Skip to content

Poesie e Canzoncine Mariane in Napoletano prima e dopo Sant'Alfonso Maria de Liguori

La Madonna della Pace

Altro culto che si perde anch’esso nella notte dei tempi è quello della Madonna della Pace a Giugliano in Campania.
È la “Settima Sorella” che viene aggiunta alle sei precedenti proprio dai giuglianesi che ne rivendicano l’importanza e la diffusione del culto nella nostra regione.
Comunemente chiamata dai devoti ‘a zengarella per il caratteristico colore olivastro e scuro che la distingue dalle “Sorelle”.

Al suo culto sono legate tre leggende, tuttavia, il dato storicamente documentato è che il simulacro della Madonna della Pace si trova nella sua cappella da oltre cinquecento anni.
Originariamente, la Vergine era conosciuta con il nome di Madonna della Pietà. Il nome venne poi cambiato in “Madonna della Pace” a seguito dell’intervento pacificatorio che Ella ebbe nel ricondurre alla pace due famiglie giuglianesi in lotta tra loro.
Ritornando alla tradizione orale si racconta che il simulacro proveniente da Bisanzio approdò miracolosamente a Cuma.

Ritrovato da alcuni marinai, richiamati sul luogo dell’approdo dal muggito di buoi, fu trasportato a Giugliano, verso il 1453, in seguito all’assedio ed al saccheggio di Costantinopoli da parte di Maometto II.
Altri affermano che il simulacro era già oggetto di culto e proveniente da una chiesa dell’antica Cuma o da un’edicola rurale che si trovava nel territorio di Giugliano.

La più diffusa tradizione orale è quella che racconta che verso il lago di Patria esisteva un borgo che poi cadde in rovina e quel posto per molti anni fu ritenuto maledetto.
Un contadino stanco del lungo protrarsi di questa situazione misteriosa decise di sfatare il mistero e con un piccone cominciò a scavare nel luogo maledetto.

Ad un tratto si aprì una botola attraverso la quale egli penetrò in un tempietto oscuro ed abbandonato, dove trovò la statuetta della Madonna Bruna, che riportata alla luce diventò subito oggetto di venerazione.

La festa della Madonna della Pace dura una settimana, con inizio la vigilia di Pentecoste e il termine nella domenica della Santissima Trinità.

Altro momento autenticamente popolare della festa per la Madonna è rappresentato dal volo dell’angelo che avviene all’inizio e alla fine della processione.

Tale rituale, di origine antichissima, è attestato storicamente a partire dal 1749, anno della prima incoronazione della Madonna.

Il 9 giugno 2003, sua Ecc. Mons. Mario Milano Arcivescovo – Vescovo della diocesi di Aversa incorona per la quarta volta il simulacro della Vergine.
Nei secoli XVIII e XIX il culto mariano a Napoli è più vivo che mai.

Nel Settecento, in pieno Illuminismo, quando le nuove idee sembravano soffocare la pietà popolare ed il culto religioso, un santo napoletano diffondeva e difendeva il culto di Maria: Sant’Alfonso Maria de’ Liguori (a lui è dedicato un intero capitolo).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Poesie e Canzoncine Mariane in Napoletano prima e dopo Sant'Alfonso Maria de Liguori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alfonso Mauriello
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Istituto di Scienze Religiose “S. Paolo” di Aversa
  Facoltà: Teologia
  Corso: Scienze religiose
  Relatore: Alfredo Di Landa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi