Skip to content

Teorie e pratica della traduzione per l'infanzia. Proposta di traduzione di ''Was denkt die Maus am Donnerstag?'' di Josef Guggenmos

Tradurre o non tradurre, questo é il problema

Tradurre é impossibile. Sono diverse le teorie e molti i letterati a sostegno di questo “catastrofico” assunto. Già Dante nel Convivio scrive:

E però sappia ciascuno che nulla cosa, per legame musaico armonizzata, si può della sua loquela in altra trasmutare, senza rompere tutta sua dolcezza e armonia (Dante, 1307, cit. in Pocar, 2013)

Della stessa opinione é Goethe, che nel suo resoconto di Viaggio in Italia, inserisce questa constatazione:

Intraducibili sono le particolarità di ogni lingua: infatti dalla parola più sublime alla più umile, tutto si riferisce a tratti caratteristici della rispettiva nazione. (Goethe, 1816, cit. in Pocar, 2013)

Spingendo alle estreme conseguenze la tesi negazionista, si arriva a considerazioni come quella di Ortega, secondo il quale la stessa lingua umana é inesatta, poiché può rendere soltanto una parte del nostro pensiero. Riflettere su queste considerazioni é indispensabile, ma non si può allo stesso modo fare a meno di pensare che la traduzione esiste da tempi immemorabili e che gli stessi sostenitori della teoria dell’intraducibilità si sono cimentati, spesso con magnifici risultati, nell’operation travisante: Goethe ha tradotto La Vita di Cellini, Il Cinque maggio di Manzoni, e dal francese Il Nipote di Rameau di Diderot. Dante ci ha lasciato alcune delle migliori traduzioni di Virgilio, mentre l’altro nostro illustre propugnatore dell’intraducibilità, Benedetto Croce, non può far a meno di riconoscere il grande contribuito dato dalle traduzioni all’evoluzione culturale dei popoli (oltre che tentare la traduzione di alcune poesie di Goethe). Persino Ortega mentre afferma che la traduzione é impossibile, ribadisce la necessità di cimentarvisi. (cfr. Pocar, 2013)
Ma in che cosa consiste, o meglio a che cosa é dovuta questa presunta intraducibilità?

Essa é anzitutto chiaramente connessa alle problematiche poste dall’equivalenza. Il già citato Catford ha esposto due tipi di intraducibilità: un tipo linguistico che si verifica quando determinate caratteristiche sintattiche o lessicali della lingua di partenza non hanno sostituti nella lingua di arrivo, e un tipo dovuto invece a differenze culturali, decisamente più problematico del primo. Anche Anton Popovic distingue due tipi di intraducibilità, uno linguistico e l’altro maggiormente legato a fattori quali cultura e contesto; la sua prospettiva é però più ampia rispetto a quella di Catford, poiché egli non considera lingua e cultura come due aspetti completamente disgiunti e non sottovaluta la natura dinamica del linguaggio: dal momento che la cultura é dinamica, anche la lingua attraverso la quale questa cultura é formulata deve essere dinamica. (cfr. Bassnett, 1993: 51-55)
La problematica dell’intraducibilità é da sempre collegata con maggiore frequenza alla composizione poetica, che indubbiamente presenta difficoltà aggiuntive rispetto alla traduzione letteraria, in primo luogo per il ruolo fondamentale che vi giocano gli elementi extralinguistici.

Nello scritto L’intraducibilità della rievocazione, Croce afferma che l’impossibilità della traduzione è la realtà stessa della poesia nella sua creazione e nella sua ricreazione (Croce, 1993: 215) e che le traduzioni di poesia non possano in nessun caso rendere la “romantica” essenza del testo poetico originale. Queste asserzioni riflettono la classica contrapposizione tra traduzioni “belle” ma “infedeli” e traduzioni “brutte” ma “fedeli”. Sono tuttavia numerosi coloro che rifiutano queste tradizionali categorizzazioni, e dalla loro parte credo di essermi implicitamente schierata nella mia proposta di traduzione del testo di Guggenmos. Octavio Paz in “Traduzione: Letteratura e Letteralità”, sostiene che ogni traduzione implica una trasformazione del testo originale e costituisce quindi un testo unico. Considerato anche che molti dei più riusciti poemi della lingua occidentale sono traduzioni, non ha senso parlare di intraducibilità della poesia. Servendosi delle parole di Valéry, Paz afferma che L’ideale della traduzione poetica […] consiste nel produrre, con mezzi differenti, effetti analoghi (1995: 294). Se la scelta dei mezzi é libera, altrettanto libero non é dunque l’effetto da conseguire, ovvero la realizzazione di un’opera simile, anche se non identica, a quella originale. Come affermato da Eco, La traduzione non avviene tra sistemi linguistici, bensì tra testi. (Eco, 2012: 37) Il traduttore può e deve servirsi del contesto per scegliere, tra più alternative, quella più efficace.

Forse l’intero processo traduttivo é il risultato di una scommessa:

Interpretare significa fare una scommessa sul senso di un testo. Questo senso - che
un traduttore può decidere di individuare - non sta celato in qualche iperuranio, né e palesato in modo vincolante dalla Manifestazione Lineare. E’ solo il risultato di
una serie di inferenze che possono essere condivise o meno da altri lettori. […]
Senza dubbio c’é l’intera storia di una cultura ad assistere il traduttore nel fare le
sue scommesse […] tuttavia ogni interpretazione rimane una scommessa
. (Eco, 2012: 154)

Di fronte all’impossibilità di dire la stessa cosa, la sfida sta nel riuscire a dire quasi la stessa cosa, negoziando i limiti del quasi in questione in un processo traduttivo che può appunto essere definito di negoziazione, poiché impone di rinunciare ad alcuni elementi per privilegiarne altri. La parte fondamentale nel processo traduttivo spetta quindi all’intuizione creativa del traduttore-interprete.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Teorie e pratica della traduzione per l'infanzia. Proposta di traduzione di ''Was denkt die Maus am Donnerstag?'' di Josef Guggenmos

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Remedios Belia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Mediazione linguistica per le Relazioni Internazionali
  Relatore: Emmanuela Meiwes
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi