Skip to content

Gli strumenti per la lotta alla contraffazione del Made in Italy: il caso aziendale Pedrollo

Il fenomeno della contraffazione - La portata del fenomeno in generale e per l'Italia

Secondo gli ultimi dati diffusi nel 2009 dall'OCSE la contraffazione ha un impatto notevole sul Made in Italy, in quanto alimenta un giro d'affari di 7,8 miliardi di euro l'anno in Italia e in seguito alla crisi globale questo mercato del falso si è rafforzato ulteriormente raggiungendo la cifra di 18 miliardi di euro.
L'Italia è stata a lungo indicata anche come il paese leader nel campo della contraffazione, il primato tra tutte le regioni va alla Campania, seguita dalla Lombardia e dalla provincia di Prato (dove è notevole la presenza dei cinesi). Il canale di distribuzione principale è quello che vede coinvolti i cittadini extracomunitari (senegalesi e nordafricani in particolare), ma con la diffusione di internet sono nati nuovi canali di commercio elettronico come ad esempio e-bay, più difficili da tenere sotto controllo.
I fattori che hanno contribuito alla diffusione dell'industria del falso, a partire dagli anni ottanta, sono: le condizioni di difficoltà delle piccole imprese; la crescita della manodopera disposta a fornire lavoro in modo clandestino e a basso prezzo; le semplificazioni di molti processi produttivi al fine di ridurre costi, personale e tempi di produzione; la delocalizzazione di alcune fasi produttive; la disponibilità di strumenti capaci di rendere agevole la duplicazione di prodotti esistenti.
Va specificato inoltre che negli ultimi anni la tipologia di merci contraffatte si sta estendendo: si va dai prodotti di lusso, come vestiti e gioielli, a prodotti che possono avere un impatto sulla salute, come i prodotti farmaceutici, gli alimenti, i giocattoli, le sigarette e le parti di automobili. Ne derivano vari effetti negativi, quali: indebolimento dell'innovazione; attacco ai commerci e agli investimenti diretti esteri; effetti negativi sull'occupazione e sulle politiche di tutela ambientale; rafforzamento delle attività criminali; nascita di problemi di salute per i consumatori; riduzione delle entrate fiscali dei governi; costi aggiuntivi per adottare misure di anti-contraffazione; casi di corruzione.
A livello mondiale, secondo un rapporto elaborato dall'OCSE, sono cinque i paesi indicati come fonte principale da cui deriva l'80% delle merci contraffatte scambiate nel mondo: al primo posto vi sono i paesi asiatici, tra cui Cina, Hong Kong e Tailandia. Si stima inoltre, che i prodotti contraffatti vengano per il 70% dal Sud-Est asiatico e per il restante 30% dal bacino del Mediterraneo.
Esistono inoltre delle zone "preferenziali" in cui i prodotti contraffatti vengono scambiati. Sono aree al di fuori della giurisdizione doganale, pertanto prive di controlli; si tratta infatti di aree di libero scambio (Free Trade Zones o FTZs). Tra le principali aree a livello mondiale si possono citare: Dubai, le FTZs cinesi e Panama. In queste aree è ufficialmente proibito lo scambio di prodotti contraffatti, tuttavia le merci in transito non possono essere controllate.
Il fenomeno della contraffazione è diffuso su tutto il pianeta ma le merci contraffatte vengono consumate maggiormente nei paesi in via di sviluppo, dove è presente un sistema più "tollerante". Tuttavia bisogna fare delle distinzioni in base alla tipologia di prodotto, ad esempio il principale mercato di sbocco per i pezzi di autoveicoli è il Medio Oriente, seguito dall'Europa e dal Nord America; mentre l'Africa è uno dei maggiori mercati di sbocco per i prodotti farmaceutici, a causa della carenza di controlli, con conseguenti ripercussioni gravi sui consumatori. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli strumenti per la lotta alla contraffazione del Made in Italy: il caso aziendale Pedrollo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Prearo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue per la Comunicazione Turistica e Commerciale
  Relatore: Fabio Cassia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contraffazione
made in italy
italian sounding
counterfeiting

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi