Skip to content

Verso una disciplina internazionale delle risorse idriche

La privatizzazione dell'acqua come soluzione secondo la Banca Mondiale

La Banca Mondiale, come il FMI, in una prospettiva molto liberale, ha per molto tempo considerato la privatizzazione un'ottima soluzione esistente in tanti settori. Ne è la prova la creazione nel 1956 della Società Finanziaria Internazionale, creata con il mandato per favorire lo sviluppo del settore privato e quindi il flusso di capitali privati nei PVS (paesi in via di sviluppo), concedendo prestiti direttamente alle imprese che vanno a investire lì, e dandole consigli. Più recentemente, si nota ancora questa prospettiva nella Strategia per lo Sviluppo del Settore Privato (PSDS) del 2002, con la quale si cerca di favorire il clima degli investimenti, tra l'altro con le partnership pubbliche-private nelle cui il servizio è assicurato dal settore privato, ma finanziato dal settore pubblico, con lo scopo di ottenere una più grande efficacia, e dei prezzi più bassi.

La Banca Mondiale ha quindi voluto adattare questa strategia delle privatizzazioni all'ambito più problematico dell'acqua. Infatti, l'idea di privatizzare l'acqua è stata fin dall'inizio una reazione diretta all'evidente insufficienza dell'azione degli Stati in via di sviluppo nel settore, in cui il servizio pubblico dell'acqua non permetteva adeguate prestazioni. Poi, per migliorare le infrastrutture esistenti e crearne delle nuove, servono tanti fondi, e gli Stati più poveri del mondo non hanno la capacità di finanziare tali investimenti, anche malgrado i prestiti erogati dalla BIRS e dall'IDA. Il settore privato è sembrato quindi alla Banca Mondiale l'unico capace di procurare abbastanza soldi per permettere un maggiore e migliore accesso all'acqua ed ai servizi igienici nel mondo. La Banca Mondiale ha attuato il programma per l'acqua e il risanamento. [«water and sanitation program» http://www.wsp.org/wsp/]

La moltiplicazione delle critiche nei confronti di tale strategia

La privatizzazione dell'acqua è subito stata assimilata al fare dell'acqua un bene commerciabile, in contraddizione con l'acqua come diritto umano. Infatti, per natura, le imprese a cui viene concesso il compito di gestire l'acqua e il risanamento delle acque s'incaricano allo scopo di trarne profitti, commerciandola. È proprio nella natura delle imprese di fatturare i beni o i servizi, l'acqua gestita da tali enti diventa quindi un bene che si compra, con un prezzo fissato più o meno dall'azienda. Poi, il settore dell'acqua necessita importanti investimenti all'inizio, per profitti, le imprese nella maggior parte dei casi, aumentano subito il prezzo dell'acqua. Nei paesi in via di sviluppo, un prezzo alto dell'acqua ne impedisce l'uso da gran parte della popolazione. Poi, le imprese cercano pure di ridurre i costi, spesso grazie a dei licenziamenti e il costo sociale delle privatizzazioni viene anche molto criticato.

Si mette in discussione anche l'idea che ha la Banca Mondiale di una maggiore efficienza del settore privato. Infatti, per quello che riguarda le zone rurali, neanche le imprese hanno buoni risultati nell'estendere le reti di trasporto dell'acqua fino ad esse, visto che conoscono in anticipo che non potranno trarre nessun beneficio, perché la popolazione non è abbastanza importante, e che i costi per arrivarci sono troppo alti. Alla fine, quello che succedeva con il servizio pubblico, cioè che popolazioni svantaggiate non avevano accesso all'acqua, continua col settore privato, che spesso non prende rischi con popolazioni che avranno la possibilità di pagare l'acqua. Neanche nel campo della qualità dell'acqua si notano reali progressi con la privatizzazione.

Infine, il fatto che la privatizzazione dell'acqua approfitti nella maggior parte dei casi di grandi multinazionali in situazioni di oligopolio è mol-to criticato. Effettivamente, le due più grandi imprese nel settore dell'acqua sono le francesi Suez Lyonnaise des Eaux e Vivendi, dove ognuna trae dieci miliardi di dollari dall'acqua, dai servizi legati all'acqua e dal risanamento delle acque. Insieme, forniscono dell'acqua a più di duecento milioni di persone in più di centoventi Stati. [C. Runyan, Essai: Privatisation de l'Eau, «l'état de la planète magasine», n°7, 2003.]

Il Forum Alternativo Mondiale dell'Acqua, tenutosi nello stesso periodo del Forum Mondiale dell'Acqua, nel marzo del 2012 a Marsiglia, è stato creato appunto per denunciare l'influenza enorme che hanno acquisito le grandi multinazionali dell'acqua sulle decisioni pubbliche a livello mondiale in tale ambito.

La Banca Mondiale nello scopo di aggiungere una dimensione umanitaria per lo sviluppo si è quindi preoccupata dell'ambito dell'acqua per un miglior rispetto del diritto internazionale che si è evoluto in questa materia. Si è allora elaborata una strategia di privatizzazione della gestione dell'acqua che però rimane molto controversa, e che non è ancora arrivata a grandi risultati. Infatti, un gran numero di progetti di privatizzazione sono finiti con una rottura prematura del contratto, come nel caso che analizzeremo nella nostra seconda parte.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Verso una disciplina internazionale delle risorse idriche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Camille Salaun
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali, dello sviluppo e della cooperazione
  Relatore: Porro Giuseppe
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi