Skip to content

La primavera araba e la rivolta siriana del 2011

Il legame Siria – Iran & Hizbollah

L’ambigua alleanza tra il regime ufficialmente socialista e laico siriano e quello teocratico iraniano si forma tra il 1979 e il 1982. Un paese a prevalenza sunnita come la Siria promuove tra i suoi alleati i movimenti Hizbollah e Hamas il quale nasce come frangia del movimento dei Fratelli musulmani messi fuori legge in Siria dal 1982. L’imam Musa Sadr nato a Qom (Iran) naturalizzato libanese, riconosce l’appartenenza degli alauiti all’islam sciita, consolidando la posizione interna di Hafiz al-Asad, minaccita da proteste e rivolte popolari da quando aveva abrogato dalla Costituzione l’articolo che stabilisce per il presidente siriano l’obbligo di appartenere all’islam.
Il regime di Damasco aveva offerto di accogliere Khomeini nel 1978 quando era stato espulso dall’Iraq, Khomeini si trasferì a Parigi però.

La rivoluzione islamica avviata da Khomeini porta nelle relazioni internazionali all’interruzione delle relazioni con Israele e USA, e l’occidente.
Iran e Siria condividono la linea intransigente nei confronti di Israele e l’arrogante influenza Americana nella regione. Hazef loda l’ascesa al potere di Khomeini. Prima dell’inizio della Guerra tra Iran e Iraq un inviato del presidente Bani Sadr si reca a Damasco con l’intento di ottenere un’alleanza diplomatica e militare, al-Asad rifiuta di dare pubblicamente il proprio supporto. Nel 1982 l’alleanza siro-iraniana è formalizzata con la visita a Damasco di alcuni funzionari guidati dal ministro degli esteri Halim Haddam.

In quest’occasione viene approvato un trattato di cooperazione economica dalla durata di 10 anni dove l’Iran accetta di fornire 2,7 milioni di tonnellate di graggio in cambio di prodotti agricoli, e tessili ed altri 6,3 milioni di tonellate a prezzo calmierato.
Negli anni seguenti la Siria fornisce all’Iran armamenti, permette l’atterraggio e il rifornimento degli aerei iraniani nelle basi siriane, personale siriano addestra e arma gruppi di curdi iracheni.

La Siria fa da mediatore e la Lega Araba e si adopera al fine di evitare la formazione di un fronte arabo unito allineato contro l’Iraq che avrebbe portato l’Iraq alla sconfitta. L’invasione del Libano da parte di Israele nel 1982 rinforza ulteriormente l’asse fornendo una fronte di cooperazione contro i rivali americani e francesi sotenitori di Israele. La Siria in libano dal 1976 permette alle Guardie rivoluzionarie iraniane di schierarsi nella valle di Bekaa, dove essi stessi contribuiscono alla formazione del movimento sciita Hizbollah.

A luglio del 2011, Iran, Siria e Iraq firmano l’accordo per il Gasdotto Islamico, che a pieno regime trasferirà 120 milioni di metri cubi di gas naturale iraniano da South Pars attraverso la Siria, fino a raggiungere l’Europa, attraversando il Libano e la Grecia tramite contratti e concessioni ancora da ottenere da parte di quest’ultimi paesi. La settimana successiva l’Iran aveva aperto la sua prima borsa internazionale del petrolio, nel Golfo Persico sull’isola di Kish. L’Iran e la Cina avevano espresso la volontà di utilizzare la borsa di Kish mettendo in atto forme di pagamento innovative, usando il yuan cinese per effettuare i pagamenti, non usando più il dollaro USA come valuta di riferimento. L’Iran fornisce circa il 12% delle importazioni cinesi di greggio.
L’Iran negli anni ottanta e novanta ha sopportato economicamente la Siria, ma attualmente i suoi problemi economici interni (inflazione incalzante e disoccupazione) rendono difficile i trasferimenti di capitali verso la Siria. Gli investimenti iraniani sono al di sotto di quelli di Qatat o Kuwait, il valore di scambi commerciali tra i due paesi è decisamente molto basso.

Basar al-Asad visitò nel 2005 dopo la sua prima elezione, il presidente Ahmadi Nagar. Nel 2007 fu il presidente iraniano a visitare Basar. Nel 2009 alla nuova elezione del presidente Ahmadi Nagar mentre il mondo contestava i risultati dello scrutinio, i giornali siriani riportavano le dichiarazioni entusiasmanti della stampa iraniana “Fars”. Nel 2008 la Siria sembrava aver deciso di riavvicinarsi all’Europa e Stati Uniti e sul punto di riavviare i negoziati con Israele.
Il consigliere per gli affari militari e di sicurezza interna, il generale siriano Muhammad Sulayman è assassinato (1 agosto 2008), appena due settimane dopo la visita del presidente siriano a Parigi. L’eventuale implicazione dell’Iran nella vicenda non è presa in considerazione dalla stampa siriana.

Dopo alcune settimane Basar al-Asad si reca a Teheran per un incontro bilaterale con Ahmadi Nagad. L’11 settembre è assassinato Hisami Labadani stretto collaboratore di Halid Misal capo militare di Hamas. Il 27 settembre nelle vicinanze degli uffici del servizio di sicurezza di Damasco un’auto-bomba uccide 17 persone e ne ferisce 67. Il 3 dicembre 2009 un’autobus pieno di pellegrini iraniani esplode nei pressi della periferia di Damasco.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La primavera araba e la rivolta siriana del 2011

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariano Timossi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Daniela Preda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rivolta siriana 2011
il baath in siria
primavera araba in siria
ragazzi di dera’a,
guerra civile in siria
guerra in siria 2011
regime dei assad

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi