Skip to content

Soluzione analitica esaustiva del contatto hertziano tra corpi

Teoria classica del contatto hertiiano

Di seguito analizzeremo l'argomento cardine di questa tesi di laurea ovvero il contatto hertziano. Come suggerisce il nome tale fenomeno, studiato da Heinrich Hertz, portò alla pubblicazione nel 1882 degli articoli "Uber die Berihrung fester elastischer Korper" ("Sul contatto di solidi elastici") e "Uber die Berihrung fester elastischer Korper und iber die Hirte" ("Sul contatto di solidi elastici e durezza”) dove egli espose i risultati dei propri studi; l'imput a svolgere questi lavori fu dettato dalla volontà di Hertz di comprendere il fenomeno degli anelli di Newton.

Tale fenomeno è rappresentato da una figura di interferenza dovuta alla rifrazione della luce tra due superfci, in generale due lenti, una sferica e l'altra piana, in contatto tra loro. Quando queste superfici a contatto vengono illuminate da una luce bianca o monocromatica, l'interferenza prodotta crea una serie di figure concentriche con alternanza chiaro-scuro, circonferenze o ellissia seconda della forma delle lenti, in particolare gli anelli chiari sono prodotti dall'interferenza costruttiva tra i raggi di luce rifessi da entrambe le superfici, mentre gli anelli scuri sono prodotti dall'interferenza distruttiva.

Hertz notò inoltre che gli anelli cambiavano forma e dimensione al variare della forza che teneva unite le lenti, egli pertanto, mediante l'uso di una sfera di vetro a contatto con una lente che fungeva da base, ipotizzò che la distribuzione di pressione tra le lenti fosse di tipo ellittico e validando le sue teorie calcolò la deformazione prodotta dalla sfera nella lente stessa. Prima di lui il problema del contatto fu studiato già da Winkler e Grashof ma i due studiosi riuscirono ad ottenere solo una soluzione matematica approssimata facendo inoltre uso di fattori empirici sconosciuti. Iniziamo dunque la trattazione del problema elencando le ipotesi preliminari, esse sono:

1. Le deformazioni da contatto sono di tipo elastico e quindi reversibili.
2. La dimensione massima dell'impronta di carico confrontata con le dimensioni dei corpi e dei raggi di curvatura, in particolare quello minore, deve essere molto piccola, ovvero a << R, ciò fisicamente vuol dire avere a almeno un ordine di grandezza più piccolo rispetto ad R, generalmente abbiamo che a/R = 10 - 2.
3. Ogni corpo può essere considerato come un solido elastico piano semi-infnito indipendente su di cui agisce una determinata distribuzione di pressione che genera di conseguenza uno stato tensionale e deformativo determinato. Il fatto di considerare un solido avente una curvatura come un piano equivale a ipotizzare che i raggi di curvatura dei solidi a contatto siano molto più grandi dell'area di contatto stessa.
4. Le superfci a contatto sono continue e non conformi.
5. Le superfci sono perfettamente liscie.
6. Il contatto è statico e senza attrito.

Nel caso che anche una sola di queste condizioni venisse a mancare si parla di contatto non hertziano. Come abbiamo appena specificato il modello di Hertz non contempla l'attrito tuttavia in seguito a partire da tale modello sono state sviluppate teorie che inseriscono nello studio anche tale fenomeno. Iniziamo ora con il fare alcune considerazioni di carattere generale.

Quando due corpi non conformi sono posti in contatto tra loro a seconda della loro geometria essi si troveranno in contatto secondo una linea oppure secondo un punto, di seguito con l'aumento del carico che li preme a contatto l'uno contro l'altro, l'area di contatto assumerà una forma ben determinata, la teoria del contatto sviluppata da Hertz si fà carico di determinare tale area e di studiare come essa incrementi le sue dimensioni con l'incremento del carico studiando inoltre lo stato deformativo e tensionale in superfcie e sotto la superfcie dei corpi. Prima di studiare il problema dal punto di vista elastico è importante dare una descrizione delle geometrie delle superfci di contatto.

A tale scopo consideriamo la fg.8.2, in tale fgura consideriamo il punto d'inizio contatto O come l'origine del nostro sistema di coordinate cartesiane ortogonali x, y, z, chiamiamo poi il piano xy come π, tale piano rappresenta il piano comune tangente alle due superfici di contatto, infine identifichiamo l'asse z secondo la normale comune al piano di contatto diretto con verso positivo verso il basso.

Come abbiamo già detto secondo l'ipotesi 4 le superfici sono perfettamente liscie su scala macroscopica e microscopica ciò implica che a livello microscopico vi sia l'assenza o la trascurabilità di rugosità in modo tale che non vi sia discontinuità di contatto e che non vi siano quindi forti aumenti locali di pressione, a livello macroscopico invece le superfici devono avere come minimo derivate seconde continue in modo tale da assicurare nella zona di contatto che la superficie abbia una curvatura monotona. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Soluzione analitica esaustiva del contatto hertziano tra corpi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Di Leta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria meccanica
  Relatore: Pietro Salvini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

hertz
teoria del contatto
problema equilibrio elastico
potenziale di galerkin
potenziale di papkovich-neuber

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi