Skip to content

Cause e conseguenze degli External Imbalances: una proposta per porvi rimedio nel contesto dell'Unione Economica e Monetaria Europea

Le ricette per risolvere gli External Imbalances

Conoscerne l'importanza, comprenderne le cause, determinarne la portata, analizzarne le conseguenze: passaggi fondamentali da compiere come conditio sine qua non prima di poter pianificare una strategia, un intervento, una procedura adatti a risolvere una serie di external imbalances. Condizioni propedeutiche trattate nei primi due capitoli di questa tesi, che prosegue con l'analisi delle possibili ricette per ovviare agli squilibri esterni. Dapprima saranno presentate le proposte della più recente letteratura economica in tale ambito e la Proposta insita nella visione del sistema monetario internazionale che J.M.Keynes aveva e che presentò alla conferenza di Bretton Woods del 1944, evidenziando i punti forti e deboli di ognuna. In seguito, una trattazione riguardo la procedura attualmente prevista nell'Unione Monetaria Europea per la risoluzione degli squilibri e l'analisi dei limiti di cui essa soffre.

Recenti proposte dalla letteratura economica

La più recente letteratura economica ha analizzato gli external imbalances perlopiù nell'ambito dell'Unione Monetaria Europea: al di fuori di tale contesto, infatti, i vari paesi coinvolti in uno o più squilibri, possono ricorrere, grazie alle banche centrali nazionali, a politiche volte a modificare i tassi di cambio ed i tassi di interesse per stimolare la ripresa del settore industriale, delle esportazioni e l'inflow di capitali dall'estero – si veda a tal proposito la politica monetaria recentemente inaugurata dalla BoJ su richiesta del premier giapponese Shinzo Abe, ribattezzata dai media Abenomics (Savona, 2013) – "armi" di policy di cui sono sprovvisti i paesi membri di una unione monetaria.
Risulta quindi più interessante quanto più ostica la ricerca di ricette adatte a risolvere gli squilibri esterni tra paesi che condividono la stessa moneta e la stessa politica monetaria delegata ad un organo indipendente come la BCE.
Molti recenti studi convergono verso l'idea che in una unione monetaria gli external imbalances si possano risolvere tramite un processo di cd. fiscal devaluation nei paesi in deficit.
La fiscal devaluation consiste nella modifica delle aliquote fiscali riducendo gli oneri fiscali a carico del datore di lavoro, con la garanzia della copertura dell'intervento assicurata da un parallelo incremento delle imposte indirette sui consumi (es. IVA). La diminuzione degli oneri sociali riduce il CLUP e quindi il prezzo di beni e servizi prodotti, rendendo i beni esportabili più competitivi sui mercati esteri, stimolando le esportazioni. Per quanto riguarda il mercato interno la riduzione del CLUP compensa in parte l'incremento del prezzo finale dei beni dovuto all'aumento dell'IVA, ma di ciò non possono beneficiare i beni importati dai paesi in surplus – se nel frattempo non adottano simili politiche – con una conseguente riduzione delle importazioni.
Molti studi recenti mostrano la convenienza di tale proposta tramite modelli DSGE, come nel caso di Lipinska e Von Thadden (2009) o nel più recente Fazio (2011). In entrambi i casi a fianco alla proposta, emerge come le verifiche empiriche dimostrino che la fiscal devaluation ha anche effetti espansivi non trascurabili sul PIL nazionale. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Cause e conseguenze degli External Imbalances: una proposta per porvi rimedio nel contesto dell'Unione Economica e Monetaria Europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alex Arcangelo Selvaggini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Antimo Verde
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

euro
economia
unione europea
economia internazionale
bilancia dei pagamenti
economics
external imbalances
squilibri macroeconomici
balance of payments
macroeconomic imbalance procedure

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi