Skip to content

Tecniche non convenzionali di marketing: il caso Red Bull

I principi del Viral Marketing

Il dottor Ralph F. Wilson definisce nell'anno 2000, all'interno della sua pubblicazione "The Six Simple Principles of Viral Marketing", i principi ai quali ciascuna strategia di marketing virale dovrebbe rifarsi per riscuotere un discreto successo. Lo studioso afferma che, sebbene non sia obbligatorio che comprenda al suo interno tutti quelli da lui sottolineati, più elementi una campagna riesce ad abbracciare, più aumenta la probabilità di conseguire buoni risultati.

Essi sono:

1. Offrire servizi o prodotti gratuiti — Alle volte il fattore che spinge l'utente a diffondere un messaggio consiste nel divertimento che egli ne trae, ma il fattore gratuità è quello che funziona meglio. «"Free" is the most powerful word in a marketer's vocabulary». Parole come "economico" e "non molto costoso" possono generare interesse, ma la parola "gratis" lo catturerà istantaneamente. Anche se non immediati, i profitti arriveranno nel tempo. Per questo motivo esistono diversi servizi in forma gratuita che prevedono una versione "pro" a pagamento: «give away something, sell something».

2. Utilizzare un messaggio facilmente trasmissibile ad altri — I virus si trasmettono solo nel caso in cui sia facile il contagio: così come il raffreddore si trasmette con un semplice starnuto, il messaggio deve essere semplificato al massimo e poter essere diffuso facilmente e senza distorsioni; e-mail, siti web, grafiche, software e download sono i mezzi migliori.

3. Essere in grado di rispondere ad una crescita rapida — Bisogna predisporre l'azienda in modo da assecondare la diffusione esponenziale: se Hotmail non fosse stata pronta ad aggiungere server per il suo servizio di posta elettronica al crescere degli adottatori, la strategia si sarebbe arrestata, sostanziandosi in un fallimento.

4. Sfruttare motivazioni e comportamenti comuni — La gente è mossa dal desiderio di essere alla moda, popolare, amata e compresa. Costruire una campagna virale che fa leva su tali motivazioni per la trasmissione del messaggio porterà sicuramente al successo. Il segreto è ottenere vantaggi dai bisogni psicologici della gente.

5. Utilizzare le reti di comunicazione già esistenti — Gli studiosi di scienze sociali affermano che ciascuna persona conta nel suo ristretto network sociale, composto da amici e famiglia, un numero che va dagli 8 ai 12 individui; il suo network esteso può essere costituito da centinaia o anche migliaia di persone, in base alla posizione occupata nella società. Allo stesso modo, internet fa sì che si creino nuovi network: la chiave sta nel piazzare il messaggio nelle comunicazioni che già avvengono tra le persone, moltiplicandone la dispersione.

6. Approfittare delle risorse altrui — Network di affiliazione che fanno uso di link ad altre pagine, blog e portali gratuiti di informazione sono anch'essi un buon mezzo per garantire al proprio messaggio una buona propagazione, visto che può essere ripreso, ripubblicato o condiviso su altre centinaia di pagine web. Ciò garantisce che a fruirne sia un numero esponenziale di persone.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Tecniche non convenzionali di marketing: il caso Red Bull

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Piero Mezzasalma
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia & Management
  Relatore: Mariangela Franch
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi