Skip to content

Il Divorzio: lo scioglimento del vincolo. Aspetti psicologici e giuridici

La Sindrome della Madre Malevola

Comunemente i media e le ricerche si sono occupati maggiormente della mancanza o “assenza” paterna dopo il divorzio (Turkat, 1994). All’interno di questo paragrafo descriveremo quel gruppo di madri che conduce una vera e propria guerra nei confronti degli ex mariti.

Turkat (1994, 1995) utilizzò il termine sindrome della Madre Malevola per definire quel comportamento tipico delle madri (ancora non sono stati riscontrati casi attribuiti ai padri) che, dopo la fine del rapporto coniugale, pur rimanendo esenti da altre psicopatologie accertabili e mantenendo con i figli, almeno in apparenza, un efficace rapporto di accudimento, esercitano nei confronti dell’ex coniuge un comportamento lesivo, teso in particolar modo ad impedirgli un normale ed affettuoso rapporto con i figli (Cavedon, Magro, 2010).

Tali madri perdurano nel loro comportamento anche se non riescono a raggiungere lo scopo prefissato. Ella (Turkat, 1994, 1995) descrive quattro possibili modelli di comportamento (i primi tre specifici nei casi di divorzio) che possono essere così sintetizzati:

1. La madre punisce ingiustificatamente il marito dal quale si sta separando o si è separata attraverso tali mezzi:
a. tentando di alienare il/i figlio/i dal padre;
b. coinvolgendo altre persone in azioni malevole contro l’ex coniuge;
c. esasperando le liti ed i conflitti.

2. La madre specificatamente tenta di impedire la frequentazione padre-figlio/i:
a. interrompendo le visite regolari con il padre;
b. negando le telefonate con il padre;
c. evitando di far partecipare il padre alle attività scolastiche ed extrascolastiche del figlio.

3. Il comportamento è pervasivo ed include azioni malevoli contro l’altro genitore, che includono:
a. mentire ai figli;
b. mentire ad altre persone, anche se estranee;
c. violare palesemente la legge.

4. Il disturbo non è specificatamente dovuto ad un preesistente disturbo mentale, e può coesistere con un altro disturbo mentale distinto.

Per quanto concerne i comportamenti messi in atto al punto primo vi è la manipolazione di altre persone (a volte anche del terapeuta, dell’avvocato o del tecnico) che potrebbero essere coinvolte in azioni dolose verso il padre e che avvalorano la causa della madre, senza rendersi conto di essere manipolati da questa.

Le donne che presentano la sindrome della madre malevola intraprendono una feroce battaglia legale contro il marito, nel momento della separazione (Parini, 2008).

Anche per il punto secondo è consigliata un’assidua frequenza padre-figli, seppur in questo caso la madre continuerà a porre ostacoli di ogni tipo e arriverà a fornire informazioni volutamente menzognere su date o orari di avvenimenti importanti riguardanti i figli. Non sono rari i casi in cui le madri forniscono informazioni sbagliate circa orari di attività sportive dei figli o eventi importanti che li riguardano, per impedire al padre di parteciparvi.

Nei comportamenti esposti al punto terzo la madre attua un chiaro piano per distruggere l’immagine del padre con falsi racconti o accuse, che tendono a fargli perdere la credibilità sia agli occhi del figlio che agli occhi delle persone che lo frequentano.

Il punto quattro descrive tale sindrome come un comportamento che non sembra avere origine da un altro disturbo mentale specifico (Cavedon, Magro, 2010).

L’autore che ha introdotto e studiato tale sindrome è Turkat (1994, 1995), il quale afferma che i soggetti dei casi sui quali si è basato il proprio studio (Turkat, 1995) non avevano ancora ricevuto una diagnosi o cure precedenti per disturbi di natura mentale. In alcuni casi potrebbe sembrare un disturbo dell’adattamento oppure un disturbo della personalità ma gli specialisti non hanno mai avuto riscontro di ciò. Ovviamente tale descrizione solleva diversi problemi dal punto di vista clinico. Infatti va rilevato che le famiglie in cui si presentano tali dinamiche siano soggette a gravi episodi di stress e angoscia. Purtroppo per la cura di tale “sindrome” ancora non vi è chiarezza scientifica anche perché i soggetti stessi non ammettono di avere problemi comportamentali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Divorzio: lo scioglimento del vincolo. Aspetti psicologici e giuridici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Tricoli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Piera Brustia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi