Skip to content

Il green marketing e il caso Sorgenia

Il problema del green washing

Il green washing rappresenta la minaccia più concreta quando si parla di green marketing.
Il neologismo Green washing, che tradotto letteralmente significa lavare col verde, nasce dalla combinazione di green, il colore verde tipico del movimento ambientalista, e l'espressione inglese whitewashing usata in ambito politico, per descrivere l'attitudine a nascondere fatti negativi, come scandali o crimini, omettendoli o negandoli.
Ufficialmente con il termine Green washing si indicano quelle società che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie per dare un'immagine che sia attenta alla salvaguardia dell'ambiente, al fine di migliorare la propria reputazione senza però implementare strategie di business reali e concrete tese a limitare il loro impatto ambientale.
Tuttavia il green washing in un senso più ampio non si limita a questo caso.
Il termine green washing fu coniato già nel 1986 dall'ambientalista Jay Westerveld, il quale in un saggio criticava gli hotel che con lo slogan "save the environment!" permettevano ai loro clienti di scegliere se dormire nelle stesse lenzuola e riutilizzare gli asciugamani del giorno prima con lo scopo di risparmiare acqua e corrente elettrica.
La scelta di poter riutilizzare il corredo del giorno precedente, però non aveva affatto finalità di salvaguardia ambientale ma semplicemente fini economici: ciò infatti permetteva di ridurre una delle spese più consuete che gli hotel dovevano sostenere.
Inoltre attirava indubbiamente quella parte di utenti già attenti all'ambiente.
Benché sia difficile collocare temporalmente quando ufficialmente si è sviluppato il fenomeno del green washing, uno degli episodi meno recenti ma più famosi avvenne già negli anni sessanta.
In occasione della fiera di Washington del 1962 alcune tra le più inquinanti imprese d'America come la DuPont, Monsanto, Shell e W.R.Grace intrapresero campagne pubblicitarie nelle quali si dichiaravano attente ai crescenti problemi ambientali attraverso azioni di green washing.
Il loro obiettivo era di limitare i danni derivanti dalle accuse presenti nel libro "Silent Spring" scritto dalla biologa marina Rachel Carson la quale aveva denunciato apertamente le politiche inquinanti di queste imprese.
Nel 1991 Kangun, Carlson, and Grove svilupparono uno schema per cercare di classificare i casi di pubblicità green ingannevoli o fuorvianti.
Lo schema venne sviluppato sulla base del precedente, realizzato dal National Association of Attorneys-General nel 1990 e combinato con alcune linee guida realizzate dalla Federal Trade Commission.
La classificazione originaria definiva tre categorie di green washing ma in un secondo momento Carlson, Grove, and Kangun vi aggiunsero una quarta categoria.
La classificazione fu la seguente:
1. Il claim è vago o ambiguo, contiene frasi o parole che hanno un significato troppo ampio per avere un significato chiaro e comprensibile.
2. Il claim omette importanti informazioni necessarie a valutare la sua verificabilità e la sua ragionevolezza
3. Il claim è falso
4. Combinazione: il claim contiene più di un elemento fuorviante.
Successivamente Carlon, Grove e Kangun realizzarono uno studio empirico basandosi sulle campagne pubblicitarie in onda in quell'anno.
Lo studio venne realizzato con la collaborazione di un team di esperti, studiosi di tematiche ambientali, e da un team di non esperti, laureati in discipline non scientifiche.
I risultati dello studio dimostrarono come la percentuale di pubblicità classificabili in una delle quattro categorie era preoccupante.
Inoltre sottolineò come solo coloro che erano esperti in materia ambientale erano in grado di riconoscerle. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il green marketing e il caso Sorgenia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cecilia Proietti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia e Management- Marketing
  Corso: Economia e gestione delle imprese-Marketing
  Relatore: Maximo Ibarra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi