Skip to content

Gli Shakespeare per bambini di Tim Crouch

I, Shakespeare: il progetto di Tim Crouch

I, Shakespeare è una raccolta contenente quattro riscritture di alcuni dei più famosi drammi del Bardo: I, Peaseblossom (2004) ispirato a A Midsummer Night's Dream; I, Caliban (2003) ispirato a The Tempest; I, Banquo (2005) che riscrive la tragedia Macbeth e I, Malvolio (2010) che presenta una riscrittura di Twelfth Night. Le prime tre pièce vennero originariamente commissionate dal Brighton Festival e rappresentate sotto il titolo FairyMonsterGhost all'Unicorn Theatre di Londra nel 2006. A queste si aggiunse nel 2010 la riscrittura dedicata a Twelfth Night, inclusa nella raccolta I, Shakespeare. La più recente pièce tratta da un'opera shakespeariana e scritta per una giovane audience è I, Cinna (the poet) basata sul Julius Caesar, commissionata e prodotta dalla Royal Shakespeare Company. Pubblicato separatamente nel 2012 anche I, Cinna si inserisce nello stesso progetto teatrale e didattico.

Per avere un'idea più chiara delle ragioni che stanno alla base delle rivisitazioni di Tim Crouch è interessante considerare questo aneddoto, raccontato dall'autore nella pagina web dedicata al FairyMonsterGhost tour. Le radici del suo metodo di riscrittura per bambini trovano il fondamento in un episodio della sua adolescenza e vengono poi raffinate grazie all'esperienza teatrale:

«My dad was an English teacher in a secondary school. When I was 16 he took me to see Macbeth at the RSC in Stratford. We were not getting on too well at the time. On the way to Stratford, the car overheated.  Dad took off the radiator cap and boiling water sprayed all over his face. We were both silent for the rest of the journey.
When we arrived, we went on a rowing boat on the River Avon. As he paddled around, his face red and blistered, Dad started to talk to me again; to talk about Macbeth. And I have never forgotten it.  He talked about death and friendship and guilt and marriage and superstition and ambition and theatre and language and history. Even though he was talking about a play, he was talking about REAL things, things I'd never heard him talk about before. He knew Macbeth inside out; he quoted lines in a way that made them sound like they were written yesterday. He told me the story! I realised that no one had ever really told me the story before.
I'd like to be able to say that the RSC production was the most perfect end to the day, but I can't remember it. I just remember my dad, with a face covered in antiseptic cream, on that boat!!
My approaches to Shakespeare in I, Peaseblossom and I, Banquo attempt to combine the qualities of that boat trip with my dad with the incredible force of Shakespeare in performance. My ambition is always to tell the story, but also to fire up the sense of 'theatre' in a young audience, the sense of a live act of communication.
I'm not precious about the language; I steal and raid and mash together. I want a young audience to encounter Elizabethan language as though it was as fresh as new paint. Also I'm resistant to the 'Hero' view of history and literature. It feels right to let the main roles have a day off and let the little fellas have their say – even if the little fellas are dead (Banquo). Peaseblossom has one word in A Midsummer Night's Dream, but he is present at all these amazing moments in the play. Looking at the main action through the eyes of a lesser character invigorates our understanding of the whole.»

Dalle parole dell'autore deduciamo che il focus principale al momento della riscrittura è sul punto di vista dei personaggi minori, coloro che hanno assistito all'intera vicenda messa in scena nei drammi shakespeariani ma senza ricoprire un ruolo di primo piano. Crouch non vuole che la storia venga raccontata dall'eroe, ma piuttosto dai personaggi marginali o dagli "sconfitti" ("I'm resistant to the 'Hero' view of history and literature."), perché a suo parere tale scelta rafforza nel pubblico la comprensione dell'intero dramma. Questo stratagemma, oltre a essere dettato da una curiosità e un interesse personale dell'autore, aiuta anche a rispecchiare il punto di vista dei giovani sui grandi temi, che spesso rimane marginale. L'obiettivo di Crouch è introdurre i suoi spettatori ai capolavori shakespeariani prendendo come esempio il padre: raccontare la vicenda, estrapolandone i temi principali e presentandoli con uno stile e una struttura che risultino allettanti a dei giovani. Crouch vuole rendere il gusto del linguaggio originale utilizzando l'inglese dell'epoca elisabettiana, ma al tempo stesso rendendolo moderno e facilmente comprensibile ("I want a young audience to encounter Elizabethan language as though it was as fresh as new paint"). Non ultimo, egli cerca di suscitare interesse nel teatro e di mostrare la forza e le potenzialità della comunicazione teatrale ad un pubblico probabilmente alle prime armi ("My ambition is always to tell the story, but also to fire up the sense of 'theatre' in a young audience, the sense of a live act of communication"). […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli Shakespeare per bambini di Tim Crouch

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Castellazzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Mariacristina Cavecchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

shakespeare
teatro inglese
macbeth
la tempesta
tim crouch
i, shakespeare
i, banquo
i, caliban
riscritture contemporanee
shakespeare per bambini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi