Skip to content

Il ruolo del Made in Italy nella reputazione alimentare: uno studio pilota

Situazione attuale del settore agro-alimentare italiano nel mercato globale

L'analisi generale del commercio agro-alimentare italiano mostra come il settore riesca a collocarsi positivamente rispetto ai concorrenti internazionali. L'eccellenza raggiunta faticosamente negli anni, attraverso la predisposizione culturale italiana e l'interesse dell'economia estera nei confronti del made in Italy, sembra resistere di fronte alla recessione ed a tutte le sue conseguenze finanziarie, rappresentando il fiore all'occhiello dell'economia italiana. Per mantenere la condizione di marchio sovrano per eccellenza nell'immaginario dei consumatori di tutto il mondo si dimostra sempre più importante investire in politiche che mantengano la centralità economica dell'agricoltura ed il ruolo strategico delle imprese agricole nella produzione di cibo con un'attenzione speciale nei confronti della trasparenza e tracciabilità delle caratteristiche dei prodotti. Tutti gli operatori della filiera alimentare devono essere tutelati in quanto produttori di un bene pubblico che è ricchezza culturale e elemento chiave dell'immagine positiva dell'Italia e dell'Unione Europea. Coloro che si occupano delle politiche agricole devono operare in concerto per favorire lo sviluppo di un'economia agricola realmente competitiva e sostenibile; fare leva sull'innovazione della gestione di ogni aspetto dell'offerta e rispondere alla domanda di trasparenza dei mercati. La domanda di informazioni sempre più dettagliate si traduce inoltre nella creazione, da parte degli organi competenti, delle condizioni giuridiche per la gestione di filiere corte e trasparenti da parte degli agricoltori.
Perché questa grande richiesta di trasparenza?
I recenti controlli della Guardia di Finanza hanno portato a termine 75.000 controlli di cui un 35% non conformi alla normativa in vigore sulla sicurezza alimentare. Infatti, a causa della solidità e della reputazione ottenute dal settore nel corso dei secoli, il made in Italy agro-alimentare – e non solo questo settore – subisce un nuovo attacco sul fronte del commercio internazionale: la contraffazione dei prodotti tradizionalmente italiani. Paesi come Cina, Germania, Stati Uniti tentano, infatti, di riprodurre l'eccellenza made in Italy con prodotti di scarsa qualità che vengono poi rivenduti a livello nazionale come prodotti DOC, DOP o IGP.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo del Made in Italy nella reputazione alimentare: uno studio pilota

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Tassone
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Comunicazione e Marketing
  Relatore: Marino Bonaiuto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi