Skip to content

Gli Stati Uniti e la manipolazione dell'Informazione - Dalla guerra del Vietnam ai due conflitti del Golfo: il racconto di mezzo secolo tra propaganda, disinformazione e bugie

Cinema propagandistico e cinema critico

Ma il cinema è stato da sempre utilizzato anche dai governi Usa per la propaganda in tempo di guerra e per aggiustare il corso della storia.
Molto spesso però il grande schermo è servito ad aprire anche gli occhi su alcuni episodi controversi della storia e guardarli da una prospettiva diversa.

Uno degli esempi più recenti in questo senso, che abbraccia trasversalmente queste due definizioni, è "Pearl Harbor" (2000) di Michael Bay, uscito nei cinema qualche tempo prima rispetto agli attacchi dell'11 Settembre 2001: «è la metafora della necessità della trasformazione e modernizzazione dell'apparato di difesa e dell'acquisizione di mezzi per una difesa efficace contro un'eventuale minaccia tecnologica proveniente dal cielo […] "Pearl Harbor" è quindi la messa in scena del fantasma americano della guerra sognata in termini di stretto confronto tecnologico tra sistemi di armi non ugualmente sofisticati e moderni, per attingere a una purezza di combattimento libera dalle problematiche riguardanti la vita e la morte dei soldati santificati con il loro martirio. L'utilitarismo americano se ne trova legittimato, così come la corsa agli armamenti aerospaziali e l'obbligo di non perdere più uomini in battaglia». È una pellicola che sembra quasi anticipare gli attacchi al World Trade Center e al Pentagono: ci sono elementi incredibilmente anticipatori di quello che sarà il futuro dell'America.

Nel 1968 invece Jonh Wayne, uno dei più grandi attori americani della storia, realizzava il film "Berretti Verdi": una pellicola che ha il sapore di propaganda, che racconta come il sacrificio dei combattenti americani sia giusto, per non darla vinta ai comunisti. John Wayne era a favore dell'intervento armato: lo scrisse anche al presidente Johnson, con una lettera accorata nel quale esaltava lo spirito patriottico degli Usa nei momenti di crisi e di difficoltà. Peccato però che quel film uscì subito dopo l'offensiva del Tet, attraverso la quale l'opinione pubblica americana cambiò idea sul conflitto.

Un film simbolo della disfatta americana è "Apocalypse Now", capolavoro del regista Francis Ford Coppola: il famoso direttore de "Il Padrino" «fa così della guerra del Vietnam l'esperienza collettiva del male in nome della grande strategia di lotta contro il comunismo. Questa quasi dannazione dell'esercito americano corrisponde, individualmente, a quella dei soldati che, in quanto coscritti, rappresentano le classi medie e sfavorite della società americana».

Attraverso il cinema gli Usa, come detto, hanno provato a correggere il corso della storia, e talvolta, nel caso della guerra in Vietnam, a recitare il "mea culpa": durante la prima presidenza di Ronald Reagan, che annoverava anche un passato da attore, molti sono i film che escono al cinema riguardanti il conflitto Indocinese. Il 1982 è l'anno di "Rambo" diretto da Ted Kotcheff, con protagonista Sylvester Stallone. E' un film molto potente, che avrà grande successo in America: «[…] ha per problematica strategica l'errore che commette la società civile nel respingere il suo esercito stigmatizzandolo come criminale, rifiutandosi perfino di ammettere che abbia obbedito al potere eletto. Un'ingiustizia che è un fattore di incomprensione, risentimento e divisione sciolto soltanto quando la violenza lascerà il posto alla presa di parola: questa ristabilisce il legame democratico tra i cittadini, ma anche tra istituzioni politiche e di difesa. Rambo esprime il grido di rabbia e di sofferenza della comunità di difesa respinta da coloro ai quali si è dedicata».
Il cinema che racconta la guerra del Vietnam, dopo la conclusione della stessa, lo fa in maniera tale da rendere quel tragico episodio un qualcosa di immaginario, quasi come fosse un incubo da scacciare via. Era un trauma che doveva essere interiorizzato e rielaborato: per cui si crea una sorta di realtà virtuale, in cui tutto viene rimesso in discussione. Molto di questo atteggiamento deriva della strategia reaganiana di voler tornare a primeggiare nel mondo, combattendo il nemico comunista, dopo le sconfitte degli anni '60 e '70. Il seguito di "Rambo" nel 1985 incarna alla perfezione quel sentimento: Rambo torna in Vietnam per liberare alcuni prigionieri americani non riconsegnati. Arrivato nel paese asiatico, scopre che i sovietici stanno preparando l'esercito in maniera tale da prendere il potere nel Vietnam del Sud. Rambo viene catturato, ma riuscirà con la sua forza e potenza muscolare a sconfiggere i sovietici e i vietnamiti, liberando i soldati americani. E' un seguito molto fantasioso, quasi da "fumetto" che dimostra però come sia tornata la sinergia tra Hollywood e il Pentagono dopo alcuni film in cui venivano messe in luce le reali difficoltà dell'esercito statunitense in Vietnam. Il presidente Reagan ne era entusiasta e citava molto spesso nei suoi discorsi la forza di Rambo per simboleggiare la forza di un'America che torna a primeggiare.

Un anno prima Chuck Norris, attore anch'esso molto noto in America, interpretò nel film "Rombo di Tuono"(1984) il colonnello Braddock che va a liberare alcuni prigionieri in Vietnam. Il film pone l'accento sulla vittoria militare americana, «le tattiche […] sono quelle dell'utilizzo del terreno, dell'accerchiamento, dell'imboscata e dell'attacco a sorpresa, tutte imparate dai vietnamiti […] e afferma la capacità americana di adattarsi e ritorcere contro il nemico le astuzie da esso apprese».

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli Stati Uniti e la manipolazione dell'Informazione - Dalla guerra del Vietnam ai due conflitti del Golfo: il racconto di mezzo secolo tra propaganda, disinformazione e bugie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Agliata
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Salvatore  Lombardo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi