Skip to content

Il discorso religioso: strategie persuasive di Papa Francesco

Il rapporto con i fedeli

La natura perlocutiva di alcuni testi fa si che l'interlocutore diventi il punto focale, ovvero, l'elemento attorno al quale si elabora il discorso. Se, inoltre, lo scambio è unidirezionale, come nei discorsi ufficiali oggetto di questo studio, è facile dedurre perché, per la realizzazione del suo obiettivo persuasivo, l'enunciatore ricorre a tutti quegli espedienti che coinvolgono direttamente l'interlocutore. In altre parole, la funzione fàtica e appellativa del linguaggio e la relazione che si intavola con il destinatario acquisiscono una rilevanza fondamentale.
Più volte è stato sottolineato come Papa Francesco, nei suoi discorsi, sembri rifiutare un linguaggio complesso, a favore di uno stile di comunicazione più diretto, semplice e schietto. I suoi discorsi, molto spesso, sembrano avere la struttura di una conversazione spontanea, per il fatto che hanno un alto grado di imprevedibilità e improvvisazione; lo stile utilizzato è semplice, il registro colloquiale; il Papa dialoga con il pubblico, gli chiede partecipazione. In questo modo si mette sul suo stesso piano, non assume una posizione di superiorità, almeno apparentemente.
Papa Francesco non perde occasione per mostrare la sua vicinanza nei confronti delle persone: non solo parla come loro, ma si identifica con la gente stessa.
Per quanto riguarda la deissi personale, infatti, predomina la prima persona plurale marcata costantemente dall'uso di pronomi personali e possessivi. Questi ultimi, a livello micro-strutturale, svolgono funzioni pragmatiche molto importanti. A differenza del pronome di prima persona singolare (yo), quello di prima persona plurale (nosotros), secondo Gelabert-Desnoyer, è il più ambiguo e flessibile: «esta forma puede abarcar desde una única entidad (por ejemplo, a través del llamado comúnmente plural mayestático) a todo el género humano».
In effetti, yo ha un referente unico, al contrario, il nosotros può avere diversi valori: chi parla dicendo nosotros può voler includere l'interlocutore, quindi parlare anche a nome suo, oppure può prenderne le distanze. Benveniste considera il primo caso un noi inclusivo (io + voi come me) e il secondo un noi esclusivo (io +loro).
Il Papa ricorre al nosotros di tipo inclusivo per alludere all'umanità tutta. Questa strategia non crea soltanto una situazione di complicità, ma pretende anche di coinvolgere emotivamente l'interlocutore: "Ella no se olvida de nosotros, Ella nos quiere y nos cuida"; "esta civilización nos ha llevado a excluir las dos puntas, que son el futuro nuestro"; "deseo reflexionar sobre el valor salvífico de la Resurrección de Jesús, en la que se funda nuestra fe"; "Dios nos trata como hijos, nos comprende, nos perdona, nos abraza y nos ama aun cuando nos equivocamos".
L'uso del pronome nosotros, insieme al tono enfatico con cui il Papa pronuncia i suoi messaggi, contribuisce ad individualizzare il discorso. A questo proposito, si tenga presente che, durante gli incontri, il Pontefice si trova in spazi molto ampi, a diversi metri di distanza dal pubblico e recita il discorso attraverso un microfono. In tali circostanze, l'impiego ripetuto dei pronomi fa in modo che chi ascolta non abbia la sensazione di essere parte addizionale della massa, bensì si senta coinvolto in prima persona. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il discorso religioso: strategie persuasive di Papa Francesco

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marina Tripi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e letterature moderne euroamericane
  Relatore: Clara Randazzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi