Skip to content

Metodi valutativi della performance: l'analisi del settore automobilistico

Nascita e sviluppi dell’industria automobilistica

L'industria automobilistica rappresenta uno di quei settori che hanno profondamente influenzato la storia economica del secolo scorso. Essa è stata il campo di applicazione di nuove forme organizzative del lavoro e di importanti sviluppi tecnologici e informatici, caratterizzandosi per la grande capacità sia di adattarsi alle diverse condizioni storiche che di influenzare gli avvenimenti del passato.

Fino agli inizi del 1900, l'automobile era il risultato della manodopera artigianale, e, di conseguenza, ne erano prodotte in numero esiguo, quasi come pezzi unici, i relativi costi erano elevati e i prezzi di vendita accessibili solo ad una ristretta cerchia di soggetti facoltosi.

Le prime industrie del settore cominciarono ad affacciarsi negli Stati Uniti, quando nacquero la General Motors (GM) e la Ford. Il fondatore di quest'ultima, Henry Ford, applicò l'organizzazione del lavoro, definita da Taylor, alla produzione del famoso modello di successo Ford T, auto accessibile a tutti dato il suo basso costo. Quest'ultimo era garantito dalla divisione del lavoro e da una produzione meccanizzata in serie, ovvero dalla catena di montaggio, che garantì la realizzazione di un maggior numero di veicoli in minor tempo con un abbattimento del costo finale di produzione e quindi del prezzo al pubblico. Inoltre il contenimento dei costi permise un leggero aumento dei salari, garantendo il potere d'acquisto per il nuovo veicolo.
Anche se Ford dovette combattere la forte competizione della GM, realizzatasi attraverso lo sloanismo, strategia perseguita dall'allora direttore generale Sloan, che usando pezzi intercambiabili, per migliorare le economie di scala, garantiva al pubblico un'ampia scelta tra prodotti e prezzi.

Nel frattempo, in Europa, iniziarono ad essere realizzate prime vetture più pratiche, ma con maggior ritardo, visto che l'auto era ancora concepita come oggetto di lusso.
Durante la Prima Guerra Mondiale, in particolar modo nel panorama europeo, le case automobilistiche ebbero forti difficoltà, anche se la riconversione della produzione fu meno complessa, dato l'utilizzo dei veicoli durante la guerra. In Italia diverse aziende, che si ritrovarono in difficoltà alla fine del conflitto, fallirono o furono assorbite dalla società FIAT, nata nel 1899, unico grande produttore della penisola.

La crisi statunitense degli anni trenta, che colpì anche l'Europa, portò l'industria automobilistica solo ad un abbassamento del livello della produzione. Negli Stati Uniti, questo fu il periodo dell'ascesa della Chrysler, che con GM e Ford, formava le "Big Three" del settore. In Europa vi fu il lancio delle prime vetture economiche, seguendo il fordismo, ma la diffusione del modello produttivo ci fu solo nel secondo dopoguerra.

Negli anni tra la crisi e la seconda guerra mondiale, la crescita dell'industria riprese seguendo il trend che l'aveva contraddistinta fino ad allora. In Europa l'avvento dei sistemi totalitari (nazismo, fascismo) sostenne la diffusione di veicoli a basso costo per tutti i cittadini: si ricordano il Maggiolino della Volkswagen, la Balilla e la Topolino in Italia. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Metodi valutativi della performance: l'analisi del settore automobilistico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Del Principe
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Riccardo Viganò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi