Skip to content

L'Italia e l'Euro: sfide ed opportunità

L'Unione Europea è un'area valutaria ottimale?

Attendendosi agli studi di Mundell numerosi economisti concordando sul fatto che gli Stati Uniti si avvicinino quanto più ad un'area valutaria ottimale. La prima condizione non è soddisfatta; si pensi alla California, particolarmente sensibile al mercato asiatico, o al Texas, la cui economia è strettamente legata alle variazioni del prezzo del petrolio. La seconda condizione è invece ampiamente soddisfatta grazie ad un'elevata mobilità del lavoro.
C'è invece un dibattito molto più aperto riguardo al fatto se possiamo affermare lo stesso per l'Europa; storicamente i paesi europei hanno avuto shock tra loro molto diversi. Ricordiamo ad esempio i differenti effetti economici che la riunificazione tedesca ha avuto sulla Germania rispetto agli altri paesi. Una metodologia che può essere utilizzata per quantificare l'esistenza di shock asimmetrici è studiare le fluttuazioni tra i livelli di attività economica in ciascuna regione di un paese rispetto alle altre; le regioni di un paese non sono esposte a tale rischio di shock quando il relativo livello di attività si muove assieme a quello delle altre regioni dello stesso paese. In altre parole le regioni di una stessa area geografica sono potenzialmente soggette a shock asimmetrici quando il relativo livello di attività varia rispetto alle altre regioni della stesa area geografica. [...]

Un fattore potenzialmente in grado di assorbire gli effetti degli shock asimmetrici è la mobilità dei lavoratori, tuttavia anche in questo caso i dati ci suggeriscono una forte rigidità del mercato del lavoro europeo; la mobilità annuale dei lavoratori all'interno dei confini UE non supera lo 0.4% della popolazione, negli USA lo stesso dato è circa 6 volte maggiore. In Europa, infatti, esistono numerose barriere alla mobilità, come la differenza dei sistemi di tassazione e dei sistemi pensionistici, la frequente mancanza di un mutuo riconoscimento della qualificazioni professionali e accademiche e soprattutto la presenza di forti barriere linguistiche e culturali, questi ultimi due fattori in particolare sono estremamente difficili da eliminare nel breve-medio periodo.
Si potrebbe anche sostenere, attraverso un'analisi analoga a quella condotta, che in realtà anche alcuni singoli paesi europei non costituiscano un'area valutaria ottimale, si pensi ad esempio alle diversità economiche e culturali di due regioni italiane come la Sicilia e il Trentino Alto Adige; in questo caso esiste un meccanismo alternativo per far fronte a shock asimmetrici, vale a dire l'esistenza di una politica fiscale comune che consente di ricorrere a trasferimenti da una regione all'altra (ad esempio dal nord al sud Italia). L'importanza dell'esistenza di un'autorità fiscale comune nella stessa area monetaria (rispetto alla mobilità dei lavoratori) è stata fortemente sostenuta dall'economista Peter Kenen (1969). Nell'Unione Europea tuttavia il meccanismo fiscale non funziona perché non esiste un'autorità fiscale europea; il bilancio annuale dell'EU ammonta a circa 150 miliardi di euro, una somma ingente in termini assoluti ma pari a circa solo l'1% del PIL complessivo dell'UE.
Le precedenti considerazioni hanno spinto Paul Krugman (2012) a criticare fortemente gli "architetti" dell'Euro per non aver preso sufficientemente in considerazione la teoria di Mundell e aver per questo sottovalutato l'importanza del ruolo degli shock asimmetrici; secondo Krugman oggi l'Europa sta sperimentando un grave shock asimmetrico determinato dalla creazione stessa dell'Euro. Per gli investitori la creazione della moneta unica ha determinato, dall'inizio degli anni 2000, la percezione che i rischi legati agli investimenti transfrontalieri fossero stati definitivamente eliminati; ciò ha generato un importante flusso di capitali dall'Europa centrale (Germania in primis) alla periferia (in particolare Spagna, Grecia e Irlanda), determinando in questi paesi un boom economico e tassi di inflazione più elevati rispetto alla media europea. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Italia e l'Euro: sfide ed opportunità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Ros
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Lorenzo Forni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

euro
italia
costi
inflazione
uscita
conseguenze
svalutazione
benefici
pro
contro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi