Skip to content

Il discorso politico dei Primi Ministri israeliani. Un’analisi linguistica basata su un corpus.

I Discorsi dei Primi Ministri Israeliani

L'obiettivo di questa sezione è quello di descrivere la composizione dei corpora che costituiscono l'oggetto della presente tesi, ribadendo contemporaneamente gli obiettivi che ci si era preposti fin dall'inizio. Il fine della dissertazione è, infatti, quello di dare una descrizione della politica israeliana, soprattutto internazionale, attraverso lo studio dei discorsi pronunciati in inglese dai suoi Primi Ministri. Un altro obiettivo risiede, altresì, nel tentativo di comprendere, attraverso l'osservazione della struttura dei discorsi, quali strategie (nel caso in cui si riscontrino) e quali meccanismi comunicativi siano stati adottati dai leaders, tentando, al contempo, di fornire una spiegazione circa gli effetti che questi potrebbero aver sortito nel pubblico.

La circostanza per cui si andrà a condurre un'analisi su discorsi pronunciati in una lingua che risulti straniera per l'oratore, va tenuta in grande considerazione in quanto potrebbe, eventualmente, creare delle difficoltà o delle discrepanze in confronto ad altre analisi di questo genere. La selezione dei soli discorsi pronunciati in inglese apre, d'altra parte, alcune questioni: se da un lato, l'uso della lingua veicolare internazionale lascia presumere che, per lo meno in determinate occasioni, i Primi Ministri volessero rivolgersi ad un pubblico ben più ampio rispetto a quello incluso entro i confini nazionali, dall'altro, i corpora potrebbero presentare alcuni limiti in quanto lo speaker non è in nessuno dei casi un madrelingua.

Il materiale è stato selezionato in seguito ad una ricerca avvenuta nelle pagine web che corrispondono al sito del Ministero degli Esteri Israeliano ed alla pagina personale del Primo Ministro le quali offrono, effettivamente, un vasto e ben ordinato archivio di materiale entro il quale poter reperire le trascrizioni dei discorsi di diverse personalità politiche israeliane. Unica nota negativa è il fatto che si possa andare a ritroso nella ricerca del materiale non più in là del 1998-1999 per quanto riguarda il Ministero degli affari esteri mentre l'archivio della pagina del Primo Ministro si interrompe alla fine del 2004. È sembrato, inoltre, ma si sottolinea come questa sia solo una sensazione di chi scrive, che il materiale disponibile diminuisse nettamente andando indietro negli anni. I criteri su cui si è basata la ricerca ci hanno imposto di non considerare, durante la selezione, traduzioni o trascrizioni che riportassero solo gli estratti di un atto discorsivo. Le ragioni risiedono nel fatto che le traduzioni non sono da considerarsi attendibili, almeno per quanto concerne l'analisi linguistica, nella misura in cui all'interno di queste si potrebbero riscontrare tracce della sensibilità personale e del processo interpretativo del traduttore stesso (si confronti anche la sezione 1.2). D'altra parte, potrebbe dirsi lo stesso per gli "estratti" nella misura in cui questi, presupponendo la sottolineatura di certi passaggi del discorso ed il taglio di altri, sono frutto di una soggettività troppo ampia per essere inseriti in un contesto di analisi linguistica.

Il corpus generale consta di 136 discorsi i quali coprono un periodo di tempo ben definito che va dall'11 marzo 2001 al 7 gennaio 2013 (ultimo discorso pronunciato da Netanyahu in inglese prima delle elezioni di gennaio 2013) ed è composto, come si diceva in precedenza, da trascrizioni di eventi comunicativi orali che non appartengono ad uno specifico genere. Sono, infatti, state selezionate anche conferenze stampa tenute in inglese (in Israele o all'estero) ed interviste ai Primi Ministri ad opera di emittenti per lo più statunitensi, anche se con qualche eccezione (nel corpus è infatti presente anche un'intervista di Netanyahu ad opera di Claudio Pagliara per la Rai). I discorsi, inoltre, coprendo un periodo di tempo di dodici anni, descrivono tre diverse legislature di cui i Primi Ministri sono stati, rispettivamente ed in ordine: Ariel Sharon (in carica dal 7 marzo 2001 al 14 aprile 2006), Ehud Olmert (4 gennaio 2006, data della nomina a Primo Ministro ad interim - 23 gennaio 2009) e per ultimo Benjamin Netanyahu (31 marzo 2009 - ancora in carica).

È risultato evidentemente necessario, dato un corpus generale basato su discorsi pronunciati da soggetti diversi, operare una suddivisione dello stesso in tre sub-corpora al fine di poter studiare più agilmente la pratica discorsiva di ciascun Primo Ministro e disporre, così, anche del materiale per un confronto tra le tre personalità. È doverosa, arrivati a questo punto, una precisazione in quanto la suddivisione del corpus in tre sub-corpora di minore ampiezza s'inserisce in quella che è stata più volte definita Small Corpus Analysis. Si diceva in precedenza che il sussidio di strumenti elettronici consente lo studio di grandissime quantità di materiale avendo come obiettivo principale quello di operare un'analisi che sia quantitativa e qualitativa allo stesso tempo. Molti autori hanno, d'altra parte, sottolineato come anche gli small corpora possano essere analizzati attraverso l'uso di software, nonostante sia poi fondamentale l'apporto dell'analista (De Beaugrande, 2001:15). Lo stesso Mike Scott (2001:47-68) ha sostenuto che il programma Word Smith Tools può rivelarsi estremamente utile per l'analisi di testi composti da un numero relativamente basso di parole in quanto le applicazioni fornite dal programma consentono di ottenere facilmente alcuni risultati che potranno, in un secondo momento, essere verificati attraverso l'analisi del testo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il discorso politico dei Primi Ministri israeliani. Un’analisi linguistica basata su un corpus.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Celoria
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Michelangelo Conoscenti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 294

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

israele
discourse analysis
corpus

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi