Skip to content

La sostenibilità ambientale come fattore di competitività nel settore legno-arredamento

Il "Contratto di rete" per le imprese green

Un ulteriore strumento a disposizione delle imprese per svolgere la propria attività con un approccio maggiormente orientato alla sostenibilità ambientale è quello del ”contratto di rete”.

Il contratto di rete sviluppato tra imprese green,infatti, è un fenomeno che sta crescendo rapidamente, basti pensare che nel 2013, di 767 contratti presenti in Italia, 163 sono stati costituiti per finalità legate alla sostenibilità ambientale.

Il contratto di rete è stato introdotto con la Legge 33/2009, con la quale si convertiva il Decreto Legge del 10 febbraio 2009, la quale poi a sua volta è stata integrata dalla Legge 122/2010.

Con il contratto di rete “due o più imprese si obbligano ad esercitare in comune una o più attività economiche rientranti nei rispettivi oggetti sociali, allo scopo di accrescere la reciproca capacità innovativa e la competitività sul mercato”.

Pertanto, è proprio grazie a questa attitudine alla ”relazione tra imprese” e al ”mettere insieme le risorse” che ha reso questo strumento così appetibile per le imprese green, che sicuramente vi intravedono la possibilità di effettuare un "salto di qualità” sviluppando le condizioni adeguate per aumentare la propria capacità competitiva.

La maggioranza delle imprese italiane, infatti, è di piccola dimensione, e quindi spesso non riesce a competere, soprattutto nel contesto green, a causa di una questione puramente fisiologica legata ad una minore capacità produttiva, che comporta quindi dei Costi Medi Unitari superiori a quelli di competitor più forti, senza contare anche la possibilità di spalmare poi i costi indiretti su un numero di oggetti di costo più ampio.

E' anche un modo, poi, per le imprese green, appunto, di mettere in comune gli ingenti costi di R&S, sviluppando una struttura comune che le possa mettere in grado di realizzare un livello di ricerca maggiore e più efficiente, favorendoanche gli spillover di conoscenza tra le due organizzazioni.

Ma può anche essere un modo per colmare le lacune competitive, in termini di competenze, di un'organizzazione, mediandole con le maggiori competenze dell'altra.

Difatti nel contratto, deve essere indicato, oltre alle denominazioni sociali delle singole organizzazioni, ”le attività comuni poste a base della rete”,nonché un ”programma di rete, che contenga l'enunciazione dei diritti e degli obblighi assunti da ciascuna impresa... le modalità di realizzazione dello scopo comune... e l'organo comune incaricato di eseguire il programma”.

La legge, inoltre, prevede anche l'istituzione, eventuale, di un ”fondo patrimoniale comune” in base al quale vengono stabiliti i conferimenti per ogni contraente e le modalità di gestione, che può avvenire anche tramite "costituzione da parte di ogni contraente di un patrimonio destinatoall'affare”. La legge 122/2010, poi introduce come requisito del contratto, anche l'indicazione "degli obiettivi strategici di innovazione e di innalzamento della capacità competitiva dei partecipanti e le modalità concordate con gli stessi per misurare l'avanzamento verso tali obietti".

L'adozione di questo strumento all'interno delle imprese green è avvenuto con ritmi piuttosto rapidi, dato che, dopo le prime 5 esperienze nate nel 2010, si è intensificato nel 2011, con la nascita di 47 contratti, conoscendo poi un vero e proprio boom nel 2012 (94 contratti) a cui si aggiungono i 17 di inizio 2013.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La sostenibilità ambientale come fattore di competitività nel settore legno-arredamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Pierangeli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Gestione Aziendale
  Relatore: Federica Murmura
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 196

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi