Skip to content

Esistenza e libertà. I diari metafisici di Gabriel Marcel

Il ''mistero ontologico'': l'essere come (non) problema

Stabilito, quindi, che lo sbocco, che ci permette di dissipare la disperazione, generata dal vivere nel mondo dell'avere e della tecnica, è la metafisica e il voler approdare alle radici di quell'On, che è l'ob-jectum sui, dobbiamo vedere in quale modo possiamo coniugarlo e guardare ad esso. Avendo inteso che l'essere è il metaproblematico e l'inoggettivabile per eccellenza, appare evidente che non possiamo né rapportarci ad esso né intelligerlo, concependolo e degradandolo a problema; cercando di intuirlo e investigarlo con le categorie di un pensiero scientifico, delle quali abbiamo notato il loro limite esistentivo. Ecco, quindi, che si prospetta il passaggio dall'ordine del problematico a quello del mistero; passaggio che appare legittimo solo a patto che si accetti quella conditio sine qua non di cui abbiamo parlato in precedenza.
Dobbiamo analizzare quindi le due categorie – di problema e di mistero – avendo cura e di definirle e di, avendo accertato che l'essere è quanto più si allontana dall'ordine del problematico, stabilire se l'affermazione "l'essere è mistero" non equivalga a dire " l'essere non merita di essere ricercato in quanto indefinibile". Eccoci, così, giunti al cuore della teoresi marceliana, a quel pléroma essenziale e ineludibile che è insieme la distinzione tra problematico e misterioso, tra essere e avere, tra tenebra e luce e tra "riflessione prima" e "riflessione seconda":

"problema è ciò che è davanti a me, che non mi concerne; è il complesso di idee e di dati che io osservo e manovro dal di fuori […]. Mistero invece è il meta-problematico, è la verità-milieu.vivente e vitale in cui non si da distinzione fra l'in me e il davanti a me".

Problema, in effetti, non è nient'altro che un qualcosa che sta di fronte a me per essere risolto, che mi ostruisce il cammino e che mi impedisce di progredire; è la scienza di fronte a se stessa "l'ordine dell'avere si confonde con quello del problematico".

Ad esso contrapponiamo la categoria del "mistero" ed in questo senso parliamo di mistero ontologico. In effetti, questa frase vuole dire che non è possibile circoscrivere, pietrificare e analizzare l'essere con le categorie empiriche, perchè è sua stessa natura trascenderle. Affermare che l'essere è mistero significa ridare dignità ontologica a tutti quegli atteggiamenti e sentimenti come: amore, fedeltà, speranza che per loro natura esprimono l'essere, ma un essere alogico, impossibile da anellare in uno schema prefabbricato:

"coincidenza del misterioso e dell'ontologico, c'è un mistero della conoscenza che è di ordine ontologico, ma l'epistemologo lo ignora, ha il dovere di ignorarlo e lo trasforma a problema".

Affermare, infine, che l'essere è mistero significa, in primis, riconoscerlo e porsi in cammino verso di esso; cercando di elaborare un modo per approdarvici; si tratta, dunque, di pensare ad una metodologia dell'inverificabile. Essere è, infatti, l'amore di una madre per il proprio bambino; ora come pietrificare la vivente espressione di ciò in schemi o imbrigliarlo in regole ferree, così come vuole la scienza?
Solo a patto di abbandonare il mondo desolante della technè e di iniziare ad ex-istere, nel suo significato autentico di assurgere, possiamo guardare alla vita come lo spazio dell'attesa e dire veramente di esistere e non solamente di vivere:

"c'è una cosa che si chiama vivere, e c'è nè un'altra che si chiama esistere: io ho scelto di esistere".

Questo brano è tratto dalla tesi:

Esistenza e libertà. I diari metafisici di Gabriel Marcel

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ramon Caiffa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Roberto Celada Ballanti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi