Skip to content

Il ruolo dell'infermiere nell'assistenza alle donne vittime di violenza sessuale

Gli atteggiamenti nei confronti della violenza sessuale: stereotipi e tolleranza

Nel 2003 l'O.M.S. scrisse le linee guida internazionali sull'assistenza medico-legale per le vittime di violenza sessuale indicando quest'ultimo come fenomeno globale, in cui il significato di stupro assume una connotazione diversa in base alla società e alla cultura in cui è inserito. In generale si tende a giustificare l'atteggiamento dell'uomo di aggressività nei confronti della donna e ad avere un atteggiamento di condanna verso la donna che è stata vittima dello stupro. Spesso la donna viene accusata di avere provocato lei stessa con il suo atteggiamento provocante, con la sua condotta la reazione dell'uomo. Invece non c'è alcuna correlazione tra l'abbigliamento della donna e il rischio di subire violenza sessuale. Non soltanto le donne giovani sono vittime di violenza , ma anche quelle anziane e minorenni, senza alcuna distinzione. Non è neanche il fatto di essere state fuori casa fino a tarda notte oppure l'essere stata a casa di un amico sola a potere giustificare il fatto che un uomo non abbia rispettato il rifiuto di una donna e averle quindi imposto un atto sessuale con la forza o la minaccia di ferirla o ucciderla oppure di rovinare la sua reputazione.
Il sesso non è la prima causa dello stupro, ma lo è invece il potere, la rabbia, l'espressione di dominio e di controllo sulla donna attraverso l'imposizione dell'atto sessuale.
Non sempre lo stupro avviene con la violenza fisica o l'uso di armi. Nella maggior parte dei casi le vittime riportano di non essere state in grado di reagire allo stupro per paura di essere ferite o uccise se avessero provato a opporre resistenza all'aggressore. Questo giustifica come anche le donne che raccontano di avere subito una violenza sessuale non presentino sul corpo segni di tale violenza.
L'aggressore non sempre è uno sconosciuto, ma può trattarsi di un parente, un amico, l'ex partner oppure il partner attuale, il marito oppure l'ex marito, una persona conosciuta da meno di 24 ore, un collega di lavoro, o il proprio capo. I dati statistici dimostrano che nella maggiore parte dei casi si tratta di una persona conosciuta. Ed è anche per questa ragione che non tutti gli stupri vengono riportati alle autorità.
Per gli uomini quando una donna dice "no" al sesso intende dire di "si". Invece "no" significa "no"; il desiderio di una donna deve essere sempre rispettato.
Anche le donne che fanno parte del commercio sessuale possono essere vittime di stupro da parte dei loro clienti, la polizia e dei loro partner.
Anche un marito può violentare sessualmente la propria moglie, in quanto ogni attività sessuale forzata lo è, anche se esercitata dal proprio marito. Purtroppo non in tutti gli stati legalmente è riconosciuta la violenza sessuale esercitata dal proprio marito.
La maggior parte degli stupri non è mai riportata alla polizia oppure nei casi in cui viene fatto trascorrono più di 24 ore dall'incidente.
Ci sono vittime che non denunceranno mai e altre che tardano nel farlo perché pensano che nulla può essere fatto, oppure hanno paura delle minacce che hanno ricevuto dall'aggressore, oppure hanno paura di quello che la comunità o la famiglia potrà pensare di loro, oppure si sentono a disagio con se stesse, alcune donne semplicemente pensano che sia un problema personale, oppure non sanno a chi rivolgersi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dell'infermiere nell'assistenza alle donne vittime di violenza sessuale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giusi Spagnuolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Carmela Santamaria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

violenza sessuale
gestione delle vittime di violenza
assistenza infermieristica delle vittime
violenza sessuale nelle donne
il ruolo dell'infermiere nella violenza sessuale
il reato della violenza sessuale
la violenza sessuale in italia
lo stereotipo della violenza sessuale
gestione in pronto soccorso violenza
gestione nei centri specializzati violenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi