Skip to content

Acqua...un bene da salvaguardare

Un bene prezioso: l'acqua

L'acqua è la sostanza più abbondante presente sulla terra: gli oceani, che coprono oltre il 70% dell'intera superficie terrestre, ne contengono più di un miliardo e 300 milioni di chilometri cubi. In forma liquida compare anche nei laghi, nei fiumi, nel sottosuolo dei continenti; in forma solida, nei ghiacciai e nelle calotte polari; in forma di vapore nell'atmosfera. È poi un componente fondamentale di tutti gli organismi viventi: nell'uomo rappresenta il 70% del peso, nelle meduse il 95% e in alcune piante grasse il 99%.
L'acqua regola anche il clima di tutto il pianeta: la quantità di calore necessaria perché la temperatura dell'acqua aumenti di 1°C è maggiore che per gran parte delle altre sostanze; per questa ragione laghi e mari si riscaldano assai lentamente e altrettanto lentamente si raffreddano, restituendo d'inverno il calore accumulato durante l'estate e mitigando la temperatura.
Si calcola che l'uomo della civiltà greca e romana consumasse, per i bisogni domestici e agricoli, non più di 20 l d'acqua al giorno; l'uomo di una città moderna ne consuma all'incirca 800 l giornalieri.
L'acqua è utilizzata per uso alimentare, per molteplici usi domestici, per l'agricoltura e per l'industria. Per bere e per irrigare i campi l'uomo ha bisogno di acqua dolce, perché i sali contenuti nell'acqua marina la rendono imbevibile per l'uomo e per gli animali e inutilizzabile per le piante. Gli uomini perciò utilizzano l'acqua di fiumi e di laghi e quella del sottosuolo, scavando pozzi per attingere dalle falde acquifere. L'acqua dei fiumi è usata anche per eliminare i rifiuti dei centri abitati e delle industrie attraverso le fognature e i canali di scarico. Quest'acqua non è potabile perché i rifiuti umani presenti nelle fognature sono carichi di batteri e altri piccoli organismi che provocano malattie. Allo stesso modo gli scarichi industriali contengono veleni e sostanze tossiche che danneggiano gli organismi viventi, quindi anche l'uomo, e possono anch'essi provocare malattie e morte.
Anche le sostanze usate in agricoltura usate in agricoltura per uccidere i parassiti (piante e insetti che danneggiano i raccolti) sono spesso nocive per l'uomo. Esse finiscono in parte nei fiumi e, attraverso il suolo, nelle falde acquifere e sono perciò causa d'inquinamento. In una vasta zona della pianura Padana, ad esempio, è stato recentemente scoperto che l'acqua estratta dal suolo contiene una quantità molto alta di atrazina, una sostanza usta in agricoltura e particolarmente dannosa per l'uomo.
Spesso gli uomini modificano i fiumi e i laghi: scavano canali (corsi d'acqua artificiali) per unire due fiumi (o laghi o mari) e per navigare dall'uno all'altro o per irrigare i campi coltivati; costruiscono dighe per sbarrare la valle di un fiume e creare un lago artificiale, per ricavare acqua o muovere macchinari che producono energia idroelettrica. A volte, per procurare acqua a una zona che ne ha bisogno, l'uomo devia il corso di un fiume e per ricavare terre coltivabili prosciuga i laghi: così ad esempio scomparve il più grande lago dell'Italia centrale, il lago Fucino in Abruzzo, prosciugato completamente nell'Ottocento.
I consumi di acqua per uso alimentare e domestico sono in continuo e costante aumento non soltanto a cause dell'incremento della popolazione mondiale, ma anche perché i consumi pro capite, relativamente bassi nelle società primitive, aumentarono con l'urbanizzazione e la crescita del tenore di vita. Per esempio per il bucato domestico un tempo venivano utilizzati i corsi d'acqua, oppure appositi lavatoi comuni, alimentati da un rio o da una sorgente, la cui acqua, dopo il lavaggio, tornava al suo corso naturale: oggi una moderna lavatrice, presente pressoché in tutte le famiglie, consuma per ciascun lavaggio dai 5 ai 10 litri di acqua, che finiscono negli scarichi: per una comune doccia consumiamo 5 litri di acqua, ce finiscono negli scarichi; per una comune doccia consumiamo 5 litri di acqua ecc. È stato calcolato che se ciascun abitante della terra volesse fare una doccia ogni giorno, già a oggi l'acqua a disposizione non sarebbe sufficiente. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Acqua...un bene da salvaguardare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Scintu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Studi umanistici
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Andrea Corsale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sostenibilità
didattica della geografia
acqua e scuola primaria
inquinamento dell'acqua
progetti didattici nella scuola primaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi