Skip to content

I classici dell'arte nella pubblicità: note su uso e abuso del citazionismo

Il rapporto tra arte e pubblicità

Arte e pubblicità sono le protagoniste di un dibattito che si protrae da circa due secoli e che ha fatto sì che queste due culture visuali siano state separate da critici e pubblicitari.
Tuttavia, nonostante non si possa negare la natura commerciale della pubblicità e la sincerità dell'estro artistico, la citazione di opere d'arte nelle réclame ha il potere di sorprendere i critici d'arte e i pubblicitari e affascina gli osservatori: un classico dislocato in uno spazio pubblicitario conserva comunque il suo fascino, l'arte è citata nella pubblicità per dialogare con questa, per entrare in un virtuosismo fatto di rimandi che non si subordinano alla fonte ma che la ricreano nella citazione visiva, rivalutata dai post-moderni.
Uno dei caratteri forti del postmodernismo, movimento artistico e culturale iniziato dagli anni '70 del '900, è per l'appunto la "cancellazione del confine" tra la cultura alta e quella di massa o commerciale, costruendo materiali compositi che integrano in sé gli elementi, non semplicemente li contengono.
Tuttavia c'è anche chi ha negato la possibilità di considerare la pubblicità come un'arte, come lo studioso Edoardo Sanguineti, uno dei più attenti osservatori dei nessi tra futurismo e pubblicità: a suo parere, espresso in un articolo nel quotidiano "Paese Sera", il messaggio pubblicitario ha dovuto molto alla poetica marinettiana ma se un'ideologia artistica si compromette con la pubblicità, è già segnata negativamente. Il critico ha condannato perciò il futurismo come movimento culturale organizzato in termini di efficienza promozionale deprecando la dipendenza del movimento dalla "sponsorizzazione capitalistica" rivelata dagli scritti dell'artista futurista Fortunato Depero.
C'è però da precisare che il rapporto tra arte e potere è sempre stato molto più ampio, non è stato inventato dal capitalismo, in quanto l'arte è sempre stata dipendente dal committente e indipendente nell'esecuzione: basti pensare alle opere commissionate dai signori rinascimentali, i quali sfruttavano le immagini artistiche come espressione del proprio potere.
Meno intransigente di Sanguineti, Gian Paolo Fabris, il sociologo italiano della pubblicità, nel suo saggio Pubblicità: teorie e prassi, ha delineato un percorso comune alla creatività artistica e pubblicitaria, negando tuttavia valore d'arte alla pubblicità in quanto rivolta a fine commerciale; il sociologo ha però tralasciato i fini eterogenei per cui l'arte ha lavorato per millenni celebrando gesta di casate, divulgando il Vangelo e raccontando guerre.
Dimenticando l'architettura, il cinema e le botteghe degli antichi pittori, si è ulteriormente condannata la pretesa pubblicitaria di costituire arte in quanto non sarebbe di un autore unico, ma c'è anche chi ha valutato positivamente la riproducibilità delle opere d'arte: il critico d'arte italiano Gillo Dorfles, il quale nel suo articolo Arte, Pubblicità e industria in Marcello Dudovich, ha osservato che l'opera d'arte, anche se riprodotta numerose volte, conserva le sue caratteristiche di autonomia e pregnanza estetica, dato che il suo valore sta a monte, nell'iniziale fase progettuale. Secondo Dorfles, questa concezione dell'opera d'arte "multipla" è stata accettata dal pubblico solo con l'avvento dei mezzi di moltiplicazione e riproduzione tecnica e in particolare grazie alla diffusione de L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica, breve saggio di Walter Benjamin, filosofo, critico e sociologo tedesco il quale ha palesemente influenzato l'ideologia di Dorfles e di cui tratto in seguito.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I classici dell'arte nella pubblicità: note su uso e abuso del citazionismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Battistini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dello spettacolo e della comunicazione
  Relatore: Sergio Cortesini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblicità
capitalismo
marketing
arte
brand
citazionismo
scuola di francoforte
argan
opere d'arte
commercializzazione dell'arte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi