Skip to content

Economia sommersa: misure e analisi statistiche

Metodi di misurazione dell'economia sommersa adottati dall'ISTAT

Nell'ambito della Contabilità Nazionale (CN) italiana, stime della quantità di lavoro irregolare e del volume dell'economia sommersa sono fornite annualmente dall'ISTAT. La CN italiana, al pari di quella degli altri paesi dell'Unione Europea, ha adottato schemi e definizioni dei nuovi sistemi dei conti economici utilizzati a livello europeo ed internazionale (Sec95 e SNA 93), i quali hanno anche contribuito a definire ulteriormente il concetto di economia non osservata. I fenomeni, parzialmente intrecciati, che la compongono sono le attività illegali, il sommerso economico, il settore informale e il sommerso statistico. Teoricamente, tutti questi fenomeno dovrebbero essere oggetto di inclusione nei conti; ma quell'area che corrisponde alla produzione illegale non è ancora inserita nei conti dei paesi dell'Unione Europea, anche per l'eccessiva difficoltà della sua stima. Il campo è limitato alle tre rimanenti aree: l'economia sommersa in senso pieno, il settore informale e il sommerso statistico. L'Istituto statistico dell'Unione Europea (Eurostat), vigila sul rispetto del Sec e sulla bontà delle metodologie adottate dagli Stati membri, accertandone e certificando la validità, soprattutto in relazione alla capacità di produrre stime esaustive del PIL. La conoscenza del complesso fenomeno dell'economia sommersa è condizione necessaria sia per assicurare l'esaustività delle stime del prodotto interno lordo, sia per misurare l'impatto di tale fenomeno sulla crescita del sistema economico e sul nostro mercato del lavoro. La valutazione che l'ISTAT fornisce dell'economia sommersa individua quanta parte del PIL italiano è certamente ascrivibile al sommerso economico e quanta parte del prodotto interno lordo è presumibilmente derivante dallo stesso sommerso economico ma è difficile da misurare in modo certo date le problematiche di natura statistica e di natura economica da cui essa origina.
L'economia non direttamente osservata pone problemi di stima a causa della:
- mancanza totale dell'informazione (attività non registrate, mancato aggiornamento dei registri);
- distorsione delle informazioni disponibili (sottodichiarazione di produzione e valore aggiunto).
In questo senso, per valutare esaustivamente gli aggregati economici l'ISTAT opera:

a) una correzione della sottodichiarazione del fatturato attraverso controlli di coerenza tra occupazione dichiarata e voci di conto economico (specie per le imprese con meno di venti dipendenti);

b) una stima esaustiva dell'input di lavoro mediante l'integrazione di fonti informative osservabili e fonti informative che rendono possibile una stima dell'occupazione non regolare;

c) un utilizzo delle stime dell'input di lavoro come coefficienti di espansione dei valori medi pro capite rilevati e già corretti per sottodichiarazione;

d) una verifica della consistenza degli aggregati economici attraverso tecniche di bilanciamento tra fonti e impieghi per parti di attività economica.

L'Istituto Nazionale di Statistica considera l'utilizzazione di lavoro non regolare nel processo produttivo e la sottodichiarazione della produzione i due aspetti che maggiormente caratterizzano la componente sommersa dell'economia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Economia sommersa: misure e analisi statistiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Passeri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Bruno Bracalente
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi