Skip to content

Linguaggio e memoria nei bambini con sindrome di Down

Il rapporto tra linguaggio e pensiero

A partire dagli anni ‘70 va in crisi l’idea chomskyana che il linguaggio si sviluppi indipendentemente dalle capacità cognitive e sociali poiché si dà più spazio all’idea che i bambini debbano sviluppare una sufficiente conoscenza del mondo prima di iniziare a comunicare ed a parlare e che tale conoscenza permetterà loro di esprimere verbalmente concetti e pensieri e inoltre si inizia a ragionare sul fatto che anche i diversi domini linguistici come la sintassi e la semantica derivino da altre forme di conoscenza non prettamente linguistica. Due psicologi come J. Piaget (1896-1980) e Lev S. Vygotskij (1896-1934) considerati tra i teorici più influenti e determinanti per la psicologia dello sviluppo hanno nelle loro opere indagato su gran parte dello sviluppo cognitivo e nello specifico sul rapporto tra linguaggio e la cognizione e il linguaggio con il pensiero. Piaget ha pubblicato le sue opere a partire dagli anni ‘20 sino agli anni ‘70 ed esse hanno avuto un vasto eco in tutto il mondo, diversa è stata invece la vita e la situazione di Vygotskij morto precocemente negli anni ’30 il suo approccio teorico si caratterizza per la particolare enfasi e attenzione destinata allo studio dell’interazione sociale nell’apprendimento del linguaggio e ai rapporti tra questo ed il pensiero ma vedremo meglio nel paragrafo successivo il suo punto di vista.

Tornando alla concezione del linguaggio in Piaget (1945; 1954) essa ha origine a partire dal suo grande e complesso sistema teorico che vede lo sviluppo cognitivo come un processo adattivo che si dipana attraverso le azioni che il bambino compie nell’ambiente che lo circonda, per l’autore l’uomo è in interazione continua con l’ambiente ed i suoi scambi con la realtà vengono guidati da strutture interne non innate ma bensì costruite nel corso dello sviluppo attraverso gli scambi continui con l’ambiente e intende lo sviluppo cognitivo relativamente autonomo sia dal linguaggio che dall’interazione sociale. Secondo la sua tesi è lo sviluppo cognitivo che guida lo sviluppo del linguaggio ed è autonomo rispetto ad esso mentre lo sviluppo linguistico deriva e dipende da quello cognitivo, il linguaggio essendo basato sia su processi cognitivi che sociali è vincolato da prerequisiti di natura cognitiva e percettiva.

Da tutto questo è facile dedurre che la posizione teorica di Piaget risulta essere in contrasto rispetto a quella di Chomsky il quale sostiene l’indipendenza del linguaggio dall’intelligenza e dalla cognizione in generale.
Lo studioso ginevrino sostiene che è l’esecuzione a precedere la competenza anziché viceversa. Il bambino dapprima impara facendo cioè agendo sulla realtà e soltanto in un secondo momento capisce quello che fa. La posizione costruttivista di Piaget è in realtà intermedia tra quella innatista e quella empirista, infatti è attraverso l’esperienza che il bambino costruisce il proprio sistema cognitivo, partendo da pochi riflessi innati, l’esperienza ha poi un ruolo cruciale nel consentire al bambino di costruire la propria conoscenza, considerando però che la mente impone comunque una griglia all’esperienza e tale esperienza viene interpretata attraverso le strutture cognitive già esistenti e che a loro volta, in virtù di un processo dinamico le strutture cognitive vengono costruite e ri-costruite attraverso l’esperienza. L’ipotesi cognitivista di Piaget ha influenzato gli studi sul linguaggio soprattutto a partire dalla prima metà degli anni ‘70 stimolando un filone di ricerche che si proponevano di individuare i prerequisiti cognitivi per la sua comparsa. In queste prime ricerche però la nozione di prerequisito è stata intesa troppo alla lettera ipotizzando che il linguaggio derivi da capacità non linguistiche che lo precedano. In conclusione, anche se ancora oggi la questione è fonte di dibattito e rimane aperta sia a nuovi studi che a nuovi processi di conoscenza si può affermare che non tanto lo sviluppo cognitivo determini quello linguistico quanto piuttosto linguaggio e cognizione possono avere sviluppi paralleli spiegabili a partire da strutture comuni ad entrambe queste capacità.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Linguaggio e memoria nei bambini con sindrome di Down

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Deiana
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Rachele Fanari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi