Skip to content

Trattamento riabilitativo dei disturbi dell'equilibrio

Anamnesi

Nell'iter diagnostico l'anamnesi svolge un ruolo essenziale.
Si dovranno accertare alcune caratteristiche della sintomatologia riferita, tenuto conto che per migliorare l'affidabilità e la qualità dei dati raccolti é necessario che il professionista adotti un atteggiamento di ascolto interattivo nei confronti del paziente, aiutandolo nella descrizione non sempre agevole dei sintomi, suggerendo per esempio perifrasi facilmente comprensibili.

Sulla base del quadro clinico possiamo distinguere:

Vertigine oggettiva: sensazione di rotazione dell'ambiente circostante; tale fenomeno è legato alla presenza di nistagmo, un movimento oculare patologico, che verrà descritto nel paragrafo seguente. La vertigine oggettiva è tipicamente legata ad alterazioni del sistema vestibolare;

Vertigine soggettiva: sensazione di rotazione del soggetto rispetto all'ambiente circostante. Può essere dovuta a patologie vestibolari o a lesioni del SNC extravestibolari;

Instabilità: sensazione soggettiva di importante mancanza di equilibrio con elevato rischio di caduta a terra; la deviazione dell'asse corporeo può avvenire in direzioni diverse ( antero-retro-o latero-pulsione), ma il paziente riferisce generalmente una direzione preferenziale di instabilità. Il quadro può presentarsi in vestibolopatie centrali o periferiche;

Insicurezza: sensazione soggettiva di imperfetto controllo posturale di lieve entità; non si osservano deviazioni dell'asse di carico ed il test di Romberg risulta negativo;

Disequilibrio (dizziness): spesso difficilmente distinguibile dal quadro precedente. Il paziente riferisce di sentirsi "come su una barca";

Cinetosi: comparsa di sintomi neurovegetativi (cefalea, sudorazione, nausea e vomito) legati all'utilizzo di mezzi di trasporto (automobile, aereo, nave). Alla base di questo fenomeno si riconosce un'erronea integrazione e discriminazione a livello del SNC delle afferenze periferiche visive e propriocettive;

Atassia: grave disturbo del controllo posturale che può coinvolgere capo e tronco, durante la marcia, in stazione eretta e, nei casi più gravi, in posizione seduta. È un segno tipico delle lesioni cerebellari.

Le cadute a terra conseguenti a perdite dell'equilibrio possono configurarsi in quadri clinici peculiari, quali:

drop attack: caduta improvvisa non preceduta da vertigine, senza perdita di coscienza e con pronto recupero del controllo posturale nell'arco di alcuni minuti. Il paziente riferisce un improvviso "cedimento" degli arti inferiori, senza dolore o disturbi sensitivi prodromici;

sincope: improvvisa caduta a terra con perdita di coscienza della durata di pochi secondi o minuti. Tale fenomeno è legato all'ipoafflusso ematico cerebrale su base cardiovascolare;

lipotimia: il paziente non è più in grado di mantenere la stazione eretta, ma non vi è perdita di coscienza e la caduta non è fulminea come nel drop attack.

È fondamentale raccogliere informazioni generali sull'attività lavorativa, sportiva e ricreativa del paziente e sulla presenza di eventuali problemi relazionali al domicilio e sul posto di lavoro.

Altri parametri fondamentali ai fini diagnostici sono:

• modalità di comparsa: andamento critico, subcontinuo o continuo;

• durata: secondi (vertigine parossistica posizionale benigna o VPPB), alcune ore (Ménière), molte ore (neurite vestibolare);

• evoluzione temporale: acuta, recidivante, persistente;

• sintomi concomitanti: acufeni, ipoacusia, riduzione del visus, deficit campimetrici, oscillopsia, manifestazioni neurovegetative (nausea, vomito, sudorazione fredda, lipotimia, con o senza perdita di coscienza), crisi comiziali, cefalea, disartria, disfagia;

• fattori scatenanti e/o predisponenti: movimenti del capo; passaggi posturali; assunzione di farmaci, di cibi o bevande; particolari situazioni ambientali; esposizione ad agenti tossici;

• comorbilità: pregressi traumi; patologia uditiva; malattie sistemiche; malattie psichiatriche (forme psicogene);

• alterazioni del ritmo sonno-veglia;

• presenza di disturbi visivi quali la diplopia (visione doppia), l'oscillopsia (visione tremula) e i difetti campimetrici (emianopsia laterale omonima, scotomi), che contribuiscono all'insorgenza di disequilibrio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Trattamento riabilitativo dei disturbi dell'equilibrio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Bezzeccheri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Fisioterapia
  Relatore: Piera Merli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riabilitazione
postura
equilibrio
fisioterapia
vertigini
parkinson
sclerosi multipla
vestibolare
trattamento riabilitativo
labitintite

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi