratture” nel territorio a forte impatto visivo.
La prima cosa da fare è l'inserimento di flora e fauna autoctona, per evitare che subentrino specie che possano alterare il particolare ecosistema della zona.
Secondariamente, si stabilisce la realizzazione delle infrastrutture idonee al tipo di riutilizzo ipotizzato: per esempio l'adozione di panchine e giochi per bambini, se la cava deve diventare un parco pubblico. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'impianto di trattamento degli inerti del Consorzio Cave Bologna: aspetti tecnici ed ambientali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Malservisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Alessandra Bonoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

inerte da conglomerat
trattamento degli inerti
cave bologna
panorama estrattivo italiano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi