Skip to content

"Targeting 2.0": fondamenti, tecniche e questioni connesse alla privacy

Il targeting nel Web Advertising

La pubblicità online è cambiata molto negli ultimi dieci anni. Quando internet passò da essere prerogativa di industrie, scienziati ed accademici a strumento di dominio pubblico, c'erano ancora molti dubbi sulle sue qualità in termini commerciali. La situazione era aggravata soprattutto dalla mentalità dei pubblicitari, ancora legati a modelli e schemi tradizionali, come quelli della pianificazione in televisione e sulla stampa.
David Kenny e John F. Marshall nell'articolo di novembre-dicembre 2000 di Harvard Business Review hanno affermato: "Le aziende che praticano contextual marketing devono essere improntate al seguente imperativo: non cercare di portare il cliente a un sito web, portare il messaggio direttamente al cliente". Inoltre, l'articolo afferma che, nonostante la destabilizzazione delle "quattro P" del marketing tradizionale – price, product, placement, promotion - gli obiettivi di marketing rimangono "quelli di sempre", cioè fornire il prodotto giusto al cliente giusto nel momento giusto.
In un articolo del 2006 intitolato "Target your online dollars" su B&T, il dottor Mathew McDougall, allora COO di Mooter Media Limited analizzava la situazione del web in Australia: "I pubblicitari devono essere intelligenti nell'investire i loro soldi per ottenere risultati più efficaci. Devono aumentare la pertinenza delle loro campagne utilizzando tecnologie in grado di soddisfare questa esigenza. […] Quando gli utenti vedono annunci rilevanti, non solo migliora l'esperienza d'uso, ma aumentano anche le conversioni e la probabilità di vendita".
Oggi esistono quattro modelli principali che sintetizzano la distribuzione degli annunci pubblicitari online: sponsored search, contextual advertising, behavioural advertising e social media advertising. Ovviamente, a livello pratico non sono quasi mai modelli nettamente separati tra loro, esistono infatti esempi ibridi con tecniche opportunamente integrate.
Il modello sponsored search based propone la visualizzazione di annunci a seguito di una ricerca dell'utente, che produce una query. Oltre ai risultati richiesti l'utente visualizzerà degli annunci pubblicitari scaturiti dalla correlazione tra la query e le parole chiave (keywords) dell'annuncio. Il punto di forza del modello sponsored search è il fatto che riesca a mostrare l'annuncio pubblicitario all'utente nel momento in cui è alla ricerca di qualcosa di identico o molto simile all'oggetto dell'annuncio pubblicitario.
Il modello della pubblicità contestuale (contextual advertising) visualizza la pagina web come insieme di parole chiave: l'associazione tra i contenuti della pagina web e l'annuncio pubblicitario avviene grazie al confronto tra le parole dell'annuncio e quelle dei contenuti della pagina. Tale confronto può avvenire tra i significanti, i significati o tramite strumenti di confronto integrato. Diversi studi hanno dimostrato un importante aumento di click in corrispondenza di una maggiore pertinenza dell'annuncio nei confronti del contenuto della pagina.
Il modello della pubblicità comportamentale online (behavioural advertising) a differenza degli approcci precedenti non si basa su alcun tipo di keywords; la distribuzione e il posizionamento degli annunci scaturisce esclusivamente dai dati di navigazione dell'utente che visita il sito in quell'istante. I dati vengono raccolti grazie a dei tag digitali posti nel browser del visitatore, da essi se ne deducono le probabili inclinazioni. Possono essere raccolti moltissimi dati, tra cui le pagine visitate in precedenza e le ricerche effettuate, così come la posizione geografica o la nazionalità dell'utente.
L'ultimo modello che analizzeremo sarà quello dei social media. I social media hanno il grande vantaggio di poter raccogliere moltissime informazioni utili sui propri utenti in maniera più trasparente e agevolata di molti altri siti web. Informazioni come l'età, il sesso, la posizione e gli interessi sono spontaneamente forniti dall'user, che accetta, quasi sempre, di ricevere in cambio del servizio gratuito degli annunci pubblicitari costruiti su misura per sé.
Questi quattro modelli adottano strumenti e tecniche di targeting molto diversi tra loro, tutti però hanno l'obiettivo di ottimizzare l'impatto del messaggio raggiungendo quanto più possibile solo il target potenzialmente utile, limitando la dispersione del messaggio attraverso messaggi mirati e ottenendo dunque maggiori profitti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

"Targeting 2.0": fondamenti, tecniche e questioni connesse alla privacy

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Della Sala
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Linguaggi dei Media
  Corso: Interfacoltà Lettere e Filosofia, Sociologia, Scienze Politiche e Sociali
  Relatore: Alberto Bourlot
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblicità
online
marketing online
target
segmentation
targeting
advertising online
adwords
2.0
segmentazione online

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi