Skip to content

Recupero dei materiali plastici tramite un innovativo sistema di separazione idraulica

Idrociclone

L'idrociclone è un classificatore operante in continuo che utilizza la forza centrifuga al fine di accelerare la sedimentazione di una certa classe di particelle. Il suo uso principale in ingegneria mineraria è stato appunto quello di classificare, dimostrandosi efficiente nella separazione di particelle fini. Un tipico idrociclone consiste in una camera di forma conica, aperta sul fondo, unita ad un prolungamento cilindrico della camera stessa, munito di alimentazione tangenziale. Nella parte superiore del ciclone è presente anche un canale di rimozione con asse parallelo a quello del dispositivo. Questo canale atto alla captazione dell’overflow si estende anche in parte all'interno del corpo tramite una sezione rimovibile detta vortex finder, che ha la funzione di prevenire la circuitazione dell'alimentazione direttamente nell’overflow.


L'alimentazione è introdotta a pressione attraverso l'entrata tangenziale. Viene a crearsi nel ciclone un vortice con una zona di bassa pressione lungo l'asse verticale. La forza centrifuga sviluppata accelera, come già detto, la sedimentazione delle particelle che verranno classificate in base a dimensione e gravità specifica:

* le particelle che tendono a sedimentare più velocemente si spostano sulla superficie laterale del ciclone, dove la velocità è minore, e migrano verso l'uscita inferiore
* le particelle più lente a sedimentare invece, si muovono verso la zona di bassa pressione trascinate dalla corrente ascendente.

In generale le particelle sono soggette a due forze opposte: la forza centrifuga che le spinge verso le pareti ed una forza di trascinamento diretta al centro del dispositivo; la prevalenza di una sull'altra fa si che la particella vada a far parte dell’underflow o dell’overflow rispettivamente.

I primi studi condotti da Petty et al. (1993) riguardo l'impiego di idrocicloni per la separazione delle materie plastiche riportano i seguenti risultati: un prodotto in HDPE con purezza maggiore del 90% ma con un recupero solo del 30%. Questi studi hanno sottolineato le modifiche ed i cambiamenti necessari da applicare all'idrociclone allo scopo di separare le plastiche, ed in primis, quanto influisca la diversa inclinazione dell'asse (in tal caso verticale) sulla separazione stessa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Recupero dei materiali plastici tramite un innovativo sistema di separazione idraulica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Pinzi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
  Relatore: Floriana La Marca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi d’immagine
riciclaggio omogeneo
riciclaggio plastiche
separazione pet pvc
separazione per densità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi