Skip to content

Sovraespressione di Sonic Hedgehog in topi transgenici: influenza della proteina sull'apoptosi e sulla proliferazione cellulare durante lo sviluppo degli arti

La sovraespressione di Shh nei condrociti, durante l'embriogenesi, provoca la mancata formazione di alcune articolazioni

Per ottenere una specifica espressione di SHH nei condrociti, il cDNA completo di SHH è stato posto sotto il controllo trascrizionale della regione regolatrice del protocollageno murino α1 (II) gene Col2a1 (Tavella et all, 2004). Questa regione è stata utilizzata con successo per una espressione mirata di diversi cDNA nei condrociti (Garofalo et al., 1999; Zhou et al., 1995).
I topi transgenici sono stati identificati tramite l'utilizzo delle tecniche di PCR e Southern Blot. L'espressione del transgene è stata identificata mediante l'utilizzo della tecnica del RT-PCR ed immunoistochimica (Tavella et al., 2004).
Il topo Col2-SHH mostrava un fenotipo letale alla nascita, si riscontrava una forma severa di craniorachischisi, una condizione nella quale il condrocranio rimaneva aperto. Sono stati generati 26 embrioni transgenici e 22 di questi (84%) mostravano craniorachischisi. Purtroppo nessun animale è sopravissuto e quindi non è stato possibile stabilire una linea.
A livello del cranio, le ossa esoccipitali e sovraoccipitali erano assenti, mentre le altre ossa membranose risultavano normali. La capsula otica e gli ossicini erano iperplastici, mentre la mandibola risultava essere ipoplastica.
Lo scheletro assiale mostrava grosse alterazioni. Accanto all'assenza degli archi posteriori e dei processi spinosi della vertebre, l'istologia evidenziava un allargamento dei corpi vertebrali con processi laterali molto larghi che erano fusi con il corpo. I gangli erano spostati posteriormente ed i nervi compressi dalla cartilagine, cresciuta in maniera abnorme. Il tubo neurale era completamente chiuso ed avvolto dalle meningi che erano in diretto contatto con lo strato sottile della pelle. Le costole risultavano quasi interamente colorate da Alizarina Red.
mostravano un fenotipo distorto, con una spiccata variabilità ed un incremento nelle dimensioni. In alcuni casi si osservava una fusione tra loro o con le vertebre. Non erano distinguibili le giunzioni costocondrali.
Lo sterno era completamente formato da cartilagine ed apparentemente diviso a metà della linea mediana. Inoltre tutti e quattro i centri di ossificazione non erano presenti.
Nel topo normale, Shh è assente nel growth plate delle ossa lunghe, ma Ihh era presente in un sottoinsieme di condrociti che precedono lo stadio ipertrofico.
Negli animali transgenici, SHH è stato evidenziato utilizzando un anticorpo specifico per la regione amminoterminale e si riscontrava associato essenzialmente ai condrociti, piuttosto che a livello della matrice extracellulare. Questo dato era coerente con i dati riportati in letteratura, in cui si riscontrava che il frammento amminoterminale di Shh si ritrovava prevalentemente ancorato alla membrana cellulare (Peters et al., 2004).
Il nostro lavoro si è focalizzato sullo sviluppo degli arti e, in particolare, sulla formazione delle articolazioni negli animali transgenici.
La colorazione con Alizarina e Alcian Blu in embrioni di 18,5 dpc, rivelava profondi cambiamenti negli elementi scheletrici. Oltre alla persistente presenza della cartilagine nelle diafisi delle ossa lunghe negli animali transgenici (Tavella et al., 2004), si riscontrava un evidente difetto nelle articolazioni, in particolare quelle che derivavano dalla divisione del mesenchima.
A livello delle articolazioni del gomito e del ginocchio, si osservava un'alterazione nella formazione delle epifisi delle ossa lunghe, che risultavano drammaticamente deformate. All'osservazione, il processo olocranico dell'ulna, presentava una espansione posteriore, la parte distale dell'epifisi dell'omero non si articolava con il radio e l'ulna come si osservava nel topo normale. Nell'animale transgenico, il ginocchio e la parte distale del femore mancavano della normale divisione rispetto alla parte prossimale della tibia, includendo la rotula in un unico segmento cartilagineo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sovraespressione di Sonic Hedgehog in topi transgenici: influenza della proteina sull'apoptosi e sulla proliferazione cellulare durante lo sviluppo degli arti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Biticchi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche
  Relatore: Ranieri Cancedda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apoptosi
topi transgenici
proliferazione cellulare
sonic hedgehog
sviluppo degli arti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi