Skip to content

Laura Kibel, cento valigie e uno spasso - ovvero la condizione anfibia di una burattinaia

Alla ricerca delle orme perdute

Ci imbattiamo per la prima volta in questa particolare forma di teatro. Viene pertanto spontaneo chiedersi: sarà la Kibel ad averlo inventato?
No, lei stessa ci rivela di aver iniziato a utilizzare questa tecnica, arricchita da una ricerca personale continua, dopo aver visto la locandina di una coppia di artisti sudamericani, Hugo e Ines, che si esibivano in un festival di teatro di figura.
Sono dunque loro gli inventori?
Crediamo di no, crediamo che il percorso fatto "dal teatro dei piedi" sia molto, molto lungo e variegato, perché la legge della fisica che enuncia che "nulla si crea, nulla si distrugge" è valida anche per il teatro.
Così, se esiste una Laura Kibel, è perché per migliaia di anni, vale a dire dalla comparsa dell'uomo fino ad oggi, l'essere umano ha voluto rappresentare se stesso, la propria condizione esistenziale, attraverso un altro da sé: il totem, la maschera, che più che nascondere serve a rivelare, le ombre, le statue, le marionette, i burattini.
Dunque, precursore della Kibel, è l'arte stessa del rappresentare.
Se ci spingiamo molto lontano nel tempo e nello spazio troviamo il Paalt'al, una forma teatrale coreana che utilizzo il piede per rappresentare una farsa.
Questa tecnica prevede la compresenza in scena di un attore e di un fantoccio, o maschera, che viene indossata dal piede del burattinaio. L'attore-burattinaio è sdraiato su un lettino nascosto da un paravento, nel quale è incisa un'apertura che ne permette la fuoriuscita del piede. Su questo viene calzata una maschera da cui pende un vestito con due maniche, in cui sono infilate le braccia del fantoccio, manovrate dal burattinaio attraverso due aste di bambù.
Esiste una variante in cui è lo stesso burattinaio a prestare le sue braccia al fantoccio e, in questo caso, ci avviciniamo maggiormente al teatro della Kibel; le braccia, inoltre, possono essere mosse da fili manovrati dall'alto.

La maschera è assai particolare: originariamente fatta di carta. Nelle versioni costruite in legno essa ha gli occhi mobili in modo da far variare l'espressione del pupazzo a seconda delle situazioni e suscitare in tal modo l'ilarità del pubblico

Anche nel teatro della Kibel troviamo maschere con occhi mobili, mossi a vista dalle mani del pupazzo, che sono poi le mani dell'artista, come nel Figaro, oppure manovrate dal retro creando in questo caso un effetto in bilico tra il comico e il terribilmente tragico, come nella vecchia del Quizas.

La crocchia dei capelli, raccolta secondo l'uso sulla sommità del capo, è dipinta di rosso. Per il resto il pupazzo è formato da un'intelaiatura di bambù rivestita con abiti veri in modo da ottenere l'immagine, dalla cintola in su, di un rozzo contadinotto.

A quando risale questa curiosa arte di rappresentazione?

Come abbiamo già detto, non abbiamo nessuna fonte scritta sul Palt'al, e anche le testimonianze orali sono poche, vaghe e confuse. Gli spettacoli erano ancora portati sulle strade da artisti ambulanti negli anni '30 e '40. Nessuna documentazione sicura esiste su spettacoli eseguiti prima del XX secolo. (...omissis...) Pur con tutti i dubbi del caso si può comunque indicare nel Palt'al una forma di spettacolo, nata come intermezzo fra rappresentazioni di maggior impegno e durata, svolta da artisti ambulanti ugualmente abili nell'eseguire teatro-danza, giochi acrobatici, opera delle marionette e musiche tradizionali. L'origine del Palt'al sembra piuttosto recente, anche se Sin Ch'an'gyun, accostando forse troppo arditamente questa forma di teatro agli spettacoli di marionette, ha ipotizzato una sua origine risalente a Koryò (918-1392), e si è scritto pure di una possibile derivazione dal teatro di Silla.

Come abbiamo preannunciato all'inizio di questo capitolo, le orme del teatro lasciate dagli artisti di strada si perdono, cancellate dal tempo; nel caso del Palt'al si è addirittura in dubbio tra un'origine recente e una antichissima. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Laura Kibel, cento valigie e uno spasso - ovvero la condizione anfibia di una burattinaia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alida Castagna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Giancarlo Sammartano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 191

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
marionetta
maschera
burattino
teatro dei piedi
burattinaio
obravzos
palt'al
libretto di i tong'an
teatro muto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi