Skip to content

I limiti temporali al diritto di proprietà: la proprietà temporanea

L'importanza dei concetti di "temporaneità", "provvisorietà" e "transitorietà"

Approfondire i concetti di temporaneità, provvisorietà e transitorietà appare importante non solo ai fini semantici, ma, soprattutto, per tracciare una linea di demarcazione tra la proprietà temporanea e le figure paradominicali provvisorie, transitorie, strumentali oppure contingenti.
Secondo la dottrina, l'apposizione di un termine nella struttura contrattuale che trasferisce il diritto è un elemento che ci aiuta a delimitare e circoscrivere la figura proprietaria ad tempus, in quanto "porre l'accento sul termine inerente al contratto significa riconoscere che i poteri dell'acquirente a termine non sono diversi da quelli del proprietario senza limiti di tempo".
Il termine dedotto ex ante nella stipulazione tra le parti distingue la proprietà ad tempus dalle ipotesi di proprietà gravate da condizione risolutiva anche con patto di non retroattività.
Il termine finale apposto al diritto di proprietà esplica due funzioni: è un elemento del negozio ad efficacia reale ed incide sull'interesse ad acquistare la titolarità del bene, delineando il contenuto del diritto acquisito con il negozio.
Occorre effettuare un giudizio sulla meritevolezza degli interessi nel tempo e sulla causa del negozio giuridico, secondo una prospettiva dinamica, non limitata da una visione statica. In quest'ottica, l'articolo 1322 c.c imporrebbe all'interprete di compiere una valutazione in merito agli interessi concreti perseguiti dai privati con il negozio
atipico, al fine di vedere se gli stessi siano idonei a sorreggere un negozio.
La 'provvisorietà' della situazione giuridica e l''instabilità' della stessa devono essere distinte dalla temporaneità; si pensi, ad esempio, all'ipotesi del contratto estimatorio, che potrebbe essere descritta come proprietà funzionale ma non certo in termini di proprietà temporanea, essendo i poteri di disposizione dell'accipiens limitati e preordinati al raggiungimento dello scopo previsto nel contratto.
Occorre distinguere dalla proprietà ad tempus i casi in cui ci sia un trasferimento sottoposto a condizione risolutiva o quelli nei quali si verifichi la situazione di alienazione sottoposta a condizione sospensiva.
La discriminazione, dunque, sembra trovare un primo dato giustificativo su un carattere esterno alla posizione giuridica soggettiva, nell'ambito di vicende giuridiche che possono avere la propria fonte sia nella legge che in un atto di autonomia privata.
L'elemento funzionale ha un ruolo rilevante. Secondo la dottrina, ad esempio: "L'obbligo di restituzione, anche sottoposto ad un termine, non attiene all'efficacia reale del contratto, non è proprio della titolarità sulla quale solo indirettamente si ripercuote: la pretesa restitutoria entra a far parte delle posizioni soggettive previste in contratto, in quanto il suo esercizio non è destinato a realizzare la causa, ma a porre fine al rapporto".
Il dies certus è la ratio fondamentale della disciplina dell'esercizio dei poteri dominicali ad tempus, è il criterio al quale le due posizioni dominicali in ordine di successività hanno inteso uniformarsi, nei rapporti fra di loro.
Per proprietà temporanea si intende il diritto dominicale assoggettato ad un termine finale con efficacia reale, nel senso che la proprietà, allo scadere del termine, si trasferirà ad altro soggetto in virtù di un precedente negozio dispositivo a termine anche contro la volontà del titolare. La fonte è un atto di volontà unitario, il cui contenuto si sostanzia in un diritto di proprietà delineato dai soggetti con una limitazione di durata che esprime una connotazione essenziale dello stesso diritto, attuando il collegamento tra la regola dettata con il contratto ed una situazione ad esso esterna.
Ipotesi differenti, nelle quali si riscontra la provvisorietà, attengono alla c.d. proprietà risolubile, che si configura nei casi in cui il diritto dominicale è sottoposto a condizione risolutiva, per le quali la temporaneità del diritto è stabilita a posteriori, al verificarsi dell'evento futuro ed incerto dedotto in condizione o ancora alla proprietà in garanzia, che è transitoria, legata ad una situazione contingente, e si risolve nel caso di adempimento dell'obbligazione garantita. La dottrina ha fissato dei criteri per l'individuazione della titolarità interinale, definendola come quella "spettante al soggetto che deve subire il compiersi di una fattispecie, in forza della quale sarà spogliato della titolarità stessa: il contenuto di tale titolarità è sottoposto a limitazioni, derivanti soprattutto dal concorso del diritto al futuro acquisto della titolarità attuale e tali limitazioni si traducono, in linea di principio, nell'attribuire determinati poteri su un bene".

Questo brano è tratto dalla tesi:

I limiti temporali al diritto di proprietà: la proprietà temporanea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Giovanna Bloise
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Fabrizio Criscuolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

proprietà
diritti reali
diritto di proprietà
proprietà temporanea
proprietà nella nostra costituzione
evoluzione storica della proprietà
il negozio costitutivo della proprietà temporanea
i modi di acquisto della proprietà
suddivisione dei diritti reali
i limiti del diritto di proprietà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi