Skip to content

Il debito pubblico in Italia: l'evoluzione storica e l'incidenza della spesa per interessi dagli anni '90 ad oggi

La sostenibilità del debito e il ruolo della spesa per il pagamento di interessi

Prima di analizzare, nel capitolo secondo, l'evoluzione del debito pubblico italiano nel nuovo millennio, è opportuno fare qualche considerazione generale sulla sostenibilità degli oneri legati ad esso.
Il debito pubblico è considerato neutrale se si ritiene che esso «non debba essere ricompreso nel computo della ricchezza netta di un sistema economico». In questo caso esso produce gli stessi effetti della tassazione, in quanto gli operatori scontano al momento dell'emissione di nuovo debito le imposte che verranno prelevate in futuro per finanziare il servizio e la restituzione del prestito, il cui valore attuale è uguale al debito emesso.

Il contributo di Barro e il dibattito che ne è seguito hanno messo in evidenza che le condizioni che sono alla base dell'assunzione di neutralità del debito pubblico sono le seguenti:
a) la razionalità degli operatori, vale a dire l'assenza di illusione finanziaria;
b) la perfezione dei mercati finanziari;
c) orizzonti temporali infiniti;
d) imposte non distorsive per fronteggiare l'onere del debito.

Il merito del contributo di Barro è di aver messo in luce, utilizzando il modello overlapping generations di Samuelson, che la terza condizione può essere sostituita dall'ipotesi di solidarietà intergenerazionale. Infatti, anche se gli agenti operano con orizzonti finiti, il vincolo di solidarietà che li lega alla generazione futura li porta ad agire nelle decisioni di risparmio come operatori con orizzonti infiniti, in quanto, se viene emesso debito pubblico, «tenderanno ad adeguare i lasciti per mettere i propri eredi in condizione di far fronte all'onere del suo finanziamento».

Se viene meno una delle quattro condizioni precedenti, il debito può determinare effetti diversi dalla tassazione, con il conseguente aumento dei consumi, che, se nel breve periodo rafforza gli effetti espansivi della politica fiscale, nel lungo periodo può determinare effetti di riduzione dell'accumulazione e del tasso di crescita dell'economia.

Alcuni studiosi, del resto, hanno rilevato come non sempre la riduzione del tasso di accumulazione indotta dall'espansione del debito pubblico si traduce in una riduzione dell'efficienza paretiana. Essa può avere, infatti, effetti postivi, avvicinando il sistema economico alla situazione in cui è massimizzato il consumo pro capite. Nell'ipotesi di neutralità, il debito pubblico non pone problemi di sostenibilità. In questo caso, infatti, il problema consiste nell'individuare il limite della pressione fiscale che la collettività è disposta a tollerare. La stesse considerazioni valgono, anche accantonando l'ipotesi di neutralità, se si suppone che la pressione fiscale venga continuamente adeguata per far fronte alla crescita della spesa per interessi sul debito pubblico. Questa problema è stato affrontato da Domar, nell'ambito di un modello di crescita del reddito a tasso costante. Lo studioso ha rilevato che la convergenza nel lungo periodo del rapporto tra debito pubblico e reddito nazionale è assicurata proprio da questa regola di politica fiscale. L'onere del debito pubblico, inteso come pressione fiscale aggiuntiva per finanziare il servizio del prestito, è:
• direttamente proporzionale al tasso di interesse r e all'incidenza del disavanzo del bilancio pubblico sul prodotto nazionale a;
• inversamente proporzionale al tasso di crescita dell'economia g, secondo la formula O = ra/g.
Se si abbandona questa regola di politica fiscale per sostituirla con quella secondo cui ci si limita a mantenere costante l'incidenza rispetto al PIL del fabbisogno primario b, il rapporto tra spesa per interessi e reddito nazionale tende a rb/(g-r), se g>r e a infinito, e r 3= g. Nel primo caso la regola di politica fiscale non compromette in teoria la convergenza del rapporto tra debito pubblico e PIL a un valore finito, anche se può comportare effetti redistributivi di entità insostenibile. Nel secondo caso si è in presenza di una crescita alla lunga non sostenibile. Quindi, la regola di politica fiscale seguita non è responsabile.

Infine, è possibile ipotizzare che la crescita non sia costante. In questo caso una condizione necessaria per la sostenibilità è che venga rispettato dalle politiche della spesa e delle entrate il cd. vincolo di bilancio intertemporale. Esso consiste nell'uguaglianza tra il valore attuale delle imposte future e la somma tra il debito iniziale e il valore attuale delle spese pubbliche future. Questa condizione non è però sufficiente in quanto non esclude che:
a) il debito pubblico comporti una crescita della pressione fiscale e più in generale effetti redistributivi insostenibili;
b) nell'ipotesi di finanziamento monetario determini un'imposta da inflazione di entità non tollerabile;
c) implichi un accumulo di ricchezza finanziaria pro capite eccessiva in rapporto alle altre forme di impiego delle ricchezze;
d) determini un'indesiderata caduta dell'accumulazione e della crescita dell'economia. Come si deduce da queste considerazioni, il problema della sostenibilità è interconnesso con quello tradizionale dell'identificazione dell'onere del debito pubblico.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il debito pubblico in Italia: l'evoluzione storica e l'incidenza della spesa per interessi dagli anni '90 ad oggi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Azzolini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e legislazione d'impresa
  Relatore: Sergio Noto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia economica
debito pubblico
teorie economiche
evoluzione storica
tasso di interesse
spesa per interessi
storia debito italiano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi