Skip to content

Gli stili skinhead e i Media

Origine, Nascita e Sviluppo del movimento

Il concetto di stile non è solamente legato al vestiario, ma comprende atteggiamenti, ideali e comportamenti di gruppi di individui che si riconoscono in essi e ne difendono i valori. In Inghilterra dalla metà del Novecento la classe operaia era composta da gruppi eterogenei di Inglesi e indo-occidentali, i quali formavano piccoli gruppi divisi per nazionalità portando le proprie tradizioni e la propria musica nel nuovo contesto sociale.
La nascita della sottocultura skinhead ed il suo sviluppo sono strettamente legati all'influenza della musica giamaicana nella cultura inglese durante gli anni '60, aspetto che nella fase revivalista degli anni '80 si tende ad ignorare.
Quando gli emigrati giamaicani e cubani arrivarono in Gran Bretagna integrandosi quasi subito con il proletariato urbano, la loro musica tradizionale, il Reggae, fece da collante per le diverse culture, la bianca e la nera. Il Reggae oggi musica di consumo proprio come le altre, in realtà nasce come musica folk che rappresenta i sogli e i desideri di una popolazione vittima di violenze e continuamente in guerra. Il contatto con i ritmi occidentali e la musica nordamericana permise al genere di svilupparsi, trasformandosi in altri generi mutando il significato profondo da musica dello spirito di un popolo a rappresentazione delle ambizioni e dei desideri di una working class emarginata dal potere centrale e considerata come una seconda nazione nella nazione stessa.
Inizialmente il nuovo stile non possedeva nemmeno un nome che lo identificasse o distinguesse dagli altri aggregati giovanili. Coincide con quella fazione dei mod rimasta, dopo la scissione del gruppo, fedele alle radici afro del movimento ed alla coscienza della propria condizione proletaria. Ancora nel 1969 il giornalista Chris Welsh del Melody Marker (uno dei più importanti periodici musicali del Regno unito) descrive quella che è la nuova sottocultura skinhead descrivendola come una "nuova minaccia della società" e chiama i suoi membri mod. Nell'articolo Welsh li dipinge come una una banda di violenti attaccabrighe che non guardano né al futuro (come gli hippy), né al passato, (come i rocker); una banda "totalmente apatica al punto di rasentare l'ignoranza totale". Welsh si chiede inoltre come possa la società contemporanea considerare un pericolo la generazione degli hippy, intelligenti, creativi ed idealisti, ignorando questi gruppi proletari che non comprendono il prog-rock e le finezze controculturali, preferendo sprecare la propria inutile vita al ritmo di una musica altrettanto stupida ed inutile, il reggae.
Questo gruppo, avvicinandosi alle proprie radici indo-occidentali, adotta un proprio gergo frutto della sintesi tra il cockney da strada e il patois giamaicano, le cui frasi chiave vengono estrapolate dai dischi ska e rocksteady, oltre che dalla parlata dei coetanei neri.
Nell'arco di tempo che va dal 1967 al 1971 lo stile skinhead, prevalentemente bianco, verrà adottato anche da una larga parte degli indoccidentali d'Inghilterra, un caso abbastanza raro nella storia delle sottoculture.
Mentre l'influenza mod rimane nell'abbigliamento da ballo, che continua ad essere elegantissimo e con la massima cura dei particolari, per la vita quotidiana v'è un recupero della tradizione operaia, usando pesanti scarpe da lavoro, jeans e bretelle.
Questo abbigliamento era la scelta di questi ragazzi durante le ore di lavoro o gli appuntamenti pomeridiani sugli spalti calcistici.
Benché spesso si sia interpretata questa scelta come una volontà di proiettare verso l'esterno le proprie caratteristiche working class in senso tradizionalista e sciovinista, probabilmente lontano dalle rivendicazioni ideologiche, ha più la funzione di un'accettazione della propria identità sociale. Ogni qualvolta il mondo accademico si sia confrontato con la cultura skinhead ha potuto cogliere ed analizzare prevalentemente l'aspetto violento e l'estetica tipicamente proletaria adottata durante le ore di lavoro in fabbrica o nei pomeriggi allo stadio,ignorando l'aspetto più raffinato dello stile, derivato dall'accuratezza mod. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli stili skinhead e i Media

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Spacca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Gennaro Schembri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stile
skinhead
subculture
culture giovanili
mods
skins

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi