Skip to content

''Leggevano e primi pubblicavano iscrizioni piemontesi''. Epigrafia, antichità e storiografia a Torino nei secoli XVI e XVII.

Il nuovo mestiere di storiografo nel XVII secolo

Si è nel pieno del XVII secolo e Samuel Guichenon si trovò a dover scegliere tra il muoversi entro i canoni dell'epica classica – il qual motto era ancora docere ac delectare – oppure rifiutare di compiacere personaggi nobili ed eliminare tutti quei convenzionalismi propri della classicità. Decise, pertanto, di rimuovere le digressioni mitologiche e romanzesche, gli aneddoti atti a notificare ancor di più il prestigio di una famiglia o di una personalità. Non amava i falsificatori che si facevano corrompere dalla smania di popolarità dei nobili. Così si fece aiutare dalla paleografia, dall'epigrafia, dalla numismatica affinché le sue considerazioni potessero avere un riscontro reale, attestato, scritto. Castronovo sottolinea come l'utilizzo di queste discipline fosse rudimentale nell'opera guicheniana. Tuttavia è certo che il suo scopo primario fosse indagare nel vasto corpus di reperti storici che aveva trovato negli archivi municipali e reali – si ricordi che grazie al Du Puy poté entrare nell'archivio reale di Parigi. Inoltre voleva ordinare i dati secondo quel criterio storico–scientifico, che escludeva manipolazioni mitologiche o fantasie e che si fondava sulla ricerca storica, potremmo dire empirica.
Le ricerche spinsero lo storico ad allargare le sue indagini fino alla conquista romana e divennero importanti lo studio dei Commentarii di Cesare, le notizie di Strabone, Plinio e Polibio: egli cercò nel profilo politico e culturale della Gallia antica una linea di congiunzione con le istituzioni locali, come se alcune leggi e istituzioni antiche potessero spiegare in qualche modo il governo attuale. Guichenon lavorò su ogni documento che riuscì a trovare, dagli atti degli archivi dei Savoia, a quelli del Delfinato e di Borgogna; dai documenti relativi ai monasteri ai documenti delle note famiglie.
Castronovo non tralascia di sottolineare come il fine di dover giustificare la veridicità di ogni informazione, il dover, necessariamente, separare ogni documento veritiero da quelli falsi, il dover interpretare i testi più antichi, che per primo egli stesso aveva trovato negli archivi, portò ad una trascuratezza di stile. Tale trascuratezza, tuttavia, non ostacolò il successo delle sue opere: egli, raccogliendo le innumerevoli fonti documentarie trovate negli archivi e inserendole in una struttura cronologicamente esatta e unitaria, produsse un'opera la cui fortuna non si esaurì nei tempi immediatamente successivi. Tant'è che per gli storici francesi l'Historie de Bresse, con le sue successive aggiunte e correzioni, rimase la fonte principale di documentazione sulla storia bressana fino al 1600.

Questo brano è tratto dalla tesi:

''Leggevano e primi pubblicavano iscrizioni piemontesi''. Epigrafia, antichità e storiografia a Torino nei secoli XVI e XVII.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alice Digiacomo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Letteratura, Filologia e Linguistica italiana
  Relatore: Silvia Giorcelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 193

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

epigrafia
pirro ligorio
storia di torino
maccaneo
gabriele simeoni
giovanni mario maccio
emanuele filiberto pingone
samuel guichenon
gaudenzio merula
monsignor francesco agostino della chiesa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi