Skip to content

L'iconografia del profeta Isaia nelle arti del medioevo

La rappresentazione singola dei profeti

Non riprendiamo la netta definizione di “rappresentazione statica” proposta da François Gay, che la usatava per indicare la più diffusa prassi nella quale i profeti furono raffigurati durante il Medioevo, preferendo quella più neutra e meno vincolante di “rappresentazione singola”.

Il profeta sarà rappresentato nei tratti di una figura maschile, dai tratti senili, in piedi o a sedere con o senza cartiglio in mano. Rappresentati nei rilievi degli stipiti del portale centrale della facciata occidentale del Duomo di Modena come anche, nella stessa posizione, nel portale del Duomo di Cremona e poi in quelli di Ferrara e Verona, questi vegliardi sono posti in una posizione di grande rilievo all’interno di questi complessi scultorei. Dipinti entro cornici come a Siena nel Palazzo Pubblico, entro predelle come nella Maestà di Duccio, o, entro i pennacchi dei polittici, o scolpiti entro gli strombi dei portali, i profeti non hanno avuto un ruolo secondario nell’iconografia delle grandi opere d’arte medievali.

Questi erano però riconoscibili soltanto grazie ai cartigli che reggevano in mano. Un passo delle scritture era il loro segno di identificazione. Talvolta poteva essere presente un’iscrizione che ne indicava il nome.

I profeti del resto non erano soltanto quelli a noi noti con tale nome. Durante il Medioevo - si deve infatti precisare - la nozione di profeta era molto più ampia rispetto a quella moderna ed il loro numero, di contro al numero di dodici minori più quattro maggiori (sedici in tutto), rimaneva abbastanza ampio e vario.

Se pensiamo ad esempio al ciclo di affreschi della cupola del Battistero del Duomo di Parma risulta chiara la presenza di personaggi che non appartengono alla serie dei soli autori degli ultimi libri dell’Antico Testamento. Infatti ”La nozione di profeta nella teologia medievale - secondo Françoise Gay - risulta più vasta rispetto a quella cristiana attuale: ingloba assai spesso la concezione ebraica e quella cristiana, aggiungendovi anche altri personaggi. Per questo motivo nell’arte medievale, spesso ispirata da scritti teologici, vennero raffigurati non sedici ma circa trentacinque profeti. Oltre ai quattro profeti maggiori, ai quali occorre aggiungere Baruc, discepolo di Geremia, e ai dodici profeti minori, sono spesso citati come profeti anche Elia ed Eliseo, che figurano nei libri de Re, e ancora Abramo, Mosè, Balaam, Davide e Giovanni Battista. Vengono anche ricordati, più o meno frequentemente, Samuele, Tobia, Natan, Melchisedek, Salomone, Gedeone, Aronne, Giobbe o Adamo. La Sibilla Cumana, o altre sibille e lo stesso Virgilio sono anch’essi in qualche caso annoverati nei ranghi dei profeti”.

Lo studio dell’iconografia medievale dei profeti risulta quindi chiaramente più complesso di quanto possa sembrare di primo acchito. Ci rivolgremo di seguito ad uno soltanto fra profeti, il più importante per il cristianesimo: Isaia; l’autore, come abbiamo visto, del cosiddetto “vangelo anticipato”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'iconografia del profeta Isaia nelle arti del medioevo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: David Rini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Valerio Ascani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 222

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

profeti
antico testamento
iconologia
apocrifi
iconografia cristiana
isaia
ascensione d'isaia
martirio d'isaia
albero di iesse
visione d'isaia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi