Skip to content

L'India e il diritto dell’acqua attraverso il conflitto di Plachimada

Perché una guerra dell'acqua

L'acqua è una risorsa fondamentale per la sopravvivenza di tutte le forme di vita del pianeta. L'essere umano la utilizza per soddisfare ogni genere di bisogno, dal più semplice e essenziale come il dissetarsi, al più articolato come la produzione di energia. Lo sviluppo economico che in particolare negli ultimi decenni ha interessato il mondo intero ha significato quindi un incremento consistente della domanda d'acqua: ogni abitante del pianeta consuma oggi in media il doppio di acqua rispetto all'inizio del 1900 mentre, nell'insieme di tutte le attività produttive, il consumo di acqua è decuplicato.
Un consumo così rapido di una risorsa limitata crea scarsità. Già 1/3 della popolazione mondiale vive in aree interessate da crisi idrica e si stima che la crescita demografica e i cambiamenti climatici faranno crescere questa proporzione a metà della popolazione.
Tale scenario segnala un'emergenza globale dove a essere minacciate sono sopravvivenza, salute, stabilità economia e politica, ambiente, e infine, sviluppo delle aree più povere del pianeta. L'importanza dell' oro blu del XXI secolo si fa quindi sempre più rilevante nei rapporti internazionali e interni agli Stati, diventando anche causa di tensioni e conflitti veri e propri per l'accesso alla risorsa.
Vandana Shiva ci fa notare come questi conflitti siano definibili anche in termini di guerre paradigmatiche, ovvero di scontri che derivano da come percepiamo e viviamo l'esperienza dell'acqua: da una parte è un bene comune, fonte di vita la cui equa distribuzione rappresenta un dovere per sconfiggere la povertà e assicurare un benessere generale; dall'altra è un bene economico da possedere e commercializzare per ottenere profitto. Questa seconda visione, legittimata sia a livello nazionale che internazionale tramite politiche che hanno incentivato l'accesso alle riserve limitate d'acqua a organismi privati come le imprese transnazionali, ha plasmato negli ultimi decenni un modello di sviluppo scorretto che ha incrementato il commercio ma ridotto il potenziale rinnovabile della risorsa. Così, minacciate dalla sua scarsità, le popolazioni più colpite da tale sviluppo si mobilitano per difendere la propria sopravvivenza. La vicenda di Plachimada ben rappresenta questa realtà ed è lontana dall'essere un caso isolato.
Per quanto riguarda la realtà indiana nel suo complesso, negli ultimi anni la domanda di acqua è aumentata vertiginosamente insieme alla crescita demografica ed economica del paese tanto che, con un'estrazione annua di 200 miliardi di mt3, il consumo di acqua sotterranea in India è il più alto al mondo. Se il dato non fosse già di per sé sorprendente, ricordiamo che nel paese sono presenti circa 19 milioni di strutture per l'estrazione idrica, un numero che supera di 4 volte quelle contate complessivamente in Cina, Pakistan, Messico e Stati Uniti. A causa del clima unico che caratterizza il subcontinente, l'acqua risulta scarsa in molte parti dell'India, per cui la disponibilità delle riserve sotterranee diventa un fattore cruciale (soprattutto considerata l'importanza rivestita dal settore agricolo in questo paese popoloso e rurale). Ma l'emergenza idrica risulta già tangibile, e per il futuro del paese è oggi più che mai necessario attuare nuove politiche che conducano a un consumo responsabile e sostenibile. Dal caso di Plachimada emerge come, in una realtà complessa come quella Indiana, sia anzitutto necessario muovere i primi passi verso questa direzione rispondendo con fermezza ad alcuni interrogativi fondamentali: quale istituzione deve avere la priorità nel formulare politiche riguardanti la gestione e l'accesso all'acqua: il Centro, lo Stato o la panchāyat? Quali sono gli utilizzi prioritari della risorsa: quelli domestici, agricoli o industriali? Quale principio è superiore: l'identificazione dell'acqua come strumento di sopravvivenza o la concezione dell'acqua come fonte di profitto? [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'India e il diritto dell’acqua attraverso il conflitto di Plachimada

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Catalano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale
  Corso: Lingue e istituzioni economiche e giuridiche dell’Asia e dell’Africa Mediterranea
  Relatore: Stefano Beggiora
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi