Skip to content

Verifica sperimentale di quattro schemi motori di cammino in bambini affetti da diplegia spastica attraverso dati di Gait Analysis e statistica descrittiva

La gait analysis come supporto alla valutazione clinica

La gait analysis utilizzata per l'analisi del cammino rappresenta oggigiorno una delle migliori opportunità per misurare i complessi meccanismi fisici alla base del passo e permette di ottenere dati oggettivi e confrontabili sul cammino di un paziente, divenendo un ulteriore strumento per i professionisti clinici nella lettura dettagliata dei sintomi del soggetto. Essa diviene un mezzo per arrivare a chiarire aspetti che non possono essere definiti completamente con una valutazione soltanto osservazionale e, quindi, qualitativa. L'elaborazione dei dati registrati durante l'esecuzione dell'esame di GA da parte di un paziente ha come scopo primario quello di arrivare alla creazione di un report clinico, un documento di facile comprensione che riassuma i risultati dell'analisi quantitativa in un linguaggio immediatamente comprensibile dai professionisti sanitari, e che rappresenti in modo chiaro ed intuitivo le informazioni raccolte. I clinici andranno a consultare soltanto il report finale, senza preoccuparsi delle operazioni effettuate per costruirlo, né degli algoritmi eseguiti in ambiente virtuale, e senza la necessità di essere presenti durante l'esame. In questa modo, viene posta in essere una stretta sinergia tra diverse professioni e specializzazioni, come l'ingegneria e la clinica, in un rapporto di costante collaborazione e fiducia. L'esito dell'esame di gait, potrà quindi essere immediatamente di supporto al clinico durante la visita specialistica effettuata personalmente al paziente e validare le considerazioni derivate precedentemente dalle valutazioni osservazionali. Il supporto quantitativo fornirà al clinico maggiori elementi su cui basare la proprio decisione di intervento e porterà al minimo le possibilità di errore dovute ad eventuali valutazioni non corrette. Un peso rilevante della presenza di un mezzo che quantifichi comportamenti motori e l'attività muscolare di un paziente con deficit di movimento, viene assunto in presenza delle strategie che un soggetto con tali disturbi adotta per supplire alle mancanze di cui soffre: non di rado può accadere che una postura particolarmente sconveniente per un soggetto definito "normale", porti a valutazioni osservazionali diverse da quelle che mostrano i dati numerici e i grafici. Individuando il vero problema, anche grazie alla consultazione dei risultati riportati sul report, è possibile cambiare il target di intervento o la pianificazione e l'obiettivo dell'attività riabilitativa, rendendoli il più possibile calzante al caso specifico. Una ulteriore informazione d'interesse clinico che si può naturalmente ricavare dall'esame di gait analysis è la tracciabilità nel lungo periodo, attraverso il monitoraggio dell'evoluzione della patologia nel tempo, grazie alla ripetizione dell'indagine in laboratorio a distanza di periodi più o meno lunghi, spesso dell'ordine di qualche mese ed, eventualmente, dopo un intervento chirurgico o riabilitativo. E' intuitivo che, nel bambino, le differenze possono essere notevoli anche dopo un breve periodo di tempo e in assenza di interventi clinici sostanziali, per merito del suo naturale sviluppo; questo non toglie che il procedimento ripetitivo non possa portare giovamento anche nell'adulto, a maggior ragione se sottoposto nel frattempo a trattamenti significativi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Verifica sperimentale di quattro schemi motori di cammino in bambini affetti da diplegia spastica attraverso dati di Gait Analysis e statistica descrittiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgia Tacconi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria elettronica
  Relatore: Lorenzo Chiari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

matlab
biomeccanica
stereofotogrammetria
cammino
classificatore
diplegia
gait analysis
vicon
boxplot
report clinico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi